Francesco Rocca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Rocca
AS Roma - Francesco Rocca.jpg
Rocca alla Roma negli anni 1970
Nazionalità Italia Italia
Altezza 179 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex Difensore)
Ritirato 1981 - giocatore
Carriera
Giovanili
1970-1972 Nero e Bianco (Strisce).png Genazzano
1972 Giallo e Rosso.svg Bettini-Cinecittà
Squadre di club1
1972-1981 Roma 141 (0)
Nazionale
1974-1976 Italia Italia 18 (1)
Carriera da allenatore
1988 Italia Italia olimpica
1995-1997 Italia Italia U-18
1996-1998 Italia Italia U-17
2000-2004 Italia Italia U-20
2004-2006 Italia Italia U-17
2006-2008 Italia Italia U-18
2006-2008 Italia Italia U-19
2008-2011 Italia Italia U-20
2008-2011 Italia Italia U-15
2011-2014 Italia Italia U-16
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-19
Argento Repubblica Ceca 2008
Gold medal mediterranean.svg Giochi del Mediterraneo
Argento Tunisi 2001
Argento Pescara 2009
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 27 maggio 2013

Francesco Rocca, detto Kawasaki (San Vito Romano, 2 agosto 1954), è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, osservatore della Nazionale italiana.

Giocatore della Roma dal 1972 al 1981, in maglia giallorossa ha collezionato 141 presenze in campionato, 22 in Coppa Italia, con due reti all'attivo, e 6 in Coppa UEFA. Con la Nazionale maggiore ha giocato per 18 volte, mettendo a segno una rete.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Un giovane Rocca (accosciato, primo da sinistra) nella "Primavera" della Roma nel 1974

Figlio di un idraulico e di una casalinga, Rocca iniziò la sua esperienza di calciatore nella parrocchia di Don Marcello Schiavella, parroco del suo paese, San Vito Romano. Passò poi all'Audace Genazzano, percorrendo ogni giorno a piedi la distanza, pari a 6 chilometri, che separava il suo paese da dove si allenava a Genazzano, e successivamente al Bettini Quadraro. Il ragazzo piacque subito alla A.S. Roma, che lo acquistò anche per le pressioni dell'allenatore di allora, il "Mago" Helenio Herrera. Debuttò con la Roma nel 1972, nel torneo Anglo-Italiano. Fu un terzino in grado di difendere ma anche di offendere, piacque subito anche al commissario tecnico della nazionale Fulvio Bernardini e successivamente a Enzo Bearzot.

Il giocatore subì molti infortuni nel corso della sua breve carriera. Il suo fu un vero e proprio calvario agonistico, che iniziò con il cedimento dei legamenti del ginocchio nell'ottobre 1976. Subì infatti un primo infortunio al ginocchio durante la partita interna di campionato contro il Cesena, ma non rinunciò alla convocazione in Nazionale per un incontro di qualificazioni ai mondiali in casa del Lussemburgo del 16 ottobre, che disputò per intero peggiorando la situazione. Al primo allenamento dopo il rientro in Italia i legamenti del ginocchio cedettero.

Rocca in Nazionale nel 1975, in contrasto sul polacco Lato.

Dopo l'infortunio torna in campo il 17 aprile 1977 contro il Perugia, ma i problemi non sono finiti: nuovamente operato a settembre 1977 salta l'intera annata 1977-1978. Rientrato nella stagione successiva, riuscì a scendere in campo con una certa continuità per due stagioni (17 presenze nel 1978-1979, 20 nel 1979-1980). Nella stagione 1980-81 i problemi fisici (una sciatalgia ricorrente, derivata dall'infortunio) lo costrinsero a sole 6 presenze in campionato e al ritiro a fine stagione. Aveva subito cinque interventi al ginocchio. Il suo addio al calcio, a 26 anni, avvenne in Roma-Internacional Porto Alegre, amichevole in cui giocò 19 minuti.

Il 20 settembre 2012 è stato tra i primi 11 giocatori a essere inserito nella hall of fame ufficiale della Roma[1]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Rocca è diventato un tecnico della Federazione, e dopo aver allenato diverse rappresentative, tra cui la Nazionale Olimpica, dal 2006 guida le nazionali Under-18 e Under-19, con la quale conquista una medaglia d'argento all'Europeo 2008.

Nel 2008 diventa il tecnico della Nazionale Under-20, l'anno successivo guida gli azzurrini al Mondiale Under-20. Il 25 luglio 2011 gli subentra Luigi Di Biagio; nella stessa data diventa osservatore della Nazionale A.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
28-9-1974 Zagabria Jugoslavia Jugoslavia 1 – 0 Italia Italia Amichevole -
20-11-1974 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 3 – 1 Italia Italia Qual. Euro 1976 -
29-12-1974 Genova Italia Italia 0 – 0 Bulgaria Bulgaria Amichevole -
19-4-1975 Roma Italia Italia 0 – 0 Polonia Polonia Qual. Euro 1976 -
5-6-1975 Helsinki Finlandia Finlandia 0 – 1 Italia Italia Qual. Euro 1976 -
8-6-1975 Mosca URSS URSS 1 – 0 Italia Italia Amichevole -
27-9-1975 Roma Italia Italia 0 – 0 Finlandia Finlandia Qual. Euro 1976 -
26-10-1975 Varsavia Polonia Polonia 0 – 0 Italia Italia Qual. Euro 1976 -
22-11-1975 Roma Italia Italia 1 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 1976 -
30-12-1975 Firenze Italia Italia 3 – 2 Grecia Grecia Amichevole -
7-4-1976 Torino Italia Italia 3 – 1 Portogallo Portogallo Amichevole -
23-5-1976 Washington Stati Uniti Stati Uniti 0 – 4 Italia Italia Torneo del Bicentenario 1
28-5-1976 New York Inghilterra Inghilterra 3 – 2 Italia Italia Torneo del Bicentenario -
31-5-1976 New Haven Brasile Brasile 4 – 1 Italia Italia Torneo del Bicentenario -
5-6-1976 Milano Italia Italia 4 – 2 Romania Romania Amichevole -
22-9-1976 Copenaghen Danimarca Danimarca 0 – 1 Italia Italia Amichevole -
25-9-1976 Roma Italia Italia 3 – 0 Jugoslavia Jugoslavia Amichevole -
16-10-1976 Lussemburgo Lussemburgo Lussemburgo 1 – 4 Italia Italia Qual. Mondiali 1978 -
Totale Presenze 18 Reti 1

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Roma: 1979-1980, 1980-81

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

2008
2001 e 2009

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 30 settembre 1991. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[2]
Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 12 luglio 2000. Di iniziativa del Presidente della Repubblica Italiana.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Hall of Fame: gli undici eletti della Classe 2012, su asroma.it. URL consultato il 20 settembre 2012.
  2. ^ Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana Rag. Francesco Rocca, su quirinale.it. URL consultato il 7 aprile 2011.
  3. ^ Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Francesco Rocca, su quirinale.it. URL consultato il 7 aprile 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN90318241 · SBN: IT\ICCU\RMSV\476007