Catacresi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La catacresi[1] (dal greco κατάχρησις, «abuso», derivato da καταχράομαι, «abusare»[2]; anche abusione o acirologia) è una metafora non più avvertita come tale, in quanto normalizzata, istituzionalizzata ed entrata nella lingua quotidiana.[3]

Nella continua evoluzione della lingua e di fronte alla necessità di designare oggetti o anche situazioni nuove, e dunque in caso di cosiddetta inopia verborum ('assenza di parole'), è possibile che la catacresi giunga in aiuto della lingua stessa, conferendo a un nuovo oggetto il nome di uno già designato che ricorda o che rimanda in qualche modo a quello nuovo. La catacresi è quindi impiegata per designare qualcosa per cui la lingua non offre un termine specifico.

Alcuni esempi:

  • "la gamba del tavolo"
  • "il collo della bottiglia"

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sono possibili due pronunce: catacrèsi o, alla greca, catàcresi.
  2. ^ catacrèṡi, su www.treccani.it. URL consultato il 5 marzo 2016.
  3. ^ Luperini, p. 1223 e 1227.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Linguistica