Contra principia negantem non est disputandum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Contra principia negantem non est disputandum (alternativamente esprimibile con contra principia negantem disputari non potest e contra principia negantem disputari nequit, letteralmente "non si può discutere con chi nega i principi") è un principio della logica e un brocardo del diritto.

Significato[modifica | modifica wikitesto]

L'espressione sintetizza il concetto per cui, al fine di discutere ragionevolmente riguardo ad un disaccordo, è necessario che esista un accordo relativamente ai principi o ai fatti in base ai quali giudicare gli argomenti. Anche le verità più evidenti divengono impossibili da dimostrare a chi ad esempio nega la realtà del fatto di cui si discute.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Questo principio logico non compare nell'opera aristotelica se non in forma implicita [1] [2] ma è stato utilizzato nel Medioevo dalla filosofia scolastica per fondare l'autorità del sistema aristotelico. Duns Scoto conclude un passaggio del suo commento su Pietro Lombardo con l'affermazione: «Se questo argomento non è convincente, molti principi supposti dai filosofi sono chiamati in dubbio, e contro chi nega i principi comunemente accettati, la discussione è impossibile (contra autem negantem principia communiter recepta, non est disputandum).» [3]

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

La massima è citata, con un ordine delle parole leggermente diverso, dal filosofo tedesco Arthur Schopenhauer, nell'opera postuma L'arte di ottenere ragione[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe Agassi, La scienza e la sua storia: una rivalutazione della storiografia della scienza, Springer, 2008, p. 310
  2. ^ Hans Günter Zekl, Aristoteles: Metaphysik , Würzburg: Königshausen & Neumann, 2003, p. 26
  3. ^ Joannis Duns Scoti doctoris subtilis, ordinis Minorum opera omnia , editio nova, vol. 16, Paris, 1894, p. 93
  4. ^ Arthur Schopenhauer, L'arte di ottenere ragione, a cura di Franco Volpi, Adelphi, 2009, p. 15.
    «Del resto, in ogni disputa, o in ogni argomentazione in genere, bisogna essere d'accordo su qualche cosa che si prende come principio per giudicare la questione di cui si tratta: contra negantem principia non est disputandum [non si disputi con uno che nega i princìpi di partenza]».

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]