Inondazione di San Felice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Inondazione di San Felice
270 Reimerswaal.JPG
Prospettiva aerea di Reimerswaal
TipoInondazione
Data5 novembre 1530
LuogoPaesi Bassi Paesi Bassi
Belgio Belgio
Coordinate51°30′N 4°03′E / 51.5°N 4.05°E51.5; 4.05Coordinate: 51°30′N 4°03′E / 51.5°N 4.05°E51.5; 4.05
Conseguenze
Mortipresumibilmente 100 000

L'inondazione di San Felice (in olandese Sint-Felixvloed), avvenuta il 5 novembre 1530, interessò le zone costiere del Mare del Nord in seguito ad una mareggiata che colpì le coste degli attuali Paesi Bassi e Belgio e, in particolare, della foce della Schelda. Prende il nome da San Felice di Valois, festeggiato il 5 novembre. L'inondazione causò l'allagamento di vasti territori e la morte di un numero stimato di 100 000 persone.

Le zone interessate furono le aree costiere delle Flandre e, soprattutto, della Zelanda nelle isole di Noord-Beveland, Zuid-Beveland e Schouwen-Duiveland. La regione a est di Yerseke, conosciuta col nome di Oost-Watering, fu completamente sommersa. La città di Reimerswaal, che si trovava a una quota leggermente superiore delle aree circostanti, si trovò circondata dalle acque in un isolotto e diciotto villaggi che la circondavano furono spazzati via dalla furia delle acque.

Alcuni territori rimasero per sempre sommersi e la ripresa dell'area fu lenta; il primo polder fu prosciugato nel Noord-Beveland quasi 70 anni dopo l'inondazione.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]