Capo tribù

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il condottiero Gengis Khan fu anche un celebre capo tribù

Un capo tribù, anche riportato con la grafia capotribù[1] e anche conosciuto come capo tribale, è, presumibilmente o effettivamente, un membro di spicco di una tribù. Durante il periodo coloniale, gli europei introdussero questo termine per indicare in modo generico il presunto membro più importante di una comunità e per adeguarsi alla struttura sociale dei popoli esotici che conquistavano. Il termine capo tribù viene usato ancora oggi in antropologia e sociologia in riferimento a un coordinatore, paciere, organizzatore e, talvolta, principale figura religiosa all'interno di un clan.[2][3] Quella del capo tribù è una figura antitetica a quella del cosiddetto chief ("capo") inglese, di cui ci sono molti rimandi nella letteratura dello scrittore statunitense James Fenimore Cooper.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ capotribù, su treccani.it. URL consultato il 9 luglio 2019.
  2. ^ Autori vari, Significato e dignità dell'uomo nel confronto interculturale, Armando, 2013, p. 115.
  3. ^ Autori vari, Identità multiculturale e multireligiosa: la costruzione di una cittadinanza pluralistica, FrancoAngeli, 2004, p. 141.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Walter Hirschberg, Wörterbuch der Völkerkunde, Auflage Reimer, 2005.
  • (EN) James Fenimore Cooper, Delphi Complete Works of James Fenimore Cooper (Illustrated), Delphi Classics, 2013.
  • (EN) Autori vari, The Encyclopaedia Britannica: A Dictionary of Arts, Sciences, and ..., Volume 5, H.G. Allen, 1833, pp. 799-801.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4158709-1