Indice di concentrazione di Gini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

In statistica, l'indice di concentrazione di Gini è un indicatore che offre una misura della concentrazione di variabili quantitative trasferibili.

Esempio[modifica | modifica wikitesto]

Esempio: il Reddito è una variabile trasferibile (da un elemento all'altro della popolazione), mentre la statura non è trasferibile. L'indice di Gini fornisce un metodo per quantificare la concentrazione del Reddito ed è così definito (viene direttamente riportata la formula del rapporto di concentrazione di Gini, ossia l'indice normalizzato):

dove sono le percentuali cumulate di (Reddito) e sono le percentuali cumulate di in caso di equidistribuzione.

Pertanto si ha:

e

dove gli sono i dati osservati e la sommatoria va fino alla -esima modalità di .

L'indice è già normalizzato, in quanto la sommatoria dei è il massimo dell'indice, dato che, in caso di distribuzione massimante (massima concentrazione): , per .

Il minimo invece è perché, in caso di minima concentrazione, e di conseguenza:

Formula rapida per il calcolo del rapporto di concentrazione di Gini[modifica | modifica wikitesto]

Questo perché:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]