Born This Way (singolo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Born This Way
Lady Gaga, Born This Way (Nick Knight).jpg
Screenshot tratto dal video del brano
Artista Lady Gaga
Tipo album Singolo
Pubblicazione 11 febbraio 2011
Durata 4:20
Album di provenienza Born This Way
Genere Synth pop[1]
Elettropop[1]
Dance pop[1]
Etichetta Interscope, Streamline, Kon Live
Produttore Lady Gaga, Fernando Garibay, DJ White Shadow
Registrazione 2010
Formati CD, 7", download digitale
Certificazioni
Dischi d'oro Belgio Belgio[2]
(vendite: 15 000+)
Germania Germania[3]
(vendite: 150 000+)
Spagna Spagna[4]
(vendite: 20 000+)
Dischi di platino Australia Australia (4)[5]
(vendite: 280 000+)
Danimarca Danimarca[6]
(vendite: 30 000+)
Giappone Giappone[7]
(vendite: 1 000 000+)
Italia Italia[8]
(vendite: 60 000+)
Norvegia Norvegia (6)[9]
(vendite: 60 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[10]
(vendite: 30 000+)
Regno Unito Regno Unito[11]
(vendite: 600 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (4)[12]
(vendite: 4 000 000+)
Svezia Svezia (5)[13]
(vendite: 100 000+)
Svizzera Svizzera[14]
(vendite: 30 000+)
Lady Gaga - cronologia
Singolo precedente
(2010)
Singolo successivo
(2011)
Logo
Logo del disco Born This Way

Born This Way è un singolo della cantante statunitense Lady Gaga, il primo estratto dall'album omonimo e pubblicato l'11 febbraio 2011 in tutto il mondo come download digitale ed inviato alle radio statunitensi quattro giorni più tardi.[15]

Il brano è stato scritto da Lady Gaga con Jeppe Laursen e prodotto da Lady Gaga stessa, Fernando Garybay e DJ White Shadow, mentre la cantante portava avanti il Monster Ball Tour.[16]

Born This Way ha conseguito una posizione mista e positiva dai critici; è stata esaltata per essere un "inno da discoteca", e ha sollevato critica per il riscontro di alcuni elementi in comune con il singolo di Madonna nel 1989, Express Yourself.[17]

Il brano ha raggiunto la posizione numero uno in diciannove Paesi, tra cui Australia, Austria, Canada, Germania, Giappone, Irlanda, Nuova Zelanda, Svezia e Svizzera. Negli Stati Uniti, è divenuto il terzo singolo di Gaga a dominare la Billboard Hot 100. Il singolo è stato il sesto più venduto del 2011 con 8,2 milioni di copie.[18]

Composizione e pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Nell'arco del 2010 Lady Gaga aveva protratto il suo The Monster Ball Tour ed in questa fase iniziò a maturare le idee per il suo secondo album di inediti, Born This Way. Il primo brano scritto fu l'omonimo Born This Way, descritto da Gaga come un brano con "un messaggio magico". Gaga ha detto di averlo scritto in dieci minuti e ha metaforicamente paragonato questo processo ad una Immacolata Concezione. Insieme ai diciassette brani dell'album, Born This Way fu inciso mentre l'artista era in tour nel 2010.[19]

DJ White Shadow, uno dei produttori del brano, ha detto che il pensiero e il tema adottati per esso erano propri dell'artista. «L'abbiamo registrato per il mondo, per strada, in qualsiasi posto fosse possibile». Gaga voleva registrare un brano che portasse avanti le proprie idee di libertà, e ha parlato con Billboard della fonte che l'aveva spinta a scrivere il brano.

Nella quarantatreesima puntata della serie di video trasmessa in rete da Gaga, i Transmission Gagavision, Gaga risponde a colui che la intervista che il più grande capovolgimento che ha vissuto nella scrittura di Born This Way era stato che si fosse lasciata alle spalle le proprie insicurezze, e fosse divenuta più spontanea.

Il 23 giugno 2010 Lady Gaga ha dichiarato in un'intervista con la rivista britannica The Guardian di aver scritto il primo singolo dell'album. Agli MTV Video Music Awards 2010, mentre la cantante stava ricevendo il premio come Miglior Video dell'Anno per Bad Romance, ha annunciato il nome dell'album e del singolo, cantando anche una parte del ritornello.[20] Il 1º gennaio 2011 Lady Gaga ha rivelato sul suo account Twitter un'altra parte della canzone: "Don't hide yourself in regret, just love yourself and you're set." Ha confermato inoltre che la canzone sarebbe stata messa in commercio a partire dal 13 febbraio 2011.[21] La pubblicazione del singolo è stata infine anticipata all'11 febbraio.[22]

Durante i Grammy Awards 2011 la cantante ha rivelato che per comporre Born This Way si è ispirata a Whitney Houston, immaginandosela mentre la cantava.

Copertina[modifica | modifica wikitesto]

L'8 febbraio 2011, Lady Gaga scrisse sulla sua pagina Twitter le parole francesi "Trois Jours" (Tre giorni) e postò un'immagine della copertina del singolo ufficiale.[23] Charlie Amter lo descrisse come un'imitazione dei classici copridischi degli anni 80 o 70. In essa, Gaga è fotografata nuda in bianco e nero, truccata abbondantemente intorno agli occhi in stile egiziano, e con delle protesi appuntite attaccate alle spalle e sulla fronte.[23][24] Il critico Archana Ram, dalla stessa pubblicazione, ha riscontrato alcune analogie tra il copridisco artistico di Born This Way e la copertina del singolo 2 Hearts di Kylie Minogue nel 2007. Nicole Eggenberger di OK! ha descritto l'opera come un bilancio perfetto tra "il lato selvaggio" dell'artista e le sue prospettive modaiole.

Struttura musicale[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati di musica digitale raccolti sul sito Musicnotes.com da Sony/ATV Music Publishing, Born This Way è scritto nella misura di un tempo comune, con un ritmo dance moderato di 120 battiti per minuto. È articolato nella tonalità di Fa# maggiore.

Subito dopo l'uscita del testo musicale, sorse una polemica da parte di alcune comunità asiatiche[25] e ispaniche, tra le quali i gruppi Latino MECha e i Chicanos Unidos Arizona,[26] che ribatterono che l'uso dei termini "cholo" e "orient" per descrivere le comunità asiatiche e latine fosse offensivo e discriminatorio.[27] In risposta al testo, Robert Paul Reyes da Newsblaze.com sostenne di aver esaltato il valore pro-gay del brano, mentre rimase perplesso per i termini "cholo" e "orient", chiedendosi: "I Latini possono ritenersi riconoscenti che una superstar bianca, nata privilegiata, lanci un urlo razzista contro la loro comunità? Non tutti i Latini sono cholas nel barrio, alcuni di loro sono professori, scrittori, ingegneri, dottori e infermieri".[27] Le stazioni radiofoniche in Malesia decisero inoltre di alterare il testo musicale censurandone alcune parti, destando l'ira delle associazioni LGBT del luogo.[28]

Remix[modifica | modifica wikitesto]

Un numero di remix fu commissionato dalla Interscope Records per accompagnare il brano. Un primo involto di remix è stato prodotto da LA Riots, Chew Fu e DJ White Shadow. Intitolato Born This Way – The Remixes Part 1, i remix furono lanciati in un singolo CD e per il mercato digitale il 15 marzo 2011.[29] Un altro capitolo di remix fu portato avanti da Michael Woods, Grum, Dada Life, Zedd, Bimbo Jones e Twin Shadow. È stato pubblicato il 29 marzo 2011 solo per il mondo digitale, con il nome di Born This Way – The Remixes Part 2.[30]

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Triangoli rosa simili a quelli presenti all'inizio del video del singolo

Il videoclip è stato girato tra il 22 e il 24 gennaio 2011 ed è descritto come un'opera "profonda, così ispiratrice e così incredibilmente bella". Billy Brasfield, il truccatore che ha lavorato per Lady Gaga in tutti i suoi video, l'ha descritto come "la cosa più fantastica di tutti i tempi", ammettendo di essersi commosso la prima volta che l'ha visto.[31] Il video è stato diretto da Nick Knight.[32] La coreografa Laurieann Gibson raccontò ad MTV News che il video è "un'esperienza nel cambiare vita, puoi aspettarti il livello più alto di esecuzione nell'arte musicale e nel ballo... ma rimarrete colpiti".[33] Lady Gaga lo descrisse dicendo: "è completamente diverso da qualsiasi altra cosa che abbia mai fatto [...] È la nascita di una nuova razza." Hollywood.com raccontò che Lady Gaga trascorse la prima settimana di febbraio a montare il video in un hotel di New York. Garibay spiegò che il video "è di una rilevanza culturale, e spera di aiutare le persone reiette, vittime di bullismo. Spera di renderle consapevoli che si è bellissimi per quello che si è".[34] Lady Gaga fu ispirata dalla pittura di Salvador Dalí e Francis Bacon e dalle loro creazioni surrealistiche.[35] Gibson ha detto a MTV News la fonte dietro al video:

"Quando l'ha cantata per me, mi ci è voluto molto per dar luogo alla forma visuale che avrei potuto darle. E così una notte mi sono svegliato e mi è saltata in mente, e ho detto, 'Ce l'ho: metteremo in scena la nascita di una nuova razza.' Gaga stava per dire "Voglio Nick Knight per questo video."[34]

Il video è caratterizzato da una introduzione in cui la cantante si presenta come una Regina, fluttuante nello spazio, che partorisce una razza che non può provare sentimenti legati all'odio, Gaga nella clip racconta:[36]

« Questo è il manifesto di Mother Monster. Un governo di alieni un giorno si riunì. Una Nascita di magnifiche e magiche proporzioni ebbe luogo. Ma la Nascita non era finita, era infinita. Mentre Lei dava alla luce i suoi figli e la mitosi del futuro aveva inizio, si comprese che questo momento intimo della vita non è temporaneo, ma eterno. E così cominciò l'inizio di una nuova razza, una razza dentro la razza umana. Una razza che non genera pregiudizio, giudizio, ma libertà senza limiti. Ma quello stesso giorno, mentre la Madre Eterna fluttuava sospesa, un’altra nascita più terrificante si stava verificando: la Nascita del Male. E così Lei stessa si divise in due, roteando in agonia fra due forze grandiose: il pendolo della scelta cominciò la sua danza. Sembra facile, voi immaginerete, gravitare subito verso il Bene. Ma Lei si chiese; come posso proteggere qualcosa di così perfetto senza il Male? »

Dopo questo discorso Lady Gaga inizia a ballare in un ambiente buio, insieme ad un gruppo di ballo, intervallato da scene che la ritraggono in fase di parto, vestita in giacca, un'ingombrante coda di cavallo e truccata da zombie, insieme a Rick Genest[37], successivamente Gaga si trova in una specie di fabbrica dove si trovano le uova che ha partorito e infine abbraccia i ballerini con vernice sparsa per terra. Il video si è guadagnato due nomination agli MTV Video Music Awards 2011 nelle categorie Best Female Video e Best Video with a message e ha riportato in entrambe la vittoria.[38] Il video ha ottenuto la certificazione Vevo, avendo superato le 100 milioni di visualizzazioni su YouTube e Vevo.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il video musicale di Born This Way ha incontrato un responso prevalentemente positivo fra i critici musicali. James Montgomery da MTV ha esaltato l'intera adozione del Creazionismo, aggiungendo che "un po' ha senso, un po' non ne ha, ma al 100 per cento questo non importa molto. Questa è Gaga nel suo più straordinario, più fuori dal comune, essere Gaga".[39]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il brano ha ricevuto parecchie critiche positive. Michael Cragg del giornale britannico The Guardian ha detto: "È uno dei singoli pop più attesi, più twittati e oggetto di discussione nei blog. Il titolo fu annunciato più di sei mesi prima, con il leak del testo attuato dalla stessa Lady Gaga. Elton John l'ha definita "il nuovo inno gay", Justin Bieber e James Blunt hanno provato ad immaginare come sarebbe stata, mentre altri hanno criticato le terminologie razziali presenti nel testo fino alla première radiofonica. Born This Way è martellante, quasi un inno da discoteca fino a quando il ritornello ti calpesta come il peso di un abito di carne scartata. Liricamente, è tutto sull'amare se stessi, che all'interno del contesto musicale ridicolo dei giorni nostri, suona molto meno pesante di quanto non suggerirebbe.

Madonna canta durante il suo MDNA Tour una parte di Born This Way sulla base di Express Yourself in risposta alle accuse di plagio mosse verso Lady Gaga da parte dei media

Il Los Angeles Time ha scritto: "La nuova canzone di Gaga è la perfetta espressione di questa cultura fuorilegge. Don't be a drag/just be a queen, canta con la sua potente voce, puntando i suoi fans lontano dall'immagine del travestito sgargiante, e più verso una forma di benessere e di celebrazione individuale. Imita il rap di Vogue, ma dove la canzone di Madonna ha celebrato gli artisti di Harlem e le stelle come lei, ponendosi in una posa difensiva, Lady Gaga offre un aggiornamento intelligente sul concetto ideato da Benetton (You're black, white, beige, chola descent, you're Lebanese, you're orient). Quando Madonna ha registrato Vogue e Express Yourself, che Born This Way ricorda, l'argomento principale era quello della forma che la liberazione avrebbe dovuto assumere negli ambienti liberali. Il momento di Gaga è diverso: Born This Way suggerisce agli emarginati di rifare il mondo a loro immagine e somiglianza, perché la società non ha bisogno di cambiare, ma solo di aprire di più le proprie porte. Born This Way turba attraverso un percorso affidabile: la sua produzione. Più intrigante ancora, è la base sonora creata da Gaga e i suoi co-produttori: Fernando Garibay e Dj White Shadow. Anche se non si avvicinano al lavoro fatto con RedOne, Born This Way nei suoi quattro minuti miscela diversi generi: un pizzico di dub step, il tonfo della disco HI-NRG, e una ripartizione che prende in prestito dalla pista da ballo latina che Garibay aveva già affrontato con Enrique Iglesias. La diversità può essere la causa politica preferita di Gaga, ed è qualcosa che la musica in sé compie, almeno nello spazio utopico di un buon vecchio club sudato."[40]

La rivista Rolling Stones ha scritto: «Born This Way è molto di più dell'attesissimo ritorno di Lady Gaga in radio, ma è un evento, una dichiarazione, il brano più atteso nella storia della musica registrata, o almeno dopo Hold It Against Me[40]

Esibizioni live[modifica | modifica wikitesto]

Lady Gaga canta Born This Way all'Europride di Roma nel 2011

Lady Gaga ha confermato durante una puntata dell'Ellen DeGeneres Show che avrebbe eseguito Born This Way il 13 febbraio 2011 durante i Grammy Award,[41] manifestazione alla quale la cantante si è presentata all'interno di un enorme uovo di plastica, trasportata da alcuni modelli.[42] Sul palco, la pop star è uscita dall'uovo per eseguire la sua performance con un look che prevedeva un top lucido color nudo, una gonna lunga ed un cappello, oltre all'applicazione di spalle appuntite e corna in faccia.[43] Durante l'esibizione un organo, decorato con delle teste di alcuni manichini in cera, è emerso dal pavimento e Gaga lo ha suonato.[44] Prima della fine della canzone, Gaga si è levata mantello e cappello, ed ha concluso l'esibizione imitando con la sua mano, la forma di una zampa.[42] Secondo Gaga, la performance era ispirata al canto gregoriano a alla danza di Martha Graham e Alvin Ailey.[45] Jocelyn Vena di MTV ha ritenuto che la performance di Gaga sia stata "sorprendente" rispetto a quelle precedenti.[42] Soraya Roberts del New York Daily News è rimasto deluso dall'"attesissima performance", ritenendola troppo simile agli show del Blond Ambition Tour di Madonna.[46] Jason Lipscultz, per Billboard, ha descritto l'esibizione come "viva", giudicando l'entrata in scena di Gaga all'interno dell'uovo come uno dei momenti migliori dei Grammy Awards.[43] Jennifer Armstrong, per Entertainment Weekly, ha elogiato l'esibizione considerandola uno dei punti salienti dello show, anche se con delle influenze di Madonna.[47] Matthew Perpetua di Rolling Stone ha concordato che "non è una sorpresa che la performance di Lady Gaga del suo nuovo singolo sia stato lo spettacolo più bizzarro e d'impatto della serata".[48]

Lady Gaga canta Born This Way eseguita al pianoforte durante l'Artrave: The Artpop Ball

