Delfo (mitologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Delfo
SessoMaschio
Professionefondatore di Delfi

Nella mitologia greca, Delfo era il nome di uno degli eroi della città di Delfi di cui è il leggendario fondatore.

Nella mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Non è chiara la sua discendenza, alcuni lo vedono come figlio di Poseidone e Melanto (figlia di Deucalione), che per giacere con lei il dio dei mari si trasformò in un delfino.[1] Altri autori invece scrivono di lui come figlio di Apollo e di una donna non bene identificata (Celeno, Melenide, Melene o Tia).

In altri racconti era figlio di Apollo da Celeno, figlia di Hyamus e nipote di Lycorus, e, secondo altri, da Tia, la figlia dell'autoctono Castalio, o da Melaina, la figlia di Cefisso. Si dice inoltre che avesse avuto un figlio, Pythis, che governava il paese sul monte Parnaso e da cui l'oracolo ricevette il nome di Pytho (Pizia).[2]

In un'altra versione, sua madre è Melanis, una figlia di Hyamus e Melantea, e il padre non è menzionato; Si dice che Delfo abbia ereditato il regno di suo nonno nei pressi del monte Parnaso, che abbia sposato Castalia e che abbia avuto due figli, un figlio Castalio e una figlia Phemonoe, la prima persona a scrivere esametri. Suo nipote tramite Castalio era Laphrius, e il suo bisnipote attraverso Laphrius era Noutius[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ovidio, Metamorfosi, 6.120
  2. ^ Pausania, Periegesi della Grecia, 10. 6. 3 - 5
  3. ^ Scolio di Euripide, Oreste, 1094

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti
Moderna
  • Pierre Grimal, La mitologia greca, Roma, Newton, 2006, ISBN 88-541-0577-5.
  • Luisa Biondetti, Dizionario di mitologia classica, Milano, Baldini&Castoldi, 1999, ISBN 88-8089-725-X.
Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca