Condizionatore di segnale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il circuito di condizionamento può svolgere tutte o solo una di queste funzioni:

  1. Amplificazioni: è una delle operazioni fondamentali effettuate dal circuito di funzionamento;
  2. Conversione resistenza/tensione o corrente/tensione: poiché i trasduttori forniscono un'uscita segnale in corrente, e poiché il convertitore analogico–digitale è in grado di convertire segnali in tensione, nasce la necessità di utilizzare una conversione corrente/tensione mediante apposito convertitore I/V.
  3. Filtraggio: la presenza di rumori, distorsioni e interferenze sul segnale utile, in ingresso al convertitore A/D, rende necessario l'utilizzo di un filtro. Poiché, in particolare, questi segnali distorsivi sono a bassa frequenza, tenendo conto che un segnale è scomponibile, in base alla legge di Fourier, in una somma di segnali sinusoidali, la frequenza di taglio utilizzata dal filtro è pari alla frequenza dell'ultima armonica.

T = trasduttore; R/V = resistenza/tensione; F = filtro passa basso; A/D = convertitore analogico/digitale.

  1. Linearizzazione: è la linearizzazione che si effettua sulle uscite analogiche dei trasduttori non lineari. In genere viene effettuata digitalmente.
Elettronica Portale Elettronica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di elettronica