Utente:Giandrea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1 139 831 articoli in italiano, più di 7 milioni in 251 lingue

Benvenuti su Wikipedia
L'enciclopedia libera
Come registrarsi · FAQ · Citare Wikipedia · Vuoi provare? · Avvertenza · Donazioni

edit  Crystal Clear action viewmag.png

Vetrina

Battle of Thermopylae and movements to Salamis and Plataea map-it.svg

La battaglia delle Termopili fu combattuta dalle città-Stato greche, unite in un'alleanza e guidate dal re di Sparta Leonida I, e dall'impero persiano governato da Serse I. Si svolse in tre giorni, durante la seconda invasione persiana della Grecia, nell'agosto o nel settembre del 480 a.C. presso lo stretto passaggio delle Termopili ("Le porte calde"), contemporaneamente alla battaglia navale di Capo Artemisio.

L'invasione persiana era una risposta allo smacco subito durante la fallita prima invasione della Grecia che si era conclusa con la grande vittoria ateniese nella battaglia di Maratona nel 490 a.C. Serse aveva raccolto un enorme esercito e una potente flotta per conquistare tutta la Grecia. Il generale ateniese Temistocle propose che i Greci si disponessero a bloccare l'avanzata dell'esercito persiano al passo delle Termopili, ostacolando nello stesso tempo la flotta persiana presso lo stretto dell'Artemision.

Un esercito greco di circa 7 000 uomini marciò verso nord per cercare di fermare l'avanzata dei Persiani nell'estate del 480 a.C.. L'esercito di Serse arrivò al passo a fine agosto o inizio settembre ma fu trattenuto per una settimana dai Greci che, sebbene in grande inferiorità numerica, bloccarono l'unica via attraverso la quale l'imponente esercito persiano avrebbe potuto raggiungere la Grecia centrale; tuttavia un abitante del luogo di nome Efialte rivelò agli aggressori l'esistenza di una via secondaria che conduceva dietro le linee greche. Leonida, consapevole di essere stato aggirato, fece allontanare il grosso dell'esercito greco e rimase a guardia del passaggio con 300 Spartani, 700 Tespiesi, 400 Tebani e, forse, qualche centinaio di altri, che vennero per la maggior parte uccisi.

Dopo questo combattimento la flotta greca, mentre combatteva presso capo Artemisio sotto il comando del politico ateniese Temistocle, ricevette la notizia della sconfitta alle Termopili. Dal momento che il piano dei Greci prevedeva che sia le Termopili che capo Artemisio venissero tenuti sotto controllo, e avendo la flotta subito consistenti perdite, venne deciso il ritiro a Salamina. I Persiani invasero la Beozia e poi entrarono in Atene, che era stata precedentemente evacuata. In seguito la flotta greca attaccò e sconfisse gli invasori nella battaglia di Salamina verso la fine del 480 a.C.: dopo lo scontro il re Serse, temendo di restare intrappolato in Europa con la flotta fortemente indebolita, decise di ritornare in patria con parte dell'esercito (perdendo molti uomini per la fame e le malattie) e lasciò il generale Mardonio al comando dei restanti reparti per completare la conquista della Grecia. L'anno successivo, tuttavia, un esercito ellenico sconfisse definitivamente i Persiani nella battaglia di Platea.

Per studiosi e scrittori antichi e moderni la battaglia delle Termopili è un esempio dei sorprendenti risultati militari che si possono ottenere, contro forze molto superiori numericamente, con un esercito molto motivato che si batte in difesa del suolo della patria. L'azione dei difensori delle Termopili è inoltre ritenuta una classica dimostrazione della superiore efficacia in combattimento di un'unità militare bene addestrata ed equipaggiata.

Leggi la voce · Tutte le voci in vetrina
edit  Crystal Clear app kblackbox.png

Lo sapevi che...


Rome (29312046).jpg

Il museo delle anime del Purgatorio è un'esposizione di documenti e testimonianze che proverebbero l'esistenza del Purgatorio e delle anime di defunti che vi soggiornano, in attesa di ascendere in Paradiso. Il museo si trova a Roma, in Lungotevere Prati, presso la sagrestia della chiesa del Sacro Cuore del Suffragio.

Leggi la voce  · Proponi un'altra voce
edit  Crystal Clear app kontact.png

Attualità e notizie

27 agosto

Hegel portrait by Schlesinger 1831.jpg
Georg Wilhelm Friedrich Hegel

Nati il 27 agosto...
Georg Wilhelm Friedrich Hegel (1770)
Giuseppe Peano (1858)
Lyndon B. Johnson (1908)

... e morti
Tiziano (1577)
Le Corbusier (1965)
Stevie Ray Vaughan (1990)

In questo giorno accadde...
1883 - Quattro violentissime esplosioni vulcaniche distruggono l'isola di Krakatoa, provocando la morte di 36.000 persone.
1979 - Fabrizio De André viene rapito in Sardegna assieme alla compagna Dori Ghezzi.
1991 - La Moldavia dichiara l'indipendenza dall'Unione Sovietica.
2003 - Marte passa a 55.758.006 chilometri dalla Terra: è il punto più vicino degli ultimi 60.000 anni.

Ricorre oggi: la Chiesa cattolica celebra la memoria dei santi Cesario d'Arles, Narno di Bergamo e Osio di Cordova.
edit  

test box

solo un test

/box-header (/blue-box-header : /yellow-box-header : /green-box-header : /pink-box-header: /violet-box-header)
/box-footer

Archivio:Teoria Gaia