Filigrana (codicologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nello studio dei manoscritti e degli antichi testi a stampa, la filigrana è il marchio di fabbrica della cartiera che ha prodotto un determinato foglio di carta. Essa rappresenta un riferimento importante per la datazione e la localizzazione della carta, e quindi (sebbene non si possano stabilire rapporti di assoluta necessità) per la ricostruzione della storia dei codici manoscritti o a stampa. Il termine che si utilizza in italiano deriva dalla tecnica di lavorazione della filigrana, dal momento che il marchio veniva impresso utilizzando, appunto, dei sottili fili di metallo lavorati "a filigrana". Lo studio di questi marchi è il campo di competenza di una scienza ausiliaria alla filologia, denominata "filigranologia".

La filigrana, ricavata inserendo un marchio lavorato nella forma contenente la pasta di stracci, salvo alcune eccezioni non era collocata nel mezzo della forma ma al centro di una delle sue metà. Stando a questa regola generale si ha che nel caso di un formato in-folio la filigrana è collocata al centro di una delle due carte del fascicolo, in un formato in-quarto la filigrana è posta al centro lungo la linea di cucitura dei fascicoli mentre in un formato in-ottavo la filigrana si trova ancora lungo la linea di cucitura ma nell'angolo superiore o inferiore a seconda dell'orientamento dei fascicoli.

L'uso della filigrana, probabilmente originato dal marchio lasciato incidentalmente dalla torsione di un'asticella della forma e chiamato pertanto segno, si sviluppa in Italia alla fine del XIII secolo ed è attribuito alla produzione delle cartiere fabrianesi; questi vennero studiati e catalogati tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo dai fratelli filigranologi Aurelio ed Augusto Zonghi. Il più antico testimone di carta filigranata risale al 1282.

Nel XVI secolo si diffonde l'uso di segnare con una contromarca la metà del foglio in cui non è presente la filigrana. La contromarca è di norma una filigrana assai semplice indicante le iniziali del fabbricante della carta; nel tempo tuttavia i marchi impressi crebbero per numero, complessità, soggetto e quant'altro poteva contribuire a contrassegnare e "personalizzare" (per i committenti) le partite di carta.

Un repertorio molto importante per lo studio delle filigrane è quello redatto da Charles-Moïse Briquet per quanto gli esemplari analizzati si riferiscano soltanto alle carte d'archivio.

Le filigrane usate nei francobolli italiani[modifica | modifica wikitesto]

La prima filigrana del Regno d'Italia è stata la "Corona", utilizzata fino al 1946. Contemporaneamente è stata usata nel periodo umbertino la filigrana "Scudo Sabaudo" per le Marche da bollo, il francobollo speciale per i ricognitori postali, e i francobolli non emessi delle Nozze d'argento di Re Umberto I, e per San Marino, nella serie dedicata all'apertura del Palazzo del Governo.

Nel periodo repubblicano sono state utilizzate fondamentalmente due tipi di filigrana: ruota e stelle.

  • La filigrana ruota, utilizzata dalla Luogotenenza al 1954 per tutti i francobolli e le marche da bollo d'Italia e San Marino, esiste di tre tipi, simili tra loro, ma diversi per dimensione e particolari dell'ala interna al disegno filigranato.

Ha la particolarità che nel foglio reca le lettere "REPUBBLICA ITALIANA" poste tra un foglio e l'altro, in senso verticale. Sono interessanti i francobolli che hanno in filigrana lettere al bordo per almeno 7-8 decimi (7/10 o 8/10). I valori con piene lettere sono rari e valgono fino a 4 volte il normale, a secondo della loro rarità.

  • La filigrana stelle esiste di quattro tipi, molto usati fino al 2003. Il tipo 4 è stato utilizzato anche per le bobine di francobolli automatici provenienti da bobine. I vari tipi si riconoscono per l'orientamento delle stelline, che corrono lungo linee rette parallele.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Andrea Gasparinetti, "Carte, cartiere e cartai fabrianesi", in Risorgimento grafico n. 9-10, Milano, 1939, pp. 376-385.
  • Andrea Gasparinetti, "Aspetti particolari della filigranologia", in Rivista "Industria della carta", Milano, 1964
  • Charles-Moïse Briquet, Les filigranes: dictionnaire historique des marques du papier dès leur apparition vers 1282 jusqu'en 1600, Hildesheim, G. Olms, 1991 (rist. dell'ed. Leipzig 1923), voll.4.
  • Gerhard Piccard, Die Wasserzeichenkartei Piccard im Hauptstaatsarchiv Stuttgart, Stuttgart, W. Kohlhammer, 1961-1997.
  • AA.VV., Catalogo Unificato 2008 - CIF Italia.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]