Canon A-1

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Canon A-1 equipaggiata con 50mm f:1.8 e motordrive

La Canon A-1 fu una Single-lens reflex semi-professionale 35 mm. Fu prodotta da Canon Camera K. K. attualmente (Canon inc.) in Giappone a partire dal aprile del 1978 fino al 1985. La fotocamera aveva un otturatore a tendina orizzontale che poteva raggiungere da 1/1000s fino a posa B, il tempo di sincronizzazione con il flash era a 1/60s.

Le sue dimensioni sono di 92 mm di altezza, 141 mm di larghezza e 48 mm di spessore, il suo peso era di 620g. La reflex fu disponibile solo nel colore nero a differenza dello standard dell'epoca che prevedeva la scelta fra il modello nero o il modello argento e nero.

Negli Stati Uniti il prezzo di lancio sul mercato corredata di Obiettivo Canon FD 50 mm f:1.4 era di 625 dollari.

La Canon A-1 è una fotocamera storica, fu la prima macchina ad introdurre un programma di controllo dell'esposizione. invece di lasciare al fotografo la scelta di usare un tempo lungo o uno breve per congelare la scena e scegliere un diaframma per controllare la profondità di campo, la Canon A-1 possedeva un microprocessore programmato automaticamente per selezionare un compromesso basato sull'esposizione della scena, attualmente è uno standard in tutte le fotocamere.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La Canon A-1 poteva innestare tutte le ottiche FD uno standard introdotto nel 1971 o le successive ottiche Canon FDn a pseduobaionetta prodotte dal 1979.

Poteva inoltre usare anche le precedenti ottiche FL, e alcune vecchie ottiche con attacco R della Canonmatic.

Negli anni 70-80 erano disponibili circa 55 modelli di obiettivi FD, i quali spaziavano da un 7.5 mm f.5.6 fino ad un supertele 800 mm f 5.6. includendo obiettivi con massima apertura a 1.2 e la linea L, la quale garantiva una qualità eccelsa.

Gli accessori per la A-1 includevano il "Canon motor drive MA" il quale poteva far avanzare 5 fotogrammi per secondo, il "Canon Databack" un dispositivo per impressionare la data sulla pellicola ed i flash ttl Canon Speedlight 155A (con numero guida 56 m a iso 100) e Speedlight 199A (numero guida 98 m a 100 iso). La Canon A-1 veniva alimentata con una PX-28 o 4LR44, la batteria alimentava un microprocessore, il quale possedeva diversi programmi, priorità tempi, priorità diaframmi o manuale.

Inoltre esisteva una modalità semiautomatica chiamata AE, la quale il diaframma viene scelto dal fotografo mentre la macchina seleziona in automatico il tempo di scatto. Questa modalità differisce dalla modalità a priorità di diaframmi perché il diaframma non è chiuso finché il fotografo non clicca il pulsante, la quantità di luce è misurata direttamente a piena apertura.

La modalità AE viene usata quando bisogna lavorare di precisione sulla profondità di campo per una esposizione accurata. Fu la prima macchina fotografica ad avere tutti e 4 i programmi noti come PASM. La macchina inoltre aveva all'interno del mirino dei let a 6 digit a 7 segmenti alfarnumerici di colore rosso per idicare i dati di esposizione. L'esposimetro è a fotocellula al silicio, mentre la messa a fuoco avviene come tutte le Canon con un telemetro centrale ad immagine spezzata ed intorno un telemetro a microprismi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Canon A-1 è stata la prima macchina a portare una tecnologia avanzata nel mercato amatoriale. La serie A della Canon prevedeva modelli più economici fra cui la Canon AE-1 (prodotta a partire dal 1976), AT-1 (1977), AV-1 (1979), AE-1 Program (1981) e AL-1 (1982). Tutte utilizzavano lo stesso corpo in alluminio e condividevano gran parte dei componenti, le differenze erano soltanto nel rivestimento superficiale in ABS. La Canon A-1 fu un tentativo di sconfiggere la casa nipponica rivale Nikon mediante una macchina dalle molte caratteristiche ed un prezzo più basso.

Quando fu immessa in commercio, nel 1978, fu un successo mondiale, molti fotografi furono sorpresi dalle caratteristiche avanzatissime per l'epoca, che la portavano ad essere anni avanti rispetto alla concorrenza, ma comunque non tutti i commenti erano positivi. Alcuni fotografi professionisti infatti erano preoccupati per la durabilità di una macchina sotto un uso quotidiano pesante. I fotografi più tradizionalisti invece pensavano che l'introduzione di così tanti automatismi sarebbe stata una rovina per la fotografia, tuttavia questi automatismi furono un modo per avvicinare fotografi amatoriali nel mondo Canon.

Fotografia Portale Fotografia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fotografia