Hawaii (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hawaii
Hawaii (film 1966).png
Max von Sydow, Jocelyne LaGarde e Julie Andrews in una scena del film
Titolo originaleHawaii
Lingua originaleinglese e hawaiiano
Paese di produzioneUSA
Anno1966
Durata189 min (Italia: 161 min circa)
Generedrammatico
RegiaGeorge Roy Hill
SoggettoJames Michener
SceneggiaturaDalton Trumbo e Daniel Taradash
Casa di produzioneMirish
Distribuzione (Italia)DEAR
FotografiaRussell Harlan
MontaggioStuart Gilmore
MusicheElmer Bernstein
ScenografiaCary Odell, James W. Sullivan, Raymond Boltz Jr. e Edward G. Boyle
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Hawaii è un film del 1966 diretto da George Roy Hill.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Keoki, giovane principe hawaiano, dopo aver compiuto studi teologici presso una scuola del Massachusetts, nel 1820 domanda ed ottiene dalla Comunità l'invio di missionari nelle sue isole. Alla spedizione, dopo aver sposato Jerusha, prende parte il reverendo Abner Hale che si ferma presso la tribù di Keoki, dove viene accolto con entusiasmo dalla regina Malama. Ma il suo zelo e l'austero tipo di religione che propone gli fanno incontrare notevoli difficoltà. Ciononostante, Abner ottiene una legge in favore dell'infanzia disgraziata e riesce lentamente a far breccia. Anche per le giovani ottiene leggi che le proteggano dai marinai stranieri che fanno sosta al porto. Deve però sostenere diverse battaglie, come quando i marinai inferociti gli bruciano la chiesa, e trova il suo maggiore ostacolo nelle pagane usanze del luogo. Quando finalmente sembra che anche la morente Malama accetti la morale cristiana e che l'intera tribù sia incamminata verso la luce di Cristo, Abner viene rimosso. Ormai solo ed anche fisicamente abbattuto, siede sconsolato accanto alla tomba della moglie, quando un giovane hawaiano, da lui salvato tanti anni prima da sicura morte, compare accanto a lui e chiede di aiutarlo nell'evangelizzare i suoi compatrioti.

Versione italiana[modifica | modifica wikitesto]

La versione italiana del film è ridotta a 161 minuti, rispetto ai 189 dell'originale. Nel doppiaggio alcuni nomi sono italianizzati per lasciar comprendere la loro derivazione religiosa: così la protagonista diventa Ierusa (traduzione classica del nome biblico Jerusha) ed anche le sue sorelle (Charity e Mercy) vedono i loro nomi adattati nella nostra lingua (la prima viene quindi a chiamarsi Carità). Il primogenito della coppia protagonista, al contrario, si chiama Micah, nome che sulla nostra Bibbia viene tradotto con Michea, ma nell'edizione italiana del film si opta per un più familiare (ma altrettanto banale e poco opportuno) Michael. Sempre sul piano del doppiaggio, si segnala la peculiarità -riportata anche nel box sulla destra- del doppio ruolo affidato a Serena Verdirosi, un dettaglio piuttosto interessante che ritroviamo anche ne L'erba del vicino è sempre più verde (tre ruoli) e Il laureato (due ruoli). In Hawaii la Verdirosi doppia Carità Bromley nella parte ambientata nel New England, mentre sulle Hawaii diventa la giovane indigena Iliki. Alle due ragazzine sono affidate pochissime frasi e intercorrono molti minuti tra l'ultima battuta di Carità e la prima di Iliki: per questo la presenza della medesima doppiatrice su due personaggi differenti passa del tutto inosservata e non compromette l'ottima qualità del doppiaggio. L'unica pecca della versione italiana è l'inevitabile alternanza tra il parlato italiano e il parlato hawaiano lasciato con la voce degli attori originali.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema