Occhiello (editoria)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nell'editoria, il termine occhiello (o sopratitolo) è usato in vari significati, a seconda che il contesto sia quello dei giornali, quello dei libri o quello strettamente tipografico.

Giornali[modifica | modifica wikitesto]

L'occhiello è una frase opzionale della lunghezza di una riga (o comunque non superiore alle due righe), posta al di sopra del titolazione di un articolo di giornale o rivista o di un libro. Il carattere tipografico utilizzato ha un corpo inferiore a quello del titolo sottostante.

L'occhiello generalmente fornisce una breve introduzione alla notizia, il titolo la espone, il catenaccio chiarisce e aggiunge qualche dettaglio. A questi tre elementi tipici, ma non fissi (solo il titolo è invariabilmente presente), può aggiungersi (sotto il catenaccio o sparso nel testo) il sommario. Scritto in maiuscolo, in grassetto o con caratteri di corpo superiori in maggior evidenza rispetto all'occhiello, della lunghezza solitamente di uno o due righe, il sommario ha lo scopo di evidenziare un elemento curioso contenuto nell'articolo.
Occhiello, titolo, catenaccio e sommario compongono la struttura grafica che compone la titolazione di un articolo.

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i libri hanno un frontespizio. Molti libri presentano una pagina tra la copertina e il frontespizio. In quella pagina è stampato solamente il titolo dell'opera. Il titolo in quella collocazione si chiama occhiello (o occhietto). Appare quindi sul recto del foglio che precede il frontespizio.
Per estensione, assume lo stesso significato tutta la pagina che lo riporta e le pagine bianche che lo precedono. Nei libri suddivisi in più capitoli, l'occhiello è anche ciascuna pagina bianca con l'indicazione del capitolo e il titolo al centro.

Caratteri tipografici[modifica | modifica wikitesto]

Occhiello.jpg

Nei caratteri tipografici l'occhiello (o pancia) è la forma circolare o ellittica alla base di simboli grafici come la o oppure la p.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alberto Papuzzi, Annalisa Magone Professione giornalista: tecniche e regole di un mestiere Donzelli Editore, 2003 ISBN 8879897756, 9788879897754
  • Amedeo Benedetti, Il libro. Storia, tecnica, strutture. Arma di Taggia, Atene, 2006. ISBN 88-88330-29-1

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]