Grande dizionario italiano dell'uso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Grande dizionario italiano dell'uso (Gradit, o GDIU) è un dizionario d'italiano dell'uso curato da Tullio De Mauro, già curatore del Dizionario della lingua italiana per il terzo millennio De Mauro, di cui è considerata l'opera maggiore.

Con approssimativamente 270 000 vocaboli in sei volumi più due supplementi (2003 e 2008) è il più esauriente lemmario della lingua italiana dell'uso corrente, cui si accosta il Grande dizionario della lingua italiana di Salvatore Battaglia per l'aspetto diacronico.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicato nel 1999, il dizionario insiste particolarmente sull'uso di ogni vocabolo, di cui si ha, quando possibile, la prima data di attestazione e la fonte.

I lemmi sono divisi in tre categorie principali, in base al loro uso:

  • parole di massima frequenza (FO), che corrispondo alle 2000 che compongono il vocabolario di base
  • parole ad alto uso (AU), che sono circa 2750
  • parole ad alta disponibilità (AD), corrispondenti a circa 2300, le quali sono quelle meno utilizzate nell'uso, ma sono a diretto contatto con l'esperienza di ogni singola persona; perciò di facile comprensione

Altre distinzioni:

  • comuni (CO)
  • d'uso tecnico-specialistico (TS)
  • d'uso letterario (LE)
  • straniere non adattate (ES = esotismi)
  • d'uso regionale (RE)
  • dialettali (DI)
  • basso uso (BU)
  • obsolete (OB)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]