Da febbraio 2011, Born This Way è stata aggiunta alla scaletta del Monster Ball Tour.[49] Durante una puntata dell'Oprah Winfrey Show nel maggio 2011, Lady Gaga ha cantato una versione acustica di Born This Way e Yoü and I. Per la performance Gaga era sedutaa su un alto sgabello indossando una giacca rossa ed una tuta leopardata semi-trasparente.[50] Nel maggio 2011, durante una puntata del The Graham Norton Show, Gaga ha eseguito il brano in chiusura dello spettacolo,[51] mentre durante il suo concerto al Radio 1's Big Weekend del 2011 a Carlisle, la canzone ha aperto lo show.[52] Gaga ha cantato la canzone anche durante l'ultima stagione del Saturday Night Live,[53] un concerto di Good Morning America,[54] la sesta stagione di Germany's Next Topmodel,[55] ed all'Europride 2011 a Roma.[56] Un medley di Judas e Born This Way è stato il live di chiusura del Paul O'Grady Live di Londra.[57] Come esibizione di chiusura dei MuchMusic Video Awards tenuti a Toronto il 19 giugno 2011, Lady Gaga ha cantato Born This Way,[58] mentre agli MTV Video Music Aid Japan, Lady Gaga ha cantato Born This Way e The Edge of Glory.[59] Durante il Born This Way Ball Tour del 2012, Gaga eseguiva la canzone indossando un vestito in vernice di Armani color nudo, ed iniziava l'esibizione uscendo da una riproduzione gonfiabile di una donna incinta.[60] All'Artrave: The Artpop Ball del 2014, Gaga ha cantato Born This Way eseguendola in versione acustica al pianoforte.[61]

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

Lady Gaga canta Born This Way con Maria Aragon al Monster Ball Tour

Il 3 marzo 2011, durante il concerto di Toronto, in Canada, Lady Gaga si esibì con una versione ridotta di Born This Way insieme a Maria Aragon, una bambina di dieci anni diventata virale per aver eseguito una cover del brano, e successivamente pubblicò il video sul suo sito ufficiale.[62] Gaga è stata ospite su Radio Hot 103, dove ha cantato il ritornello di Born This Way in collegamento al telefono. Maria Aragon si è esibita con la canzone anche nel programma americano di Ellen DeGeneres il 23 febbraio 2011.[63]

La canzone è stata anche interpretata da Katy Perry il 7 marzo 2011 durante il suo California Dreams Tour a Parigi.[64] Il cast di Glee ha annunciato che Born This Way sarebbe stata inserita in un episodio a tema della seconda stagione. L'episodio è chiamato Born This Way ed è stato il diciottesimo della seconda stagione. È stato trasmesso su Fox nell'aprile 2011.[65]

Il 25 marzo 2011 Lady Gaga ha pubblicato sul suo sito web una versione alternativa di Born This Way chiamata Born This Way Country Road Version,[66] la quale è stata pubblicata il 5 aprile 2011 su iTunes,[67][68] ed una parte del ricavato dalle vendite è stato donato all'associazione GLSEN (Gay, Lesbian and Straight Education Network).[69] Sempre il 25 marzo, Starsmith ha realizzato un remix della canzone, che è apparso nella compilation Songs for Japan.[70]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Download digitale[71]
  1. Born This Way - 4:20
Born This Way - The Remixes pt.1[72][73]
  1. Born This Way (LA Riots Remix) - 6:32
  2. Born This Way (Chew Fu Born To Fix Remix) - 5:52
  3. Born This Way (DJ White Shadow Remix) - 4:24
Born This Way - The Remixes Pt. 2[74]
  1. Born This Way (Michael Woods Remix) - 6:24
  2. Born This Way (Dada Life Remix) - 5:15
  3. Born This Way (Zedd Remix) - 6:30
  4. Born This Way (Grum Remix) - 5:48
  5. Born This Way (Bimbo Jones Club Remix) - 6:46
  6. Born This Way (Twin Shadow Remix) - 4:05
Born This Way (Edizione Giappone)[75]
  1. Born This Way (LLG vs GLG Radio Remix) - 3:50
Born This Way (Bollywood Remix)[76]
  1. Born This Way (Bollywood Remix) - 4:12
  2. Born This Way (Culture Shock Remix) - 4:12
CD (Edizione Limitata)
  1. Born This Way – 4:21
  2. Born This Way (LA Riots Remix) – 6:33
  3. Born This Way (Chew Fu Born to Fix Remix) – 5:53
  4. Born This Way (DJ White Shadow Remix) – 4:24
Limited 12" picture disc[77]
  1. Born This Way – 4:21
  2. Born This Way (LA Riots Remix) – 6:33
  3. Born This Way (Chew Fu Born to Fix Remix) – 5:53
  4. Born This Way (DJ White Shadow Remix) – 4:24
Born This Way Country Road Remix[67]
  1. Born This Way (The Country Road Version) – 4:21
Born This Way (CD Special Edition)
  1. Born This Way (The Country Road Version) - 4:21
  2. Born This Way (Jost & Naaf Remix) - 5:59

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

Lady Gaga canta Born This Way al Born This Way Ball Tour

Born This Way, grazie a oltre un milione di copie vendute in cinque giorni, è diventato il singolo che ha venduto più velocemente su iTunes.[78]

I primi dati di vendita sono arrivati dagli Stati Uniti, in cui il brano ha venduto circa 448.000 copie nei primi tre giorni, debuttando direttamente alla prima posizione della classifica statunitense e divenendo la millesima canzone a raggiungerne la vetta. Born This Way ha anche infranto il record come maggior numero di ascolti contemporanei in radio con un'audience di 78,5 milioni di spettatori.[79] È inoltre entrato alla numero 14 nella classifica pop, basata sull'airplay, essendo stata mandata in onda 4 602 volte in due soli giorni. La canzone è battuta solo da Dreamlover di Mariah Carey, che fece la sua entrata alla dodicesima nel 1993.[80] Mantiene la vetta sia sulla Billboard Hot 100 sia sulla Hot Digital Songs e vende altre 509 000 copie nella sua seconda settimana, con un aumento di vendite del 14%.[81] Rimane alla vetta anche nella terza, nella quarta, nella quinta e nella sesta settimana, con rispettivamente altri 286 000[82], 231 000[83], 176 000[84] e 182 000[85] download. Il singolo, a marzo, ha raggiunto anche il nono posto tra le suonerie più scaricate negli Stati Uniti della settimana.[86] Al 3 luglio 2011 il brano ha venduto 3 029 000 copie negli Stati Uniti, divenendo il quarto miglior singolo di metà anno.[87] Due anni dopo, invece, le vendute vengono certificate a 3 918 000 copie vendute.[88]

