Catreo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Catreo
Nome orig.Katreus
SessoMaschio
Luogo di nascitaCreta

Catreo (in greco antico: Katreus) è un personaggio della mitologia greca, figlio di Minosse re di Creta e di Pasifae[1].

Catreo ebbe quattro figli: tre femmine (Erope, Climene e Apemosine) ed il maschio Altemene.

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Catreo fu costretto da una profezia ad allontanare i suoi figli da lui, perché uno di loro lo avrebbe ucciso[2]. Altemene e Apemosine salparono per Rodi e non ebbero contatti con il padre per molto tempo.
Quando Catreo si accorse di essere prossimo alla morte e di essere senza un erede, si recò a Rodi per ritrovare Altemene.

Giuntovi nottetempo, vennero scambiati dagli indigeni per pirati e furono attaccati. Altemene, trovatosi di fronte i nemici, dalla distanza scagliò un giavellotto che colpì il padre, uccidendolo.
Quando Altemene si accorse di avere ucciso suo padre, pregò gli dei che gli dessero la morte: subito dopo, il giovane fu inghiottito dalla terra.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca