Benedictus (canto liturgico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Benedictus è la seconda strofa del Sanctus, orazione di lode nella messa della Chiesa cattolica.

Il testo[modifica | modifica wikitesto]

Il suo testo è tratto dal Vangelo secondo Matteo (21,9), nel contesto del racconto dell'entrata trionfale di Gesù a Gerusalemme la domenica delle palme.

(LA)

« Benedictus, qui venit in nomine Domini
Osanna in excelsis »

(IT)

« Benedetto colui che viene, nel nome del Signore
Osanna nell'alto dei Cieli »

(Benedictus)

Talvolta il Benedictus viene considerato una parte a sé stante della messa cantata, ma solitamente viene cantato unitamente al Sanctus, con il quale è legato, dopo il Prefazio e prima del Canone.

Nella Messa tridentina, il Benedictus è omesso e viene recitato o cantato solamente la prima strofa del Sanctus: Sanctus, Sanctus, Sanctus, Dominus Deus, Sabaoth. Pleni sunt coeli et terra gloria tua. Hossanna in excelsis..

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo