Amate i vostri nemici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Amate i vostri nemici, secondo la religione cristiana, è un insegnamento di Gesù riportato dal Vangelo secondo Matteo e dal vangelo secondo Luca.[1][2]

Racconto evangelico[modifica | modifica wikitesto]

Nel vangelo di Matteo l’insegnamento è pronunciato durante il Discorso della Montagna. Il testo dice: "Avete inteso che fu detto: Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico; ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori, perché siate figli del Padre vostro celeste, che fa sorgere il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sopra i giusti e sopra gli ingiusti. Infatti se amate quelli che vi amano, quale merito ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? Siate voi dunque perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste."

Nel vangelo di Luca l’insegnamento è pronunciato durante il Discorso della pianura. Il testo dice: "Ma a voi che ascoltate, io dico: Amate i vostri nemici, fate del bene a coloro che vi odiano, benedite coloro che vi maledicono, pregate per coloro che vi maltrattano. A chi ti percuote sulla guancia, porgi anche l'altra; a chi ti leva il mantello, non rifiutare la tunica. Dà a chiunque ti chiede; e a chi prende del tuo, non richiederlo. Ciò che volete gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro. Se amate quelli che vi amano, che merito ne avrete? Anche i peccatori fanno lo stesso. E se fate del bene a coloro che vi fanno del bene, che merito ne avrete? Anche i peccatori fanno lo stesso. E se prestate a coloro da cui sperate ricevere, che merito ne avrete? Anche i peccatori concedono prestiti ai peccatori per riceverne altrettanto. Amate invece i vostri nemici, fate del bene e prestate senza sperarne nulla, e il vostro premio sarà grande e sarete figli dell'Altissimo; perché egli è benevolo verso gl'ingrati e i malvagi."

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mt Mt 5,43-48, su laparola.net.
  2. ^ Lc Lc 6,27-35, su laparola.net.
Controllo di autoritàGND (DE4153865-1