Angelo Crespi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Angelo Lorenzo Crespi (Busto Arsizio, 10 luglio 1968) è un giornalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in Legge, giornalista professionista dal 2001, ha collaborato alle pagine culturali de Il Foglio e del quotidiano Il Giornale e alla pagina "Commenti e Opinioni" de Il Corriere della Sera. Dall'ottobre 2002 al novembre 2009 ha diretto il settimanale di cultura Il Domenicale.[1] Dal novembre 2014 al luglio 2016 è stato direttore dell'inserto settimanale de Il Giornale, ilgiornaleOff. Attualmente è consigliere di amministrazione del Piccolo Teatro di Milano.[2]

Ha insegnato Storia del giornalismo all'Università Cattolica del Sacro Cuore dal 2005 al 2013. Dal 2013 è docente di Elementi giuridici ed economici dell’arte all'Accademia di Belle Arti "Aldo Galli" di Como.

Dal giugno 2008 al marzo 2011 è stato consigliere[3] del Ministro dei Beni e delle Attività Culturali Sandro Bondi.

Nel 2014 ha scritto la drammaturgia dello spettacolo teatrale Nerone. Duemila anni di calunnie che ha debuttato al Teatro Manzoni di Milano. Nel 2015, ha scritto la commedia La grande guerra di Mario, che ha debuttato sempre al Teatro Manzoni di Milano, in cui si celebra il ricordo dell'anniversario della prima Guerra mondiale. Nel 2016 ha scritto la commedia D'Annunzio Segreto, sulla vita di Gabriele d'Annunzio, che è stata rappresentata in prima nazionale al Teatro Quirino di Roma.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Angelo Crespi, La professione giornalistica in Europa, EduCatt Università Cattolica, 2001
  • Angelo Crespi, Contro la Terza pagina, BvS edizioni, 2004
  • Vittorio Sgarbi, Angelo Crespi, Ragione e passione: contro l'indifferenza, Bompiani, 2007
  • Angelo Crespi, Chiara Gatti, Contemporary tales. Elisabeth Strigini. Selected works, 24 Ore cultura, 2012
  • Angelo Crespi, Ars Attack. Il bluff del contemporaneo, Johan&Levi, 2013
  • Angelo Crespi, Margherita Fontanesi, Massimiliano Alioto. Codex corruptionis, Maretti editore, 2013
  • Angelo Crespi, Roberto Floreani. Ricordare, Vanillaedizione, 2015
  • Angelo Crespi, Chiara Canali, Mr. Savethewall. The story, Vanillaedizioni, 2015
  • Angelo Crespi, 100 anni di arte immonda, ed. il Giornale, 2017
  • Angelo Crespi, Costruito da dio. Perché le chiese contemporanee sono brutte e i musei sono diventati le nuove cattedrali, Johan&Levi, 2017
  • Angelo Crespi, Ivan Quaroni, Giuseppe Veneziano. Mash-up, Skira, 2018
  • Angelo Crespi, Alessandro Busci. Rust, Imago Ar Gallery, 2018
  • Angelo Crespi, Ciro Palumbo. The Strength of Gods and Heroes, Canova editore, 2018
  • Angelo Crespi, Luciano Ventrone. Il limite del vero. Dall'astrattismo all'astrazione, Cambi editore, 2019

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe Farinelli, Storia del giornalismo italiano: dalle origini a oggi, Torino, UTET libreria, 2004, p. 440.
  2. ^ Seduta numero 6 del 07 maggio 2018 XI Legislatura, su regione.lombardia.it.
  3. ^ System, I consiglieri del Ministro Bondi incontrano i vertici del Getty Museum di Los Angeles, su www.beniculturali.it. URL consultato il 2 marzo 2019.
  4. ^ Premio alla Voce, su www.leggiodoro.it. URL consultato il 15 aprile 2015.
Controllo di autoritàVIAF (EN254364366 · ISNI (EN0000 0003 7711 1684 · SBN IT\ICCU\SBNV\001490 · GND (DE1048494500 · BNF (FRcb144531531 (data) · WorldCat Identities (EN254364366
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie