Alalakh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alalakh
Alalah
Palast schicht vii.png
Planimetria del palazzo di Alalakh
CiviltàAmorrei
EpocaEtà del Bronzo (II millennio a.C.)
Localizzazione
StatoTurchia Turchia
ProvinciaHatay
Mappa di localizzazione

Coordinate: 36°14′16″N 36°23′05″E / 36.237778°N 36.384722°E36.237778; 36.384722

Alalakh (o Alalah, l'odierna Tell Atchana presso Antakya, l'antica Antiochia, Turchia) è un'antica città amorrea, presso la regione di Hatay nel sud della Turchia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Alalakh fu fondata nella media Età del Bronzo nel secondo millennio a.C., come una delle maggiori città della Mezzaluna Fertile. Il primo palazzo della cittadella di Alalakh fu costruito nel 2000 a.C. circa, in contemporanea con la terza dinastia di Ur. Da tavolette reperite a Mari e risalenti al diciottesimo secolo a.C., sappiamo che la città inizialmente si chiamava Alakhtum, ed era sottomessa al regno di Yamkhad. Un dossier di tavolette registra che il re Sumu-Epeh vendette il territorio di Alakhtum al genero Zimri-Lim, re di Mari, mantenendo per sé la sovranità. Dopo la caduta di Mari nel 1760 ca., sembra che Alalakh sia tornata nuovamente sotto il potere di Yamkhad.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN235492148
Archeologia Portale Archeologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di archeologia