Locomotiva FNM 270

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
FNM 71 ÷ 77
poi 270
Locomotiva a vapore
Locomotiva FNM 270 Novate.JPG
Locomotiva 270-04 conservata come monumento a Novate Milanese
Anni di costruzione 1888, 1902
Anni di esercizio 1888 - 1971
Quantità prodotta 7
Costruttore Maschinenfabrik Esslingen
Costruzioni Meccaniche di Saronno
Dimensioni 9.100 mm x ? x 3.963 mm
Massa in servizio 33,5 t
Massa aderente 44,0 t
Massa vuoto 44,0 t
Rodiggio 0-3-0
Diametro ruote motrici 1.280 mm
Alimentazione carbone

Le locomotive gruppo 270 delle Ferrovie Nord Milano erano un gruppo di locomotive a vapore realizzate in 7 unità fra il 1888 e il 1902, e destinate alla trazione di convogli merci. Furono le prime locomotive italiane dotate di surriscaldatore di vapore.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le prime due unità, immatricolate 71 e 72, furono costruite dalla Maschinenfabrik Esslingen per la Società per la Ferrovia Novara-Seregno nel 1888; simili alle unità 61 e 62 delle FNM, se ne distinguevano per il meccanismo di distribuzione interno e le casse dell'acqua poste ai lati della caldaia[1].

Nel 1897 le FNM ne fecero costruire altre due unità (matricole 73 e 74) dalle Costruzioni Meccaniche di Saronno, e altre tre unità (75÷77) nel 1902 dalla Esslingen, che differivano dalle precedenti per la presenza del surriscaldatore, il quale permise di incrementare la potenza da 580 a 650 CV[1]. Entro il 1930 anche le unità 71÷74 furono dotate del surriscaldatore[1].

Classificate inizialmente nella serie 71 ÷ 77, assunsero la classificazione definitiva 270.01 ÷ 07 nel 1937[2].

Queste macchine ebbero una lunga carriera, conclusasi il 29 aprile 1971 con l'accantonamento dell'ultima unità (la 270.04)[3]. Tale unità venne in seguito restaurata, e dal luglio 1985 è conservata come monumento nel deposito FNM di Novate Milanese[4].

Riproduzione modellistica[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni sessanta, la locomotiva FNM 270 fu riprodotta in scala H0 dalla Rivarossi[5].

Prospetto delle unità[6][modifica | modifica wikitesto]

Numerazione originaria Numerazione definitiva Denominazione Anno di costruzione Costruttore N. costruzione Note
71 270.01 Novara 1888 Kessler 2293 Acquisita nel 1894 dalle FNM
72 270.02 Busto 1888 Kessler 2292 Acquisita nel 1894 dalle FNM
73 270.03 Castellanza 1897 Costruzioni Meccaniche di Saronno 95
74 270.04 Seregno 1897 Costruzioni Meccaniche di Saronno 96
75 270.05 Galliate 1902 Kessler 3228
76 270.06 Castano 1902 Kessler 3229
77 270.07 Turbigo 1902 Kessler 3230

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Cornolò (1979), op. cit., p. 44.
  2. ^ Cornolò (1979), op. cit., p. 50.
  3. ^ Cornolò (1979), op. cit., p. 141.
  4. ^ Notizie flash, in "I Treni Oggi" n. 55 (novembre 1985), p. 7.
  5. ^ Rivarossi memory.
  6. ^ Cornolò (1979), op. cit., p. 52.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Cornolò, Le Ferrovie Nord Milano, Genova, Briano, 1970.
  • Giovanni Cornolò, Cento anni di storia... delle Ferrovie Nord Milano, Globo edizioni, Trento, 1979.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti