A-un

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Una coppia a-um di komainu, "a" sulla destra, "un" sulla sinistra

Il termine A-un (阿吽?) è la translitterazione in giapponese delle due sillabe "a" e "hūṃ". Scritto in Devanagari come अहूँ.

Il termine sanscrito originale è composto da due lettere, la prima e l'ultima dell'alfabeto sanscrito. Insieme, rappresentano simbolicamente l'inizio e la fine di tutto.[1] Nel Buddhismo Mikkyō, le lettere rappresentano l'inizio e la fine dell'universo.[2]

Il termine è anche usato nell'architettura dello Shintoismo e del Buddhismo per descrivere una coppia di statue comuni nelle impostazioni religiose giapponesi, come Niō e komainu. [1] Nella maggior parte dei casi, quello di destra ha la bocca aperta, come se pronunciasse il suono "a"; quello di sinistra ha la bocca chiusa, come se pronunciasse il suono "um". Il nome generico delle statue con la bocca aperta è agyō (阿形 lit. "a" shape?), quelle con la bocca chiusa ungyō (吽形 lit. "un" shape"?). [1]

IL termine a-un viene usato in senso figurato in alcune espressioni giapponesi come "a-un respiro" (阿吽の呼吸 a-un no kokyū?) oppure "a-un relazione" (阿吽の仲 a-un no naka?), indicando un rapporto armonioso o una comunicazione non verbale.

Alcune coppie di "a-un"[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Japanese Architecture and Art Net Users System (JAANUS), "A un" (阿吽), 2001, retrieved 2011-04-14.
  2. ^ Daijirin Japanese dictionary, 2008, Monokakido Co., Ltd.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]