In Regno Unito ha debuttato alla posizione numero tre della classifica dei singoli vendendo circa 60 000 copie legali in solo 34 ore.[89] In Francia, debutta, invece, alla 2ª posizione[90] con una vendita pari a 11 955 copie.[90] È il primo singolo di Lady Gaga a debuttare al primo posto in nove nazioni in appena due settimane.

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Date di pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Nazione Data Formati Etichetta
Mondo[136][137][138][139][140][141] 11 febbraio 2011 Download digitale Interscope, Polydor, Def Jam Recordings
Germania[142] 11 marzo 2011 CD
Regno Unito[143] 14 marzo 2011
Francia[144]
Stati Uniti[145] 15 marzo 2011
Italia[146]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Born This Way, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 12 febbraio 2011.
  2. ^ (FR) Certificazione Belgio, ultratop.be. URL consultato il 6 giugno 2013.
  3. ^ (DE) Certificazione Germania, musikindustrie.de. URL consultato il 6 giugno 2013.
  4. ^ (ES) Certificazione Spagna (PDF), promusicae.org. URL consultato il 6 giugno 2013.
  5. ^ (EN) Certificazione Australia, ariacharts.com.au. URL consultato il 6 giugno 2013.
  6. ^ (DA) Certificazione Danimarca, ifpi.dk. URL consultato il 6 giugno 2013.
  7. ^ (JA) Certificazione Giappone, riaj.or.jp. URL consultato il 6 giugno 2013.
  8. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 6 giugno 2013.
  9. ^ (NO) Certificazione Norvegia, ifpi.no. URL consultato il 4 settembre 2016.
  10. ^ (EN) Certificazione Nuova Zelanda, radioscope.net.nz. URL consultato il 6 giugno 2013.
  11. ^ (EN) Certificazione BPI, bpi.co.uk. URL consultato il 22 luglio 2013.
  12. ^ (EN) Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 6 giugno 2013.
  13. ^ (SV) Certificazione Svezia, hitlistan.se. URL consultato il 3 maggio 2013.
  14. ^ (DE) Certificazione Svizzera, hitparade.ch. URL consultato il 6 giugno 2013.
  15. ^ (EN) Monica Herrera, Lady Gaga to release "Born This Way" album in May, single on Grammy night, in Billboard, 1º gennaio 2011. URL consultato il 10 febbraio 2011.
  16. ^ (EN) Jocelyn Vena, Lady Gaga releases full "Born This Way" lyrics, in MTV.com, 27 gennaio 2011. URL consultato il 10 febbraio 2011.
  17. ^ Born This Way: è già polemica sul ritorno Lady Gaga! Copie e plagi…
  18. ^ (EN) Digital Music Report 2012 (PDF), IFPI. URL consultato il 23 gennaio 2012.
  19. ^ Lady Gaga: Our Lady of Pop - Magazine - Vogue
  20. ^ (EN) Lady Gaga's new album "finished", in The Guardian, 23 giugno 2010. URL consultato il 10 febbraio 2011.
  21. ^ (EN) Kelley L. Carter, Lady Gaga announces release dates for "Born This Way", first single, in MTV, 1º gennaio 2011. URL consultato il 10 febbraio 2011.
  22. ^ (EN) Jocelyn Vena, Lady Gaga to release "Born This Way" early, in MTV, 7 febbraio 2011. URL consultato il 10 febbraio 2011.
  23. ^ a b Joyce Chen, Lady Gaga gives her 'little monsters' a sneak peak with Twitpic of single cover for 'Born This Way', in New York Daily News, News Corporation, 8 febbraio 2011. URL consultato il 9 febbraio 2011.
  24. ^ Lady Gaga Reveals 'Born This Way' Cover Art, Revisits Apartment On '60 Minutes', The Hollywood Reporter. URL consultato l'11 febbraio 2011.
  25. ^ (EN) Miguel Perez, Asians join Latinos in condemning Lady Gaga, HispanicallySpeaking.com. URL consultato il 4 aprile 2011.
  26. ^ (EN) Ed Kennedy, Morning Meme: Jesse Tyler and Justin Mikita Celebrate SAG, Betty White Hangs With "Modern Family," and Superman Is British?, AfterElton. URL consultato l'11 febbraio 2011.
  27. ^ a b (EN) Robert Paul Reyes, Is Lady Gaga a Racist?, Newsblaze.com. URL consultato l'11 febbraio 2011.
  28. ^ (EN) Sean Young, Malaysia gags Lady Gaga, garbles gay lyrics, Msnbc.com. URL consultato il 12 aprile 2011.
  29. ^ Born This Way – The Remixes Part 1" Coming March 15!, Ladygaga.com. URL consultato il 19 aprile 2011.
  30. ^ Born This Way – The Remixes Part 2" Coming March 29!, Ladygaga.com. URL consultato il 19 aprile 2011.
  31. ^ (EN) James Montgomery, Lady Gaga's "Born This Way" video is "profund", makeup artists say, in MTV.com, 25 gennaio 2011. URL consultato il 10 febbraio 2011.
  32. ^ (EN) James Montgomery, Lady Gaga Visits Tonight Show with Jay Leno, in gagadaily.com, 15 febbraio 2011. URL consultato il 15 febbraio 2011.
  33. ^ Lady Gaga's 'Born This Way' Video Is 'Life Changing' - Music, Celebrity, Artist News | MTV
