Cinque precetti (buddhismo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Cinque precetti sono la base essenziale del codice etico[senza fonte] del Buddhismo, e fanno parte dei precetti buddhisti. Sono seguiti dai buddhisti laici, discepoli dell'insegnamento di Siddhartha Gautama, trasmesso dalle denominazioni del Buddhismo Mahāyāna e del Buddhismo Theravāda.

I fedeli buddhisti mettono in pratica questa etica non appena preso rifugio nei Tre Gioielli: il Buddha, il Dharma e il Sangha. Il prendere rifugio è una metafora che simboleggia l'accettazione del Buddhismo. I cinque precetti sono delle regole stilate (secondo la tradizione) dallo stesso Siddhartha Gautama per rendere la vita meno stressante, più in armonia con gli altri esseri e indirizzarla consapevolmente sul sentiero verso il Nirvana.

I precetti sono:

  • Mi impegno ad astenermi dall'uccidere e dal far del male agli esseri viventi.
  • Mi impegno ad astenermi dal rubare e dal prendere il non dato.
  • Mi impegno ad astenermi dal far danni con una condotta sessuale irresponsabile.
  • Mi impegno ad astenermi dal mentire, dall'offendere, dai pettegolezzi e dalle calunnie.
  • Mi impegno ad astenermi dall'abuso di sostanze inebrianti come l'alcol o droghe che causano negligenza e perdita di coscienza.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Thich Nhat Hanh, Vita di Siddhartha il Buddha. Narrata e ricostruita in base ai testi canonici pāli e cinesi, Astrolabio Ubaldini 1992: ISBN 88-340-1076-0
  • Maurizio Morelli, Siddhartha il Buddha, Red Edizioni 2009: ISBN 978-88-573-0079-5
Buddhismo Portale Buddhismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di buddhismo