Discussione:Cloud computing

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sul sito wikipedia inglese la definizione è sostanzialmente differente.

Sono d'accordo con te. In poche parole mi pare che la definizione si riferisse esclusivamente al IaaS (infrastructure as a service), che è solo un tipo di cloud computing. Credo che ciò sia dovuto all'evoluzione che ha subito il termine "cloud computing".
Ho preso l'iniziativa di modificare la prima parte dell'articolo spiegando le tre tipologie più importanti di cloud computing, anche se ve ne sono molte altre, ma a volte sono inventate e utilizzate da una singola azienda per definire il tipo di servizio specifico offerto da loro.
La sezione "Architettura" si riferisce ancora, esclusivamente, al IaaS e andrebbe rivista. Spero comunque che ciò che ho fatto sia gradito.
--Sante Caserio (msg) 11:28, 24 giu 2009 (CEST)

Bella spiegazione[modifica wikitesto]

Ciao, lavoro per un'azienda di information security e mi occupo di comunicazione. Volevo semplicemente farti i complimenti per la chiarezza e puntualità con cui hai spiegato il concetto di cloud computing. Buona Wiki a tutti. Mel Questo commento senza la firma utente è stato inserito da 93.35.49.25 (discussioni · contributi) 13:32, 4 set 2009.

Mi aggiungo qui per unirmi ai complimenti. Raramente ci si imbatte in una voce di informatica spiegata cosi' chiaramente. 7/7/2011 Mash Questo commento senza la firma utente è stato inserito da 81.208.61.202 (discussioni · contributi) 18:07, 7 lug 2011.

Il SaaS funziona al contrario da quanto spiegato nella prima riga[modifica wikitesto]

Salve faccio notare che il SaaS Software as a Service, nella maggior parte delle volte funziona al contrario da quanto esposto nella prima riga di spiegazione del Cloud Computing. Inoltre nella spiegazione wiki inglese del termine si evince maggiormente il concetto di Computing in quanto elaborazione di informazioni attraverso risorse web-based. Nel senso della rielaborazione delle informazioni non sono i computer in remoto a rielaborare l'informazione ma i software attraverso i server a redistribuirla in remoto e a renderla fruibile attraverso interscambi. Esempio di Rielaborazione dell'informazione attraverso sistemi di comunicazione interconnessi: Condivido un video su Youtube, attraverso youtube lo condivido in facebook e in blogger e twitter. Blogger lo invia attraverso i Feed RSS. Su Wordpress includo i feed Rss e invio un aggiornamento attraverso la newsletter automatica. Google Analitics, mi aggiorna sul traffico e Google Adwords inserisce automaticamente le pubblicità tra i feeds. In tal senso Cloud Computing funziona esattamente al contrario di quanto espresso nella prima riga. Concordate con me? Dove per prima riga intendo: "In informatica, con il termine cloud computing si intende un insieme di tecnologie informatiche che permettono l'utilizzo di risorse hardware (storage, CPU) o software distribuite in remoto." Questo commento senza la firma utente è stato inserito da Luca Pilolli (discussioni · contributi) 15:30, 9 nov 2010.

Qualcuno ha modificato i miei contributi senza discussione[modifica wikitesto]

Qualcuno ha modificato il mio contributo senza alcuna discussione. Non ritengo che sia corretto pertanto reinserisco le mie aggiunte. Ricordo che il termine è molto discusso ed è considerato da molti un puro fenomeno di marketing. I rischi per la sicurezza sono enormi. Vedi http://www.saggiamente.com/blog/2011/07/07/le-nuvole-non-sono-in-cielo-i-nostri-dati-li-vediamo-solo-noi/ Ciao a tutti e grazie --Cornelius383 (msg) 11:50, 2 ago 2011 (CEST)

A supporto di quanto detto sopra aggiungo che il termine "Cloud" è molto controverso e che diversi esperti lo considerano fuorviante (o addirittura un'invenzione del marketing di alcune aziende) in quanto i dati non vengono salvati su una misteriosa "nuvola" ma su costose ed enormi "Server Farms" generalmente ospitate nei Paesi del service provider. Credo che i pareri di: -Larry Ellison (CEO di Oracle): Cloud computing is nothing more than a stupid buzz word (http://www.youtube.com/watch?v=0FacYAI6DY0) di -Ed Zander (CEO e Chairman del Motorola Board from 2004 until 2008): http://www.youtube.com/watch?v=rmrxN3GWHpM&feature=related di -Richard Stallman (padre dell'Open Source) e Marcelo d'Elia Branco: http://www.youtube.com/watch?v=Cl6XFZH5aWU -http://www.theinquirer.net/inquirer/news/1046035/stallman-warns-against-cloud di -Ephraim Schwartz, The dangers of cloud computing: http://www.infoworld.com/d/cloud-computing/dangers-cloud-computing-839 di -John Savageau, The Argument Against Cloud Computing: http://cloudcomputing.sys-con.com/node/1657596 siano sufficenti per farci sorgere dei dubbi. Essendo molto controverso penso che l'articolo debba rappresentare le diverse posizioni in modo il più neutrale possibile.. Ciao e grazie--Cornelius383 (msg) 08:58, 4 ago 2011 (CEST)

insieme di tecnologie o modalità di erogazione?[modifica wikitesto]

Secondo le definizioni attualmente più accettate e diffuse, il cloud non è "un insieme di tecnologie" ma una modalità di erogazione dei servizi. Vedi ad esempio la definizione del NIST, che è una di quelle più accettate: http://csrc.nist.gov/publications/nistpubs/800-145/SP800-145.pdf adottata fra l'altro da CSA: https://cloudsecurityalliance.org/csaguide.pdf

Ad esempio, io posso comprare una macchina virtuale o un servizio (es. un sito web) in normale outsourcing, anche se su Internet, contrattualizzando ad esempio un "pacchetto" con una specifica configurazione e ricontattando il fornitore ogni volta che voglio fare una modifica che comporti un cambio di costo o configurazione. Oppure lo posso fare in modalità cloud, che adesso è la più normale, cioè self-service, pagando online e riconfigurandomi io il servizio autonomamente, pagando la differenza e avendo la percezione di una variazione "trasparente" delle risorse disponibili. Le tecnologie di virtualizzazione sono un fondamentali per supportare le altre caratteristiche del cloud (resource pooling e rapid elasticity) ma non definiscono il cloud, dato che sono utilizzate anche nel normale outsourcing.

Questo commento senza la firma utente è stato inserito da 81.174.41.157 (discussioni · contributi) 2015-03-07T11:40:10.

Grazie per la segnalazione. Sono pienamente d'accordo sulla presenza di confusione. Correggerei parlando di «paradigma di erogazione di servizi informatici». -- SoujaK (msg) 14:57, 11 mar 2015 (CET)
✔ Fatto (in parte) Ho corretto l'incipit, ma resta da rivedere se tale errore concettuale è presente anche altrove nella voce. -- SoujaK (msg) 15:07, 11 mar 2015 (CET)