  34. ^ a b Lady Gaga's 'Born This Way' Video, Frame By Frame - Music, Celebrity, Artist News | MTV
  35. ^ Lady Gaga Says 'Born This Way' Video Shows 'The Birth Of A New Race' - Music, Celebrity, Artist News | MTV
  36. ^ James Montgomery, Born This Way: Video Premiere, in Lady Gaga Tribe Italia, 28 febbraio 2011. URL consultato il 3 marzo 2011.
  37. ^ Lady Gaga: Born This Way Video (Video)
  38. ^ 2011 MTV Video Music Awards | Winners | MTV.com
  39. ^ James Montgomery, Lady Gaga's 'Born This Way' Video Premieres, MTV (MTV Networks), 28 febbraio 2011. URL consultato il 28 febbraio 2011.
  40. ^ a b Raccolta di recensioni della canzone sul sito gagatribe.com, gagatribe.com. URL consultato il 14 febbraio 2011.
  41. ^ (EN) Monica Herrera, Lady Gaga gives "Born This Way" lyrics, in Billboard, Prometheus Global Media, 27 gennaio 2011. URL consultato il 27 gennaio 2011.
  42. ^ a b c Jocelyn Vena, Lady Gaga esce da un uovo per cantare 'Born This Way' ai Grammy, MTV, 13 febbraio 2011. URL consultato il 23 aprile 2011.
  43. ^ a b Jason Lipschultz, Lady Gaga ai Grammys in un Uovo Gigante, 'Born This Way', in Billboard, Prometheus Global Media, 14 febbraio 2011. URL consultato il 27 febbraio 2011.
  44. ^ Lindsay Powers, Lady Gaga Hatches From Egg During Grammy Performance (VIDEO), in The Hollywood Reporter, Prometheus Global Media, 13 febbraio 2011. URL consultato il 15 febbraio 2011.
  45. ^ Bill Werde, Lady Gaga 'Born This Way' Cover Story, in Billboard, Prometheus Global Media, 18 aprile 2011, p. 4. URL consultato il 20 aprile 2011.
  46. ^ (EN) Soraya Roberts, Cee Lo Grammy performance with puppets beats Lady Gaga 'Born This Way' egg arrival, in New York Daily News, Mortimer Zuckerman, 14 febbraio 2011. URL consultato il 23 aprile 2011.
  47. ^ Jennifer Armstrong, Lady Gaga's Grammy performance: 'Born This Way' hatches from a giant egg, in Entertainment Weekly, Time Inc, 13 febbraio 2011. URL consultato il 23 aprile 2011.
  48. ^ Matthew Perpetua, Arcade Fire, Lady Antebellum, Lady Gaga Win Big at the Grammys, in Rolling Stone, Jann Wenner, 14 febbraio 2011. URL consultato il 23 aprile 2011.
  49. ^ Vaughn Schoonmaker, Lady Gaga Has Her 'Way' With Atlantic City, MTV (MTV Networks), 20 febbraio 2011. URL consultato il 24 aprile 2011.
  50. ^ (EN) Jocelyn Vena, Lady Gaga canta la nuova versione di 'You And I' da Oprah, MTV (MTV Networks), 5 maggio 2011. URL consultato il 6 maggio 2011.
  51. ^ Amy Duncan, Lady Gaga: I'm single and miserably pathetic in a wedding dress, in Metro, Associated Newspapers, 12 maggio 2011. URL consultato il 13 maggio 2011.
  52. ^ (EN) Daniel Sperling, Lady GaGa chiude il Radio 1's Big Weekend, Digital Spy, 15 maggio 2011. URL consultato il 16 maggio 2011.
  53. ^ David Chiu, Lady Gaga rocked SNL, NBC News, 22 maggio 2011. URL consultato il 22 maggio 2011.
  54. ^ Sheila Marikar, Lady Gaga Wows Crowd, Ziplines Onto 'Good Morning America' Concert Stage, ABC News, 27 maggio 2011, p. 2. URL consultato il 27 maggio 2011.
  55. ^ Keri Hilson and Lady Gaga Perform in Germany, in Rap-Up, 12 giugno 2011. URL consultato il 15 giugno 2011.
  56. ^ Francis D'Emillio, Lady Gaga sings 'Born This Way' at Rome gay rally, in USA Today, Gannett Company, 13 giugno 2011. URL consultato il 15 giugno 2011.
  57. ^ Ryan Love, Lady GaGa 'Paul O'Grady' interview: Behind the scenes, Digital Spy, 13 giugno 2011. URL consultato il 16 giugno 2011.
  58. ^ Chris Johnson, Born again (for the third time)... Lady Gaga hatches from another egg-like cocoon during the MuchMusic Video Awards, in Daily Mail, Associated Newspapers, 20 giugno 2011. URL consultato il 20 giugno 2011.
  59. ^ Georgina Little John, Back to blonde for Lady Gaga as she ditches the green wig at charity concert in Japan, in Daily Mail, Associated Newspapers, 25 giugno 2011. URL consultato il 26 giugno 2011.
  60. ^ Born This Way Ball South Korea Review, Capital FM, 21 dicembre 2012. URL consultato il 4 ottobre 2013.
  61. ^ Candice Barnes, Lady Gaga review: 'Mother monster' delivers a show fit for Queen, su The Sydney Morning Herald, Fairfax Media, 21 agosto 2014. URL consultato il 21 agosto 2014.
  62. ^ Lady Gaga Duets with 10-Year-Old Maria Aragon in Toronto | Billboard.com
  63. ^ Maria Aragon meets Ellen DeGeneres | ABS-CBN News
  64. ^ Katy Perry Covers Lady Gaga's 'Born This Way' in Paris - Viral Videos | Billboard.com
  65. ^ Shows A-Z - glee on fox | TheFutonCritic.com
