Crisi finanziaria russa (2014-2017)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Crescita annuale del prodotto interno lordo della Russia, espresso in percentuale, dal 2008 al 2017.

La terza crisi finanziaria russa è stato il risultato del crollo del rublo, cominciato nella seconda metà del 2014.[1][2]

Cause[modifica | modifica wikitesto]

Le principali cause che hanno determinato la svalutazione del rublo sono state la crisi del petrolio nel 2014 e le sanzioni internazionali durante la crisi ucraina, comminate allo Stato nel 2015.[3][4][5][6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Natalie Kitroeff e Joe Weisenthal, Here's why the Russian ruble is collapsing, su bloomberg.com, 16 dicembre 2014.
  2. ^ (EN) Masha Gessen, The News in Moscow, su newyorker.com, 27 dicembre 2014.
  3. ^ (EN) Jon Hartley, Online prices indicate Russian inflaction spike after ruble decline, su forbes.com, 1º gennaio 2015.
  4. ^ (EN) "We are hardly surviving": as oil and the rouble drop, ordinary Russians face growing list of problems, su business.financialpost.com, 1º gennaio 2015.
  5. ^ Leonardo Coen, Putin, dai fasti di Sochi alla crisi del petrolio: zar schiacciato dall'ambizione, su ilfattoquotidiano.it, 7 gennaio 2015.
  6. ^ Ucraina, accordo Ue: rinnovate sanzioni a Russia per 6 mesi, su repubblica.it, 21 giugno 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]