Bernardino de Mendoza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Bernardino de Mendoza (Guadalajara, 1540 circa – Madrid, 3 agosto 1604) è stato un comandante militare spagnolo, diplomatico e scrittore di storia militare e di politica.

Non va confuso con l'altro Bernardino de Mendoza (1501-1557) che nel 1555, per un breve periodo, fu luogotenente del viceré di Napoli.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nella città spagnola di Guadalajara intorno al 1540, entrò nell'armata di Filippo II nel 1560 combattendo nei Paesi Bassi per oltre quindici anni al servizio di Fernando Álvarez de Toledo, Duca d'Alba.

Nel 1576 fu insignito dell'Ordine Militare di San Giacomo come riconoscimento per i suoi meriti militari e due anni dopo fu inviato dal sovrano a Londra in qualità di ambasciatore, sebbene la sua attività nella città inglese fu non solo di diplomatico ma anche di spia

Fu espulso dall'Inghilterra nel 1584, non appena le autorità scoprirono (grazie alla decifrazione del codice segreto con cui comunicava con re Filippo) il suo coinvolgimento nel complotto che Francis Throckmorton ordì contro la sovrana Elisabetta I.

Per i sei anni successivi fu ambasciatore in Francia e si dimise dalla carica nel 1590 per motivi di salute; i problemi alla vista che lo affliggevano da anni si aggravarono e lo condussero alla cecità, prima della morte avvenuta a Madrid nel 1604.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli scritti più conosciuti di Mendoza va citato il Comentario de lo sucecido en los Paises Bajos desde el año 1567 hasta el de 1577, cronaca della guerra cui egli partecipò nei Paesi Bassi.

Pubblicò inoltre un libro sull'arte della guerra dal titolo Teoria y práctica de la guerra e una traduzione in lingua spagnola di Politicorum sive civilis doctrinae libri sex del filosofo fiammingo Giusto Lipsio (Justus Lipsius).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Miguel Cabañas Agrela (ed.), Bernardino de Mendoza, un escritor soldado al servicio de la monarquía católica (1540-1604), Diputación de Guadalajara: 2001.
  • De Lamar Jensen, Diplomacy and Dogmatism: Bernardino de Mendoza and the French Catholic League, Cambridge MA 1964.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN165808 · ISNI (EN0000 0000 6632 1203 · LCCN (ENno91021989 · GND (DE128465085 · BNF (FRcb134958058 (data) · CERL cnp01367230
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie