Acqua in bocca (modo di dire)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Acqua in bocca è un modo di dire colloquiale della lingua italiana. Si utilizza per dire a qualcuno di non rivelare un segreto.[1]

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il lessicografo Pietro Giacchi l'origine è da ricondurre alla storia di una donna devota ma dalla lingua lunga e maligna.

La donna in confessione pregò il prete di aiutarla a trovare una soluzione impedendole di peccare. Il religioso le fornì una boccetta d'acqua di pozzo, e suggerì alla donna di versare alcune gocce in bocca ogni qual volta sentisse la necessità di parlar male degli altri. La donna fece come prescritto ottenendo risultati straordinari. Arrivò addirittura a ritenere l'acqua miracolosa.[2]

Un altro aspetto degno di nota è la constatazione che con la bocca piena d'acqua non si riesce a parlare.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Voce su Treccani.it
  2. ^ Storia del detto
Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica