Arthur Guinness

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Arthur Guinness

Arthur Guinness (Celbridge, 24 settembre 1725Dublino, 23 gennaio 1803) è stato un imprenditore irlandese, fondatore dell'azienda produttrice della birra Guinness.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Arthur nacque a Celbridge e crebbe ad Ardclough, nella contea di Kildare. Fondò il suo primo birrificio a Leixlip, ma la prima pinta di Guinness fu spillata a Celbridge in un pub situato dove adesso c'è il Mucky Duck Pub.

Fu sepolto nel gennaio 1803 nella tomba di famiglia della madre, a Oughter Ard nella contea di Kildare.

La famiglia[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia Guinness sostenne di discendere dal clan dei Magennis della contea di Down, nel XVII secolo, anche se questo non è mai stato provato in alcun modo.

Il padre di Arthur era l'amministratore delle terre di Arthur Price, arcivescovo di Cahel, e potrebbe aver prodotto birra per i lavoratori della tenuta. Nel suo testamento, l'arcivescovo lasciò in eredità 100 sterline ad ogni membro della famiglia Guinness.

Nel 1761 Arthur Guinness sposò Olivia Whitmore nella St. Mary's Church, a Dublino, da cui ebbe 21 figli, 10 dei quali sopravvissero fino all'età adulta. Dal 1764 vissero nella Beaumont House, attualmente parte del Beaumont Hospital, nei sobborghi nord della capitale irlandese.

Tre dei suoi figli divennero anche loro birrai, e altri suoi discendenti furono missionari, politici e autori.

La birra[modifica | modifica wikitesto]

Casa di abitazione di Arthur Guinness (1725-1803), mastro birraio e fondatore nel 1759 della compagnia che da lui prende il nome.

Arthur fondò un birrificio a Leixlip nel 1755, producendo birra ale. Cinque anni dopo, lasciò suo fratello minore a dirigere quell'impresa e si spostò a Dublino, al St. James's Gate Brewery, alla fine del 1759. Tale sito era abbandonato e fu affittato per 45 sterline all'anno per un contratto lungo 9000 anni.

Già nel 1767 era a capo della Corporazione dei Mastri Birrai di Dublino.

In realtà, dal libro delle tasse, appare che Arthur vendette per la prima volta la sua birra porter solo nel 1778, e sembra che altri birrai di Dublino avessero provato a produrre questo tipo di birra a partire dagli anni 60.

La sua maggiore impresa fu l'espansione del suo birrificio nel triennio 1797-99. In seguito si dedicò esclusivamente alla birra scura e assunse alcuni membri della famiglia Purser, che avevano prodotto porter a Londra fin dagli anni 70; questi, in seguito, furono consoci del birrificio per diversi anni.

Alla sua morte, nel 1803, la produzione annuale era di oltre 20 000 botti.

Le idee politiche[modifica | modifica wikitesto]

Guinness, negli anni 80 e 90 del XVIII secolo, fu un sostenitore di Henry Grattan, se non altro perché questi voleva ridurre le tasse sulla birra.

Fu un rappresentante dei birrai nella Dublin Corporation a partire dagli anni 60 fino alla sua morte.

Come Grattan, Guinness era apertamente a favore dell'emancipazione dei cattolici a partire dal 1793, ma tuttavia non appoggiò gli Irlandesi Uniti durante la ribellione del 1798.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN81484568 · GND (DE137270380
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie