Carta velina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Origami di carta velina rappresentante una farfalla
Fogli di carta velina per la copia di documenti

La carta velina è un tipo di carta molto leggera e sottile, in genere traslucida che viene utilizzata per imballaggi e lavori artistici. Viene prodotta con cellulosa, con finiture differenti a seconda della destinazione d'uso, lucida o opaca, più o meno trasparente, bianca o colorata, e può essere stampata con disegni e loghi pubblicitari o rifinita con goffrature in rilievo. La carta velina è utilizzata per proteggere le fotografie all'interno degli album o le illustrazioni stampate in libri di pregio e anche per imballaggi come per le scarpe.

La grammatura della carta velina, cioè il rapporto tra il peso della carta e la sua superficie, è compresa tra i 18 e i 50 g/m².[1]

La carta velina era originariamente il supporto della carta carbone per creare copie di documenti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vittorio Villavecchia, Gino Eigenmann, Nuovo dizionario di merceologia e chimica applicata - Vol 2° Babassu - Cobalto (ossidi), Milano, Hoepli, 1974, pp. 821-839, ISBN 88-203-0529-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4217148-9
  Portale Materiali: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di materiali