Ordinariato militare in El Salvador

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ordinariato militare in El Salvador
Chiesa latina
 
Sede vacante
Amministratore apostolicoFabio Reynaldo Colindres Abarca
Presbiteri40, di cui 38 secolari e 2 regolari
Religiosi2
Diaconi2 permanenti
 
Parrocchie37
 
Erezione25 marzo 1968
Ritoromano
Santi patroniMadonna del Rosario
IndirizzoCalle Los Eucaliptos y Avda. Las Gardenias 157, Colonia Las Mercedes, Apartado 2720, San Salvador
Dati dall'Annuario pontificio 2020 (ch · gc)
Chiesa cattolica in El Salvador

L'ordinariato militare in El Salvador è un ordinariato militare della Chiesa cattolica per El Salvador. La sede è vacante.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Sede dell'ordinariato è la città di San Salvador.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il vicariato castrense in El Salvador è stato eretto il 25 marzo 1968 con il decreto De erigendo Vicariatu Castrensi della Congregazione per i vescovi.

Il 21 aprile 1986 il vicariato castrense è stato elevato ad ordinariato militare con la bolla Spirituali militum curae di papa Giovanni Paolo II.

Il 7 luglio 2004 la Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti ha confermato la Madonna del Rosario patrona principale dell'ordinariato.[1]

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

Si omettono i periodi di sede vacante non superiori ai 2 anni o non storicamente accertati.

  • José Eduardo Alvarez Ramírez, C.M. † (4 novembre 1968 - 7 marzo 1987 dimesso)
  • Roberto Joaquín Ramos Umaña † (7 marzo 1987 - 23 giugno 1993 deceduto)
  • Fabio Reynaldo Colindres Abarca (2 febbraio 2008 - 7 dicembre 2017 nominato vescovo di San Miguel)
    • Sede vacante (dal 2017)
    • Fabio Reynaldo Colindres Abarca, dal 7 dicembre 2017 (amministratore apostolico)

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

anno presbiteri diaconi religiosi parrocchie
totale secolari regolari uomini donne
1999 30 28 2 2 30
2000 30 28 2 2 30
2001 30 28 2 2 30
2002 32 30 2 2 30
2003 30 28 2 2 30
2004 30 28 2 2 60
2013 38 38 37
2016 38 37 1 1 37
2019 40 38 2 2 2 37

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, decreto 7 luglio 2004, Prot. 1124/04/L, vedi Notitiae, 2005, nn. 461-462, p. 20
  2. ^ Contestualmente nominato vescovo titolare di Tullia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi