Governo Janev

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Governo Janev
YanevGovernment.png
StatoBulgaria Bulgaria
Capo del governoStefan Janev
(indipendente)
Legislatura45ª, 46ª
Giuramento12 maggio 2021
Left arrow.svg Governo Borisov III

Il Governo Janev è il novantaquattresimo governo della Bulgaria. Il governo nasce come esecutivo ad interim per guidare il paese dopo le elezioni svolte il 4 aprile 2021.

Contesto precedente[modifica | modifica wikitesto]

A seguito delle elezioni dell’aprile 2021, in Bulgaria si aprì una forte crisi politica determinata dall’impossibilità delle forze politiche di trovare una maggioranza di governo. Le elezioni, infatti, seppur vinte dall'allora presidente in carica (Bojko Borisov di GERB) con l'assegnazione di 75 seggi su 240 al suo partito, non hanno permesso di produrre una maggioranza di governo, in quanto i seggi ottenuti dai partiti erano insufficienti e lontani dai 121 necessari per la formazione un nuovo esecutivo monocolore o senza coalizione. Nonostante un'estenuante mese passato fra tavoli e trattative, tra le forze politiche non si riuscì a trovare un accordo per la formazione di un nuovo Governo e così, vista la crisi politica in atto, il 12 maggio 2021 il Presidente della Bulgaria Rumen Radev nomina come capo del governo ad interim il militare Stefan Janev, che presentò la lista dei ministri e giurò il giorno stesso. Allo stesso tempo si decise che le elezioni politiche si sarebbero tenute in data 11 luglio 2021.

A seguito della seconda tornata elettorale in poco più di tre mesi, i risultati emersi furono nuovamente dichiarati inconcludenti. Questa volta, infatti, il partito GERB perse due seggi a favore di un altro partito (ITN di Slavi Trifonov) ma, in ogni caso, i seggi che quest’ultimo partito aveva guadagnato non riuscirono nuovamente a permettere la formazione di un governo: Il leader del partito ITN, infatti, aveva tentato di formare una coalizione ma, a seguito di un fallimento, decise di fermare anche ogni tentativo di un governo di minoranza, e il mandato esplorativo fu così assegnato via via agli altri leader delle fazioni presenti in parlamento, fra cui Korneliya Ninova (BSP), ma senza risultati.

Visti i risultati, il Presidente della Bulgaria Rumen Radev è stato costretto a riconfermare Janev come primo ministro ad interim e ad indire ancora nuove elezioni, le terze quest’anno, il 14 novembre 2021, in concomitanza con le elezioni presidenziali.