Dichiarazione di Ginevra sul futuro dell'organizzazione mondiale per la proprietà intellettuale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La dichiarazione di Ginevra sul futuro dell'organizzazione mondiale per la proprietà intellettuale (in inglese: Geneva Declaration on the Future of the World Intellectual Property Organization) è un documento firmato nel 2004 da centinaia di organizzazioni non profit, scienziati, accademici ed altre personalità per sollecitare l'Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale (OMPI) a tener conto delle esigenze dei Paesi in via di sviluppo in tema di legislazione sulla proprietà intellettuale, nonché a considerare quest'ultima non come fine a sé stessa, ma come uno dei tanti mezzi per lo sviluppo.

La Dichiarazione scaturì tra il 13 e 14 settembre 2004 da un dibattito sul futuro dell'OMPI nel corso del TransAtlantic Consumer Dialogue a Ginevra, in Svizzera. In essa i firmatari sollecitarono l'OMPI ad abbandonare l'attuale politica di estensione dei diritti esclusivi senza riguardo al costo sociale e piuttosto suggerirono di giungere ad un compromesso tra il dominio pubblico e la concorrenza da un lato e la proprietà intellettuale dall'altro.

Lo stesso documento appoggia espressamente la proposta, da parte dell'Argentina e del Brasile, di stabilire un'agenda per lo sviluppo per l'OMPI.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia