Georg Marcell Haack

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Georg Marcell Haack (Bopfingen, 22 giugno 1652Bopfingen, 1719) è stato un pittore tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Georg Marcell Haack, noto anche come Georg Marcel Haag, è conosciuto soprattutto come ritrattista e come pittore di scene storiche. Secondo il Bénézit anche alcuni ritratti conservati all'Università di Varsavia e firmati Haake potrebbero essere suoi.[1]

Suo padre Daniel era pastore della chiesa evangelica di Bopfingen, in cui si conserva tuttora il suo ritratto eseguito dal figlio. L'incisore And. Matth. Wolffgang (1660-1736), attivo in Augusta, trasse un'incisione da questo ritratto nell'anno 1700.

Georg Haack studiò nel ginnasio di Augusta (Augsburg), dove nel 1669 entrò nella bottega del pittore e acquafortista Johann Heinrich Schönfeld. Nel 1674 si recò a Venezia, dove fu influenzato da Veronese e poi a Roma dove apprezzò i quadri di Correggio.

Ritornò in Germania dopo una decina d'anni; secondo Bénézit sin dal 1682. Nel 1688 viveva a Nördlingen, dove un suo fratello, Johann Daniel, era "Superintendent"[2], e negli anni successivi visse e operò alternativamente in questa città e a Bopfingen. A Nördlingen dipinse una pala nella chiesa evangelica di St. Georg, in cui Maria unge i piedi di Cristo, e diversi ritratti commemorativi di personalità locali scomparse (borgomastri, pastori, ecc.).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Emmanuel Bénézit, Dictionnaire critique et documentaire des peintres, sculpteurs, dessinateurs et graveurs de tous les temps et de tous les pays, ISBN 2700001583
  2. ^ Auszug aus dem Bopfinger Heimatbuch, 1971, p.182.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Schwäbisches Archiv, XXVIII (1910), pp.137-139.
  • Auszug aus dem Bopfinger Heimatbuch, 1971, p.182.
  • François Brulliot, Dictionnaire des Monogrammes, Marques Figurées, Lettres Initiales, Noms Abrégés, etc. avec lequels les Peintres, Dessinateurs, Graveurs et Sculpteurs ont designé leur noms, Munich 1832, p. 273.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]