Regina Marcia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Regina Marcia è una leggendaria sovrana della Britannia, menzionata da Goffredo di Monmouth[1]. Dopo la morte del marito Guithelin (Kyhylyn in gallese) salì sul trono come reggente per il figlio Sisillio II (Saessyllt in gallese), che all'epoca aveva sette anni[2], il quale divenne poi sovrano. Sarebbe stata lei a creare le Lex Martiana, che molti secoli dopo sarebbe stata tradotta in inglese per volere di re Alfredo il Grande[1][2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Monmouth, G. (Galfredus Monumetensis), History of the Kings of Britain, p. 101.
  2. ^ a b Cooper, B., History of the Early British Kings. URL consultato il 2011-02-07.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Re leggendari dei britanni Successore
Guithelin 327-312 a.C. Sisillio II