Abolizionismo del mercato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'abolizionismo del mercato o abolizione del mercato è un'opinione secondo la quale il mercato, nel senso economico del termine, dovrebbe essere completamente eliminato dalla società. Gli abolizionisti del mercato argomentano che i mercati sono moralmente ripugnanti, antisociali e in ultima analisi incompatibili con la sopravvivenza umana e dell'ambiente.

Sostenitori[modifica | modifica sorgente]

Michael Albert, creatore di Znet e creatore insieme ad altri dell'economia partecipativa, considera sé stesso un abolizionista del mercato e un sostenitore della pianificazione democratica partecipativa come sostituto del mercato. Lui e molti colleghi, tra cui Robin Hahnel ha elaborato la teoria della "parecon" (o economia partecipativa) nei libri, su Znet, e su Z Magazine.

È da notare che Noam Chomsky è uno di quegli intellettuali che hanno espresso l'opinione che un mercato veramente libero potrebbe distruggere le specie e l'ambiente. Anche lui sostiene un processo di pianificazione democratica partecipativa come sostituto del mercato. http://www.chomsky.info/audionvideo/19700216.mp3]

Critiche[modifica | modifica sorgente]

Economisti come Milton Friedman, Friedrich Hayek e Brink Lindsey argomentano che, se il mercato fosse eliminato, assieme alla proprietà, ai prezzi e ai salari, sarebbe eliminato anche il modo di trasmissione delle informazioni e ciò che risulterebbe sarebbe un sistema altamente inefficiente a trasmettere valore, offerta e domanda di beni, servizi e risorse. Le opinioni dei critici su ciò che potrebbe succedere dopo varia dal totale collasso della civilizzazione e dalla fame diffusa al mero disastro.

I Mutualisti come Kevin Carson propugnano il "Socialismo di libero mercato" basato sull'economia del dono (esso non è la stessa cosa del socialismo di mercato) come alternativa sia al capitalismo che al Socialismo di Stato, notando che un sistema decentralizzato potrebbe autoregolamentarsi.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia