Gianpaolo Bellini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gianpaolo Bellini
Gianpaolo Bellini 01.JPG
Bellini con la maglia dell'Atalanta nel 2016.
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 77 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 8 maggio 2016 - giocatore
Carriera
Giovanili
1986-1998Atalanta
Squadre di club1
1998-2016Atalanta396 (9)[1]
Nazionale
2000-2002Italia Italia U-2115 (0)
Carriera da allenatore
2017-AtalantaVice Primavera
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Bronzo Svizzera 2002
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate all'8 maggio 2016

Gianpaolo Bellini (Sarnico, 27 marzo 1980) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso della sua carriera ha sempre militato nell'Atalanta, della quale è divenuto capitano e bandiera[2]. Con la maglia nerazzurra è il calciatore che ha collezionato più presenze in campionato (396), in gare ufficiali (435) ed in partite di serie A (281), quest'ultimo primato condiviso con Stefano Angeleri.

Il 22 maggio 2014 si è sposato con Cristina Seghezzi nella sua città natale.[3] Successivamente dal matrimonio sono anche nati due figli[4].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Era un terzino sinistro che in carriera ha giocato anche a destra[5] e nella posizione di centrale.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Nell'Atalanta svolge tutta la trafila delle giovanili fin dalla categoria Pulcini, vincendo anche un Campionato Primavera nella stagione 1997-1998[6]. Esordisce in prima squadra l'11 aprile 1999, in Serie B, nel corso dell'incontro Atalanta - Verona (3-2). In totale sono 4 le presenze disputate in quell'annata. Il 15 settembre seguente realizza la prima rete, nel 3-0 in Coppa Italia alla Pistoiese.[7] L'esordio in Serie A risale al 1º ottobre 2000 nella partita Atalanta-Lazio (2-2)[8]. Nella stagione 2000-2001 il mister Vavassori continuò a dargli fiducia, facendogli disputare parecchie partite da titolare. Quell'anno segna 2 gol, entrambi in Coppa Italia ed entrambi alla Roma. Il primo all'andata allo Stadio Olimpico rispondendo alla precedente marcatura di Vincenzo Montella e portando il risultato sul 1-1; il secondo al ritorno, nella vittoriosa partita per 4-2 che è valsa la qualificazione ai quarti di finale[9][10].

La stagione seguente parte stabilmente da titolare dopo che l'allora terzino sinistro della squadra, Luciano Zauri, venne dirottato a destra. Il giocatore totalizza 20 presenze in una stagione costellata da infortuni. La stagione 2002-2003 fu la replica di quella precedente, con il giocatore vittima di numerosi infortuni che non gli consentono di scendere in campo con regolarità. Il primo gol in campionato arriva la stagione seguente, in Serie B, il 17 aprile 2004 nella partita vinta dall'Atalanta contro il Catania (3-0)[11]. Si ripete appena 13 giorni dopo, segnando il gol del momentaneo 1-0 contro il Vicenza (3-2). Nelle stagioni seguenti diventa insostituibile per qualsiasi allenatore sieda sulla panchina bergamasca, giocando stabilmente da titolare come terzino sinistro.

Nell'estate 2008 è accusato, insieme a 4 calciatori del Livorno, di aver combinato illecitamente la gara del 23 dicembre 2007.[12] Le accuse non portano ad una sentenza, complice anche la mancanza di prove[13]. Nella stagione 2008-2009 disputa 34 partite (suo record personale nell'arco di una stagione) contribuendo alla salvezza degli orobici.

La stagione seguente segna la prima rete ufficiale dell'Atalanta in campionato alla quarta giornata, nella sconfitta di Bari (1-4) che è costata la panchina al nuovo allenatore Angelo Gregucci.[14] A fine stagione la squadra retrocede. Il 26 luglio 2010 rinnova il contratto con la società nerazzurra fino al 30 giugno 2013 con un'opzione anche per l'anno successivo[15]. Il 5 settembre 2010, nella partita interna contro il Frosinone, Bellini diventa il giocatore con il maggior numero di presenze in gare ufficiali con la maglia dell'Atalanta[16]. Il 19 febbraio successivo, supera anche Stefano Angeleri come numero di presenze in campionato diventando così il giocatore più presente nell'Atalanta di tutti i tempi. Conclude la sua tredicesima stagione in nerazzurro con 34 presenze (33 in campionato ed 1 in Coppa Italia) e, per la seconda volta nella sua carriera, con la vittoria del campionato cadetto. Nella stagione successiva gioca 20 partite e segna il suo quinto gol in carriera in Serie A nella partita vinta per 3-1 contro il Napoli, giocata l'11 aprile 2012[17].

Il 16 marzo 2014 scende in campo contro la Sampdoria subentrando a Cristiano Del Grosso per la sua 400ª presenza in maglia atalantina.[18] Al termine della stagione 2014-2015 conta 264 presenze in A con il club, preceduto soltanto da Angeleri (fermo a 281) nella particolare graduatoria.[19]

L'anno seguente si avvicina ulteriormente al primato, annunciando anche l'intenzione di ritirarsi al termine del campionato.[20][21]

L'8 maggio 2016 nell'ultima partita casalinga della stagione segna il gol del definitivo 1-1 contro l'Udinese trasformando un calcio di rigore; si tratta del suo primo gol stagionale, il primo in assoluto su rigore ed il sesto in 279 presenze complessive di Serie A (281 con lo spareggio raggiungendo così Stefano Angeleri) con l'Atalanta (il primo a Bergamo).[22][23]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 agosto 2000 debuttò con la nazionale Under-21 nella partita Italia-Messico.

Conta 15 presenze nell'Under-21 azzurra, con cui ha preso parte all'Europeo 2002 svoltosi in Svizzera, giocando da titolare le tre partite del girone contro Portogallo, Inghilterra e Svizzera. Squalificato per somma di ammonizioni, non disputò la semifinale contro la Repubblica Ceca, fatale agli Azzurrini.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 2017-2018 lavora come vice di Massimo Brambilla nella Primavera dell'Atalanta[24].

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 febbraio 2017 inizia il corso da direttore sportivo a Coverciano, ottenendo il 22 maggio seguente l'abilitazione ed anche una borsa di studio alla luce del risultato della prova finale[25].

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate all'8 maggio 2016.

Stagione Squadra Campionato Coppa nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1998-1999 Italia Atalanta B 4 0 CI 0 0 - - - - - - 4 0
1999-2000 B 20 0 CI 7 1 - - - - - - 27 1
2000-2001 A 23 0 CI 6 2 - - - - - - 29 2
2001-2002 A 20 0 CI 2 0 - - - - - - 22 0
2002-2003 A 19+2[26] 0 CI 1 0 - - - - - - 22 0
2003-2004 B 30 2 CI 0 0 - - - - - - 30 2
2004-2005 A 29 0 CI 8 0 - - - - - - 37 0
2005-2006 B 30 1 CI 5 0 - - - - - - 35 1
2006-2007 A 32 1 CI 0 0 - - - - - - 32 1
2007-2008 A 23 2 CI 1 0 - - - - - - 24 2
2008-2009 A 34 0 CI 2 0 - - - - - - 36 0
2009-2010 A 29 1 CI 1 0 - - - - - - 30 1
2010-2011 B 33 0 CI 1 0 - - - - - - 34 0
2011-2012 A 20 1 CI 0 0 - - - - - - 20 1
2012-2013 A 11 0 CI 1 0 - - - - - - 12 0
2013-2014 A 9 0 CI 0 0 - - - - - - 9 0
2014-2015 A 15 0 CI 2 0 - - - - - - 17 0
2015-2016 A 15 1 CI 0 0 - - - - - - 15 1
Totale carriera 396+2 9 37 3 - - - - 435 12

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Atalanta: 1997-1998
Atalanta: 1997

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Atalanta: 2005-2006, 2010-2011

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 398 (9) considerando lo spareggio-salvezza con la Reggina del 2003.
  2. ^ Bellini: I miei 20 anni da antidivo con l'Atalanta"[collegamento interrotto], Algeri.net.
  3. ^ Atalanta. Bellini si sposa e invita Doni e il "Bocia": l'imbarazzo della società (gazzetta.it), 22 maggio 2014.
  4. ^ [1] Bergamopost.it
  5. ^ Atalanta, Diamanti ritorna in gruppo. Differenziato per Bellini e Carmona (gazzetta.it), 29 marzo 2016.
  6. ^ Atalanta e Roma a Bari si giocano lo scudetto, in La Gazzetta dello Sport, 8 giugno 1998.
  7. ^ Servizio di Rai Sport del 16 settembre 1999, su www2.raisport.rai.it. URL consultato il 7 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  8. ^ Atalanta bella e grintosa Per la Lazio pari sudato (repubblica.it), 1º ottobre 2000.
  9. ^ AA.VV., La Roma si ferma ai pali, in La Gazzetta dello Sport, 18 settembre 2000.
  10. ^ Gaetano Imparato, La Roma è già nel caos, in La Gazzetta dello Sport, 25 settembre 2000.
  11. ^ Jacopo Manfredi, Il Palermo crolla in casa col Treviso e si fa riprendere da Atalanta e Messina (repubblica.it), 18 aprile 2004.
  12. ^ Calcio, presunta combine Deferite Atalanta e Livorno (repubblica.it), 4 luglio 2008.
  13. ^ Combine Atalanta-Livorno Pagano Balleri e i toscani (gazzetta.it), 24 luglio 2008.
  14. ^ La squadra ha deciso : si cambia[collegamento interrotto], atalantini.com, 20 settembre 2009.
  15. ^ CONTRATTI BELLINI E MANFREDINI:ACCORDO RAGGIUNTO, atalanta.it, 26 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 28 luglio 2012).
  16. ^ Gianpaolo Bellini nella storia dell'Atalanta[collegamento interrotto], atalanta.it, 5 settembre 2010.
  17. ^ Referto Archiviato il 20 aprile 2012 in Internet Archive.
  18. ^ Guglielmo Longhi, Atalanta-Sampdoria 3-0. Gol di Carmona, Bonaventura e Denis (gazzetta.it), 16 marzo 2014.
  19. ^ Almanacco Illustrato del Calcio 2016, Modena, Panini Editore, 2015, p. 55.
  20. ^ Atalanta: Bellini si ritira. Ecco le sue parole (CalcioGazzetta.it), 17 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2016).
  21. ^ Bellini da record: gli manca tanto così (Calcionews24.com), 17 aprile 2016.
  22. ^ Redazione Goal Italia, Atalanta, Bellini saluta con goal: è il sesto in 279 presenze in Serie A, su Goal.com, 8 maggio 2016. URL consultato l'8 maggio 2016.
  23. ^ Atalanta, i tifosi tributano saluto Bellini. Coreografia in tribuna con il numero 6, su gazzetta.it, 8 maggio 2016. URL consultato il 9 maggio 2016.
  24. ^ Staff tecnico Primavera Atalanta 2017-2018, su atalanta.it.
  25. ^ UFFICIALIZZATI I NUOVI DIRETTORI SPORTIVI
  26. ^ Spareggio salvezza.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]