  66. ^ Country version of Gaga's 'Born this Way' - UPI.com
  67. ^ a b (EN) Born This Way (The Country Road Version) - Single su iTunes americano, iTunes. URL consultato il 5 aprile 2011.
  68. ^ Born This Way (The Country Road Version) - Single su iTunes italiano, iTunes. URL consultato il 5 aprile 2011.
  69. ^ (EN) COUNTRY ROAD VERSION OF "BORN THIS WAY" RELEASED TO BENEFIT CHARITY, ladygaga.com, 4 aprile 2011. URL consultato il 7 aprile 2011.
  70. ^ Sade, Beyonce, Adele, Eminem, Lady Gaga & more release Songs For Japan charity album | SoulCulture
  71. ^ (EN) Scheda del singolo su amazon.com, amazon.com. URL consultato il 13 febbraio 2011.
  72. ^ Born This Way - The Remixes Part 1, gagatribe.com. URL consultato l'11 marzo 2011.
  73. ^ (EN) Scheda dell'EP su iTunes americano, itunes.apple.com. URL consultato il 20 marzo 2011.
  74. ^ (EN) Born This Way - The Remixes Pt. 2, itunes.apple.com. URL consultato il 29 marzo 2011.
  75. ^ Dopo Nove Settimane Di Dominio Assoluto Vasco Rossi Scalzato In Classifica Album Da Lady Gaga - BigliettiEventi.info
  76. ^ Lady Gaga "Edge of Glory" Bollywood Remix by Desi Hits
  77. ^ (EN) Born This Way Vynil su Record Store Day, RecordStoreDay.com. URL consultato il 16 aprile 2011.
  78. ^ (EN) Lady Gaga's 'Born This Way' Is Fastest-Selling Single In iTunes History, mtv.com. URL consultato il 5 luglio 2012.
  79. ^ (EN) Gary Trust, Lady Gaga Claims 1,000th Hot 100 No. 1 with 'Born This Way', in Billboard, 16 febbraio 2011. URL consultato il 16 febbraio 2011.
  80. ^ (EN) Gary Trust, Keith Caulfield, Lady Gaga's 'Born' Blasts Off With Huge Sales & Radio Start, in Billboard, 14 febbraio 2011. URL consultato il 14 febbraio 2011.
  81. ^ (EN) Keith Caulfield, Justin Bieber Scores Second No. 1 Album with 'Never Say Never' Remixes, in Billboard, 23 febbraio 2011. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  82. ^ (EN) Keith Caulfield, Adele's '21' Sells Over 350k to Top Billboard 200, Billboard.com, 2 marzo 2011. URL consultato il 3 aprile 2011.
  83. ^ (EN) Keith Caulfield, Adele Holds Atop Billboard 200, Marsha Ambrosius Bows at No. 2, Billboard.com, 9 marzo 2011. URL consultato il 3 aprile 2011.
  84. ^ (EN) Keith Caulfield, Lupe Fiasco's 'Lasers' Lands at No. 1 on Billboard 200, Billboard.com, 16 marzo 2011. URL consultato il 3 aprile 2011.
  85. ^ (EN) Gary Trust, Lady Gaga, 'Glee' Songs Dominate Hot 100, Billboard.com. URL consultato il 24 marzo 2011.
  86. ^ (EN) Ringtones, billboard.com. URL consultato il 15 gennaio 2013.
  87. ^ (EN) Keith Caulfield, Adele, Katy Perry Rule Mid-Year SoundScan Charts, Billboard.com, 6 luglio 2011. URL consultato l'11 luglio 2011.
  88. ^ (EN) Ask Billboard: Who's Sold More, Katy Perry Or Lady Gaga?, billboard.com. URL consultato il 27 agosto 2013.
  89. ^ (EN) Jessie J wins Champion chart battle as Lady Gaga swoops into Top 3, in The Official Charts, 13 febbraio 2011. URL consultato il 19 febbraio 2011.
  90. ^ a b (FR) Top Titres : Lady GaGa débarque avec "Born This Way", Syndicat National de l'Édition Phonographique. Chartsinfrance.net. URL consultato il 15 febbraio 2011.
  91. ^ (EN) Andamento Born This Way nella classifica dell'Australia, charts.com. URL consultato il 20 febbraio 2011.
  92. ^ (DE) Andamento Born This Way nella classifica dell'Austria, charts.com. URL consultato il 23 febbraio 2011.
  93. ^ (NL) Andamento Born This Way nella classifica delle Fiandre, ultratop.be. URL consultato il 18 febbraio 2011.
  94. ^ (FR) Andamento Born This Way nella classifica della Vallonia, ultratop.be. URL consultato il 18 febbraio 2011.
  95. ^ (EN) Born This Way su Billboard, Billboard.com. URL consultato il 15 gennaio 2013.
  96. ^ (EN) Andamento Born This Way nella classifica della Danimarca, charts.com. URL consultato il 18 febbraio 2011.
  97. ^ Euro Digital Songs : Feb 26, 2011 | Billboard Chart Archive
  98. ^ (EN) Andamento Born This Way nella classifica della Finlandia, charts.com. URL consultato il 17 febbraio 2011.
  99. ^ (FR) Andamento Born This Way nella classifica della Francia, charts.com. URL consultato il 21 febbraio 2011.
  100. ^ (DE) Andamento Born This Way nella classifica della Germania, charts.de. URL consultato il 15 marzo 2011.
  101. ^ (EN) Andamento Born This Way nella classifica del Giappone, Billboard.com. URL consultato il 14 aprile 2011.
  102. ^ (EN) GFK Chart-Track - Classifica del 17 febbraio 2011, chart-track.co.uk. URL consultato il 18 febbraio 2011.
  103. ^ Classifica italiana FIMI del 13 febbraio 2011, fimi.it. URL consultato il 25 febbraio 2011.
  104. ^ Andamento Born This Way nella classifica del Messico, mexicancharts.com. URL consultato il 3 aprile 2011.
  105. ^ Andamento Born This Way nella classifica della Norvegia, norwegiancharts.com. URL consultato il 19 febbraio 2011.
  106. ^ Andamento Born This Way nella classifica della Nuova Zelanda, charts.org.nz. URL consultato il 15 febbraio 2011.
  107. ^ Andamento Born This Way nella classifica dei Paesi Bassi, dutchcharts.nl. URL consultato il 18 febbraio 2011.
  108. ^ Born This Way nella classifica della Polonia, zpav.pl. URL consultato il 16 aprile 2011.
  109. ^ Andamento Born This Way nella classifica del Regno Unito, chartstats.com. URL consultato il 16 febbraio 2011.
  110. ^ Andamento di Born This Way nella classifica della Repubblica Ceca, IFPI. URL consultato il 14 aprile 2011.
  111. ^ Andamento di Born This Way nella classifica della Slovacchia, IFPI.
  112. ^ Andamento Born This Way nella classifica della Spagna, spanishcharts.com. URL consultato il 18 febbraio 2011.
  113. ^ (EN) Born This Way su Billboard, Billboard.com. URL consultato il 15 gennaio 2013.
  114. ^ Andamento Born This Way nella classifica della Svezia, swedishcharts.com. URL consultato il 18 febbraio 2011.
  115. ^ Andamento Born This Way nella classifica della Svizzera, hitparade.ch. URL consultato il 23 febbraio 2011.
  116. ^ Archívum - Slágerlisták - MAHASZ - Magyar Hangfelvétel-kiadók Szövetsége
  117. ^ (EN) ARIA END OF YEAR CHARTS: TOP 100 SINGLES, ariacharts.com.au. URL consultato il 1º gennaio 2012.
  118. ^ (DE) JAHRESHITPARADE SINGLES 2011, austriancharts.at. URL consultato il 3 gennaio 2012.
  119. ^ (NL) JAAROVERZICHTEN 2011, ultratop.be. URL consultato il 26 dicembre 2011.
  120. ^ (FR) RAPPORTS ANNUELS 2011, ultratop.be. URL consultato il 26 dicembre 2011.
  121. ^ (EN) Billboard Year End:Canada Hot 100, Billboard. URL consultato il 10 dicembre 2011.
  122. ^ (DA) Track Top-50, hitlisterne.dk. URL consultato il 29 gennaio 2012.
  123. ^ (DE) Gratis: Liste der erfolgreichsten Hits 2011, rtl.de. URL consultato il 26 dicembre 2011.
  124. ^ (EN) Billboard Year End:Japan Hot 100, Billboard. URL consultato il 10 dicembre 2011.
  125. ^ (EN) Best of 2011, irma.ie. URL consultato l'8 marzo 2012.
  126. ^ (EN) Adele dominates NZ end of year charts, tvnz.co.nz. URL consultato il 26 dicembre 2011.
  127. ^ (NL) JAAROVERZICHTEN - SINGLE 2011, dutchcharts.nl. URL consultato il 26 dicembre 2011.
  128. ^ (EN) The Top 20 biggest selling singles of 2011 revealed!, theofficialcharts.com. URL consultato il 2 gennaio 2012.
  129. ^ (RO) ROMANIAN TOP 100 – clasamentul anului 2011, andreea.fm. URL consultato il 2 gennaio 2012.
  130. ^ (ES) TOP 50 CANCIONES ANUAL 2011 (PDF), promusicae.es. URL consultato l'8 marzo 2012.
  131. ^ (EN) Best of 2011: Hot 100, Billboard. URL consultato il 9 dicembre 2011.
  132. ^ Årslista Singlar - År 2011, hitlistan.se.
  133. ^ (DE) SWISS YEAR-END CHARTS 2011, swisscharts.com. URL consultato il 2 gennaio 2012.
  134. ^ (HU) MAHASZ Rádiós TOP 100 2011, mahasz.hu. URL consultato l'8 marzo 2012.
  135. ^ (EN) Japan Hot 100, billboard.com. URL consultato il 15 dicembre 2012.
  136. ^ Born This Way su iTunes italiano, itunes.apple.com. URL consultato il 19 marzo 2011.
  137. ^ (EN) Born This Way su iTunes australiano, itunes.apple.com. URL consultato il 19 marzo 2011.
  138. ^ (EN) Born This Way su iTunes americano, itunes.apple.com. URL consultato il 19 marzo 2011.
  139. ^ (EN) Born This Way su iTunes inglese, itunes.apple.com. URL consultato il 19 marzo 2011.
  140. ^ (EN) Born This Way su iTunes neozelandese, itunes.apple.com. URL consultato il 19 marzo 2011.
  141. ^ (EN) Born This Way su iTunes irlandese, itunes.apple.com. URL consultato il 19 marzo 2011.
  142. ^ (DE) Born This Way EP su amazon tedesca, amazon.de. URL consultato il 19 marzo 2011.
  143. ^ (EN) Born This Way EP su amazon inglese, amazon.co.uk. URL consultato il 19 marzo 2011.
  144. ^ (FR) Born This Way The Remixes su amazon francese, amazon.fr. URL consultato il 19 marzo 2011.
  145. ^ (EN) Born This Way EP su amazon.com, Amazon Inc.. URL consultato il 19 marzo 2011.
  146. ^ Born This Way EP su la Feltrinelli, la Feltrinelli.it. URL consultato il 19 marzo 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica