Chiesa di San Leo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di San Leo
Pianta del buonsignori, dettaglio 152 san leo.jpg
San Leo nella pianta del Buonsignori (1594)
StatoItalia Italia
RegioneToscana
LocalitàFirenze
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
Arcidiocesi Firenze
Inizio costruzione1013
Demolizione1888

Coordinate: 43°46′19.37″N 11°15′13.26″E / 43.772047°N 11.253683°E43.772047; 11.253683

La chiesa di San Leo sorgeva sulla piazza dei Brunelleschi (detta anche di San Leo e dei Marroni), presso l'attuale via de' Brunelleschi a Firenze e venne distrutta verso il 1888 all'epoca del risanamento del Mercato Vecchio.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1013 la chiesa è ricordata nel Codice Bullettone e faceva parte delle primitive trentasei parrocchie di Firenze della "cerchia antica". La dedica era a san Leone I papa, corrotto in "san Leo", ed era patronata dai Brunelleschi, che nella zona possedevano case, torri e una loggia. Venne detta anche "dei Rigattieri", che numerose botteghe avevano in quella zona, e "del vescovo", forse perché nelle vicine case degli Arrigucci sostavano i vescovi fiesolani di passaggio prima che avessero in Firenze la parrocchia di Santa Maria in Campo.

La facciata, forse alludendo al nome del santo, era decorata da due leoni marmorei sopra i pilastri del portale, che gli Arrigucci erano soliti decorare con ghirlande e corone il giorno della festa del santo. L'altare principale della chiesa era decorato da una tavola della Madonna in trono tra vari santi, tra cui papa Leone I, che era datata 1394.

Nel 1795 la chiesa venne soppressa e trasformata in un'umile abitazione privata. Durante le demolizioni vennero ritrovate porzioni del portale, che vennero ricoverate nel lapidario del Museo di San Marco, e una parete in filaretto di pietra dove si apriva una delle antiche finestre. Un disegno dell'aspetto duecentesco si trova nel Codice Rustici.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Arnaldo Cocchi, Le chiese di Firenze dal secolo IV al secolo XX, Pellas, Firenze 1903.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]