Fermacampione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Esempi di fermacampione. Notare la differente lunghezza delle due gambe.
Fermacampione da 19 millimetri

Un fermacampione è un fermaglio di metallo a forma di chiodo con due gambe divaricabili[1]; queste hanno lunghezza un po' diversa in modo da facilitarne l'apertura a farfalla. Viene utilizzato, inserendolo in fori appositamente praticati e divaricandone le gambe,[2] per unire dei fogli oppure per chiudere buste postali in modo da agevolarne apertura e chiusura per l'ispezione postale.[3][4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'inventore dei fermacampioni è incerto,[1] i primi brevetti registrati negli Stati Uniti ad essi relativi risalgono alla metà dell'Ottocento.[5] I fermacampioni si sono poi diffusi nel secolo successivo grazie alla maggior diffusione delle attività d'ufficio, il loro uso per la chiusura di buste postali è in declino a partire dagli anni 2000 a causa dell'utilizzo di buste con chiusura adesiva.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Marco Belpoliti, In ricordo dei fermacampioni, in la Repubblica, 6 febbraio 2017. URL consultato il 16 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 4 luglio 2018).
  2. ^ The Encyclopedia of Scrapbooking Tools & Techniques, p. 193.
  3. ^ Fermacampioni sul Dizionario Italiano De Mauro, su dizionario.internazionale.it. URL consultato il 16 febbraio 2019 (archiviato il 16 febbraio 2019).
  4. ^ Fermacampione su Garzanti Linguistica, su garzantilinguistica.it. URL consultato il 16 febbraio 2019.
  5. ^ (EN) Paper Fasteners & Paper Fastener Punches su Early Office Museum, su officemuseum.com. URL consultato il 16 febbraio 2019 (archiviato il 5 gennaio 2019).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Susan Pickering Rothamel, The Encyclopedia of Scrapbooking Tools & Techniques, Lark Crafts, p. 193, ISBN 9781600595493.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]