Idropulitrice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Idropulitrice usata per pulire una piazza

L'idropulitrice è un macchina che, grazie ad un getto d'acqua ad elevata pressione, rimuove sporco ed incrostazioni da qualsiasi superficie solida.

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

L'idropulitrice può essere alimentata con corrente elettrica o con combustibile liquido (benzina o gasolio), come fluido di pulizia impiega l'acqua che grazie all'elevata pressione d'impatto sulla superficie funge da mezzo meccanico di rimozione dello sporco. Essa è normalmente costituita di:

  • Pompa dell'acqua ad alta pressione;
  • motore elettrico, che può essere anche un motore endotermico;
  • tubo per acqua ad alta pressione che sopporta pressioni fino a 300 bar;
  • lancia con ugello.

Esistono diversi tipi di idropulitrici, alcune offrono la possibilità di essere alimentate con acqua calda, altre, dotate di riscaldatore a bordo permettono in riscaldamento dell'acqua (anche fino allo stadio vapore). Molte permettono l'utilizzo di uno o più prodotti chimici. Esistono inoltre idropulitrici dotate di un sistema automatico di recupero delle acque contaminate, di trattamento delle stesse e di riutilizzo per le successive operazioni di lavaggio.

Principio di funzionamento[modifica | modifica wikitesto]

Il motore fa girare una pompa ad alta pressione la quale, per mezzo di pistoni in ceramica o acciaio, mette in pressione l'acqua. Un'apposita valvola di regolazione, consente di regolare la quantità d'acqua che si intende far riciclare in testata, in questo modo è possibile variare il rapporto pressione / portata dell'acqua in uscita (tuttavia è buona norma non far riciclare acqua, in quanto la stessa aumentando di temperatura tende ad usurare la parti interne del gruppo pompante).

L'acqua in pressione può essere scaldata attraverso la serpentina di una caldaia montata a bordo macchina.

L'acqua ad alta pressione percorre tutto il tubo, quindi attraversa pistola e lancia per fuoriuscire da un ugello con foro calibrato in base alla pressione di lavoro ed alla portata dell'acqua.

Ad esempio un ugello 4055 offrirà un getto con apertura a ventaglio di 40°, il passaggio di 1800 l/h ed una pressione d'esercizio pari a 180 bar.

Uso[modifica | modifica wikitesto]

L'idropulitrice consente di lavorare con un alto rendimento in quanto, a seconda della potenza del motore, è possibile creare un getto d'acqua estremamente potente e concentrato su una piccola superficie, che, a seconda del tipo di ugello montato, può essere un getto puntiforme, usato anche per tagliare la pietra o a ventaglio usato generalmente per la pulizia e la rimozione di incrostazioni, utilizzando appropriati accessori permettono le operazioni di sabbiatura ad acqua e la schiumatura.

Sul mercato si possono trovare idropulitrici di diverse fasce di prezzo e quindi diverse caratteristiche; le portate in acqua possono variare da 4 a oltre 100 litri minuti (l/min), le pressioni più comuni oscillano da 80 bar ad oltre 200 bar (nel contesto pulizia).

Pericoli[modifica | modifica wikitesto]

La potenza della idropulitrice genera un potenziale pericolo per l'operatore e per l'ambiente circostante se usata senza le dovute precauzioni. In particolare: spesso le acque utilizzate per le operazioni di pulizia risultano essere contaminate dagli stessi agenti inquinanti che sono stati rimossi dalle superfici trattate. Secondo quanto disposto dalle attuali normative di carattere ambientale comunitarie, l'utilizzo delle idropulitrici in campo professionale è regolamentato e prevede che tutte le acque debbano essere raccolte tramite griglie e pozzetti di raccolta e debbano essere o smaltite come rifiuto speciale o trattate prima della immissione in fogna, in acque superficiali o a mare.[senza fonte]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

scienza e tecnica Portale Scienza e tecnica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di scienza e tecnica