Chair One

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chair_One
prodotto di disegno industriale
Konstantin grcic per magis spa., sedia chair one, 2004.jpg
Magis Chair_One
Dati generali
Anno di progettazione2003
ProgettistaKonstantin Grcic
Profilo prodotto
Tipo di oggettosedia
Ideacreare una sedia in cui i vuoti prendono il sopravvento sul pieno per caratterizzarne la qualità estetica
Concettipieno, vuoto, complessità geometrica
ProduttoreMagis
Prodotto dal2003
Materialialluminio
Tecnica di lavorazionepressofusione

Chair_One è una seduta disegnata da Konstantin Grcic per l’azienda di design Magis.

Genesi del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Incontro in autostrada fra il designer tedesco Konstantin Grcic (a destra) e la committenza per visione prototipo di Chair_One.

La necessità di creare una seduta con forti geometria tridimensionale; questa fu alla fine degli anni ’90 la motivazione che spinse l’azienda Magis S.p.A. ad approcciare il designer tedesco Konstantin Grcic già durante il Salone del Mobile di Milano del 1999.

Per tre anni consecutivi Grcic rifiutò la committenza, in quanto in origine il progetto prevedeva l’utilizzo di materiale plastico. Nel 2001 il cambio di rotta: Magis propose al designer di progettare per loro una sedia sfruttando le potenzialità della pressofusione dell’alluminio, tecnologia che poteva esprimere al massimo la complessità geometrica ricercata dall’azienda. Grcic, affascinato dalla tecnologia produttiva propostagli, accettò subito l’incarico e diede così inizio ad una fitta corrispondenza con l’azienda, che si trasformò, con il trascorrere degli anni, in una prolifica collaborazione fra le due parti.[1] Gli incontri, in un primo periodo, si svolgevano presso un’area di sosta lungo l’autostrada, a metà fra Motta di Livenza (sede dell’azienda) e Monaco (ubicazione dello studio del designer). Il progetto è stato uno dei primi ad essere sviluppato tramite software di elaborazione 3D e il naming del prodotto deriva proprio da questo elemento digitale: il file che conteneva il progetto nel computer di Konstantin Grcic era nominato Magis1[2].

Il prodotto[modifica | modifica wikitesto]

Una scocca in pressofusione di alluminio formata da tante faccette triangolari forate. Chair_One prende ispirazione da un pallone di calcio; è costruita con una serie di elementi piani uniti l’un l’altro ad angolo per creare una forma tridimensionale. Il progetto è sviluppato grazie alla tecnologia della pressofusione ed alle sue potenzialità che consentono di ottenere complesse geometrie tridimensionali dal metallo (in questo caso dall’alluminio).[3] Il risultato è una sedia in cui i vuoti prendono il sopravvento sul pieno e ne contraddistinguono la qualità estetica.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Anziana coppia e Chair_One a Caorle, Veneto, Italia

L’accoglienza di Chair_One durante il Salone del Mobile 2002 fu piuttosto tiepida.[4] L’estetica della seduta era troppo avveniristica e fuori dai tradizionali schemi del design del momento, al punto tale da creare dibattiti negli appassionati di design. Con il tempo la popolarità della sedia è cresciuta sempre più, sino a diventare un vero e proprio prodotto iconico rappresentativo dell’azienda Magis S.p.A. e del design industriale. Viene spesso citata in molti libri di design ed esposta in vari musei internazionali, fra i quali anche il Vitra Design Museum,l'Indianapolis Museum of Art e The Art Institute of Chicago.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mateo Kries, Konstantin Grcic - Panorama, Vitra Design Museum and authors, 2015, p. 257.
  2. ^ Filmato audio (EN) Eye Studio / Designwork, Chair_One, su YouTube, 29 novembre 2016. URL consultato il 25 giugno 2018.
  3. ^ F.Böhn ibidem, p. 207.
  4. ^  Lars Petter Pettersen. Italiano One Caorle.jpg Chair_One in Caorle. 2002. L'immagine è stata tratta da: D2 - Dagens Naerlingsliv

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Design Portale Design: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di design