Immagine coordinata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La locuzione immagine coordinata appartiene al mondo della comunicazione visiva. Ha come oggetto la comunicazione di aziende, società, enti, associazioni e qualsiasi altra entità commerciale, sociale o concettuale che abbia tra i suoi bisogni quello di essere conosciuta da un determinato pubblico[1][2].

Infografica-immagine-coordinata

In quanto immagine, si riferisce alla percezione che l'ambiente, inteso come gruppo di potenziali destinatari del messaggio, ha delle rappresentazioni visive dell'entità in questione. L'immagine diventa coordinata quando i differenti fenomeni comunicativi risultano coerenti l'uno con l'altro. Questa coerenza si riferisce tradizionalmente a elementi di comunicazione visiva quali, ad esempio, loghi, colori, caratteri tipografici, impaginazione e presentazione grafica dei documenti, impostazione della comunicazione commerciale e promozionale[3][4].

L'immagine coordinata è quindi il mezzo attraverso il quale, a prescindere dal numero, dalla complessità e dalle dimensioni di questi fenomeni comunicativi, l'immagine risultante è percepita all'esterno come proveniente dalla stessa entità. Questa coerenza semiotica rende più efficiente il processo comunicativo perché fornisce ai destinatari precisi punti di riferimento, ma soprattutto induce un processo di progressivo riconoscimento dell'azienda o del marchio (brand awareness[5][6]) e della sua attività con conseguenze positive sul suo successo.

Esempi importanti di immagine coordinata sono quella dell'AEG (Allgemeine Elektricitäts-Gesellschaft[7][8]), che chiama per progettarla Peter Behrens, membro autorevole del Deutscher Werkbund di formazione architetto[9][10], quella dell'Olivetti, che chiama alcuni dei più importanti artisti, architetti, designer italiani e stranieri per lavorare nell'ottica dell'"unità nella diversità", e quella della Lufthansa, progettata da Otl Aicher[11][12], appartenente alla scuola di Ulm.

Elementi costitutivi dell'immagine coordinata: galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mirko Pajè e Carlo Branzaglia, Video identity: l'immagine coordinata delle reti Mediaset, Cologno Monzese, RTI, 2007.
  • Stefano Caprioli e Pietro Corraini, Manuale di immagine non coordinata, Mantova, Edizioni Corraini, 2006, ISBN 88-7570-050-8.
  • Vanni Pasca e Dario Russo, Corporate image: un secolo d'immagine coordinata dall'AEG alla Nike, Milano, Lupetti, 2005, ISBN 88-8391-125-3.
  • Regione Emilia-Romagna (a cura di), Agenzia Amica: manuale applicativo Immagine Coordinata, Bologna, Regione Emilia-Romagna, 2004.
  • Camera di commercio industria artigianato e agricoltura di Torino (a cura di), L'ente chiaro e riconoscibile: la realizzazione dell'immagine istituzionale coordinata, Torino, Camera di commercio industria artigianato e agricoltura, 2004.
  • Andrea Rauch, L'immagine complessa. Segno, simbolo, forma, colore: analisi e progetto di immagini coordinate, Protagon Editori Toscani, 2001.
  • Pia Soli e Sergio Salaroli, Moda: l'immagine coordinata, corporate identity, Bologna, Zanichelli, 1990.
  • Giovanni Brunazzi, Immagine coordinata 1: lo studio della progettazione grafica delle comunicazioni visive coordinate, Torino, Forma, 1984.
  • Giovanni Brunazzi, Immagine coordinata 2: lo studio dell'immagine aziendale attraverso le comunicazioni visive coordinate, Milano, A. Ghiorzo, 1990.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Immagine coordinata. Definizione e cosa comprende, su www.giallonote.it. URL consultato il 23 luglio 2022.
  2. ^ Lorenzo Miglietta, Come progettare gli elementi di un'immagine coordinata, su Grafigata!, 17 maggio 2018. URL consultato il 23 luglio 2022.
  3. ^ Team WillBe, Cos’è l’immagine coordinata e perché è importante avere una visual identity efficace?, su WillBe | Brand Digital Design. URL consultato il 23 luglio 2022.
  4. ^ Elena Baglietti, Immagine coordinata aziendale: definiamo gli elementi fondamentali, su blog.insidecomunicazione.it. URL consultato il 23 luglio 2022.
  5. ^ utente14, Brand awareness: cos’è e perché è fondamentale per le aziende, su StampaSi Blog, 17 aprile 2022. URL consultato il 23 luglio 2022.
  6. ^ Brand awareness: che cos’è, come misurarla e come aumentarla, su Digital4, 12 luglio 2022. URL consultato il 23 luglio 2022.
  7. ^ misstypo.files.wordpress.com (PDF).
  8. ^ (EN) Neapolis - Identità visiva Parco Archeologico Neapolis Siracusa by Chiara Ezechia - Issuu, su issuu.com. URL consultato il 23 luglio 2022.
  9. ^ Roberto Maiolino, Corporate identity: L'importanza dell'immagine coordinata, su BloGrafik, 20 novembre 2017. URL consultato il 23 luglio 2022.
  10. ^ (EN) Giulia Dominici, Corporate identity: la riorganizzazione del visibile, su Medium, 13 marzo 2017. URL consultato il 23 luglio 2022.
  11. ^ Lufthansa – Otl Aicher, su rachelemarchese.it. URL consultato il 23 luglio 2022.
  12. ^ (EN) Otl Aicher Tribute / Monography by Tommaso Russo - Issuu, su issuu.com. URL consultato il 23 luglio 2022.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 37001 · LCCN (ENsh85032900 · BNF (FRcb11983326r (data) · J9U (ENHE987007565201105171
  Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia