Ansatz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

In fisica e in matematica, il termine ansatz viene utilizzato per indicare un'ipotesi, un'assunzione, che pare ragionevole dai dati a disposizione e la cui validità viene verificata successivamente risolvendo il problema. Il termine tedesco Ansatz significa appunto approccio, tentativo.

Ad esempio si parla di ansatz quando si suppone che la soluzione di un'equazione differenziale sia esprimibile in serie di potenze, oppure sia un esponenziale. Dopo aver fatto l'ipotesi, si sostituisce la soluzione nell'equazione e si verifica la correttezza dell'ipotesi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  1. Neil A. Gershenfeld, The Nature of mathematical Modeling, Cambridge University Press, 1999, ISBN 0-521-57095-6.
  2. Dr. Erich Weis, Dr. Heinrich Mattutat, The New Schöffler-Weis Compact German and English Dictionary, Ernst Klett Verlag, Stuttgart, 1968, ISBN 0-245-59813-8.
  3. M. Karbach e G. Müller, Introduction to the Bethe ansatz I. Computers in Physics 11 (1997), 36-43. (PDF), 10 settembre 1998. URL consultato il 25 ottobre 2008 (archiviato dall'url originale il 4 dicembre 2008).
  4. M. Karbach, K. Hu e G. Müller, Introduction to the Bethe ansatz II. Computers in Physics 12 (1998), 565-573. (PDF), 10 settembre 1998. URL consultato il 25 ottobre 2008 (archiviato dall'url originale il 4 dicembre 2008).
  5. M. Karbach, K. Hu e G. Müller, Introduction to the Bethe ansatz III. (PDF), 1º agosto 2000. URL consultato il 25 ottobre 2008 (archiviato dall'url originale il 4 dicembre 2008).