Gravina (vino)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Orecchiette con cime di rape

Gravina
Dettagli
StatoItalia Italia
Resa (uva/ettaro)150 q
Resa massima dell'uva70,0%
Titolo alcolometrico
naturale dell'uva
10,5%
Titolo alcolometrico
minimo del vino
11,0%
Estratto secco
netto minimo
17,0‰
Riconoscimento
TipoDOC
Istituito con
decreto del
04/06/1983  
Gazzetta Ufficiale del24/01/1984,
n 23
Vitigni con cui è consentito produrlo
[senza fonte]

Il Gravina è un vino DOC la cui produzione è consentita nella città metropolitana di Bari. In special modo nella città di Gravina in Puglia.

Caratteristiche organolettiche[modifica | modifica wikitesto]

  • colore: paglierino tendente al verdolino.
  • odore: caratteristico, gradevole.
  • sapore: secco o amabile, fresco, sapido, armonico, delicato, talvolta un po' vivace.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

In un manoscritto del 1871 oggi custodito nel museo della Fondazione Pomarici Santomasi a Gravina in Puglia, si magnificavano le qualità di un vino spumante che avrebbe potuto far concorrenza ai vini di Francia. Questo vino era chiamato Verdeca di Gravina, non per l'utilizzo dell'omonimo vitigno, bensì per i suoi marcati riflessi verdognoli.

Era un vino famoso in tutto il circondario. Veniva spumantizzato in maniera quasi inconsapevole mediante la rifermentazione in contenitori sigillati delle varietà locali, Greco, Malvasia e Bianco di Alessano, che in virtù delle basse temperature delle cantine ipogee scavate nel tufo, manteneva un buon residuo zuccherino risultando mosso e delicatamente piacevole al palato.

Abbinamenti consigliati[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Provincia, stagione, volume in ettolitri

Alcolici Portale Alcolici: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di alcolici