Pella (Italia)

From Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
Pella
comune
Pella – Stemma Pella – Bandiera
Pella – Veduta
Pella vista dal lago
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Novara-Stemma.svg Novara
Amministrazione
SindacoDoriano Minazzi (Progetto in Comune) dal 27-5-2019
Territorio
Coordinate45°48′N 8°23′E / 45.8°N 8.383333°E45.8; 8.383333 (Pella)Coordinate: 45°48′N 8°23′E / 45.8°N 8.383333°E45.8; 8.383333 (Pella)
Altitudine305 m s.l.m.
Superficie8,13 km²
Abitanti977[1] (31-3-2018)
Densità120,17 ab./km²
FrazioniAlzo, Monte S.Giulio, Ronco, Ventraggia
Comuni confinantiCesara (VB), Madonna del Sasso (VB), Nonio (VB), Orta San Giulio (NO), Pettenasco (NO), San Maurizio d'Opaglio (NO), Miasino (NO)
Altre informazioni
Cod. postale28010
Prefisso0322
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT003115
Cod. catastaleG421
TargaNO
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantipellesi
PatronoMadonna del Carmine
Giorno festivo16 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Pella
Pella
Pella – Mappa
Posizione di Pella nel territorio della provincia di Novara
Sito istituzionale

Pella (Pela in piemontese e in lombardo) è un comune italiano di 977 abitanti della provincia di Novara, situato sulle sponde occidentali del Lago d'Orta, in Piemonte.[2]

Geografia fisica[edit | edit source]

Comune piemontese situato su di una piccola penisola che nasce sulle sponde occidentali del Lago D'Orta - di fronte all'Isola di San Giulio - e sovrastato alle sue spalle da ripide alture di granito sulle quali sorge il Santuario della Madonna del Sasso[2][3].

Il comune di Pella, con le sue varie frazioni, si sviluppa nella parte nord-occidentale della provincia di Novara, al confine con quella del Verbano-Cusio-Ossola e il territorio della Valsesia. La zona, nel suo complesso, ha delle variazioni altimetriche che partono da un minimo di 290 m. fino a un massimo di 641 m. s.l.d.m.[2][4].

Origini del nome[edit | edit source]

Nelle documentazioni medievali del 1039 il comune di Pella assumeva già la denominazione attuale. Gli studiosi accostano il nome di Pella alla base prelatina "Pella", nel significato di ‘roccia', variante di pala anche se non è da escludere una variante del nome etnico "Pellus"[2][4][5].

Storia[edit | edit source]

Antico ponte sul Pellino datato 1578

Le origini[edit | edit source]

La zona è stata abitata sin dall'antichità. Infatti, a testimonianza di ciò, di recente è stato ritrovato un masso coppellato del IV-I secolo a.C., probabilmente un altare religioso che trova confronti con quelli di Bugnate e Monte Zuoli. Nel territorio, inoltre, è stato rinvenuto un piccolo sepolcreto con urne cinerarie e monete del III-IV secolo d.C.[2][4].

Dal Medioevo all'Ottocento[edit | edit source]

Da sempre il paese ha seguito le sorti del Cusio e le vicende delle terre legate all'Isola di San Giulio. Quindi anche Pella - dal X secolo fino al 1767, anno in cui i Savoia ne ottennero il possesso - è stata parte del principato della Riviera, di dominio vescovile. Vista la sua posizione strategica, il paese ha sempre avuto una funzione difensiva, infatti, nel 1529 con Orta e gli altri paesi del Cusio respinse l'invasione di Cesare Maggi capitano di Carlo V.

Dall'Ottocento in poi[edit | edit source]

Nel corso dei decenni, come altri centri del Lago d'Orta (come a San Maurizio d'Opaglio), tra le attività principali di Pella si è sviluppato un tessuto industriale per la lavorazione di rubinetteria.

Per il contesto scenografico, paesaggistico e naturalistico oggi Pella è una meta turistica ideale per coloro che amano stare a contatto diretto con la natura[2][4][5].

Monumenti e luoghi d'interesse[edit | edit source]

Architetture religiose[edit | edit source]

  • Nella piazza centrale del paese si trova la chiesa parrocchiale dedicata a Sant'Albino Vescovo datata 1591.
  • Nella frazione di Alzo si trovano la chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista risalente al 1589 e il complesso della chiesa di San Filiberto
  • Chiesa di San Defendente nella frazione di Ronco Sotto
  • Nella frazione di Ronco Sopra si trova, nel bosco, l'oratorio di San Giulio nel quale sono stati rinvenuti affreschi del XV secolo[6]

Architetture civili[edit | edit source]

A Pella, alimentata dal torrente Pellino, si trovata la Cartiera Sonzogno che fino al 1907 produceva la carta per l'omonima casa editrice e per il suo quotidiano "Il Secolo", l'edificio è stato ristrutturato ed ora destinato ad uso residenziale[6].

Nei pressi della parrocchiale si trova un antico ponte a dorso d'asino, datato 1578, sul torrente Pellino.

Architetture militari[edit | edit source]

L'unica traccia del sistema difensivo di Pella è una torre medievale sita sul lungolago[6].

Società[edit | edit source]

Evoluzione demografica[edit | edit source]

Abitanti censiti[7]

Economia[edit | edit source]

Artigianato[edit | edit source]

Storicamente a Pella si realizzavano rinomate tele derivanti dalla canapa per vari oggetti, quali indumenti e lenzuola.[8]

Amministrazione[edit | edit source]

Il municipio
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2004 2009 Nello Francesco Ferlaino lista civica Sindaco
2009 in carica Nello Francesco Ferlaino lista civica Sindaco II mandato

Infrastrutture e trasporti[edit | edit source]

Fra il 1886 e il 1924 l'abitato ospitò la stazione di Alzo, posta nell'omonima frazione quale capolinea settentrionale della ferrovia Gozzano-Alzo[9].

Note[edit | edit source]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 marzo 2018.
  2. ^ a b c d e f Storia-Economia, su comune.pella.no.it.
  3. ^ Da Pella a Orta San Giulio, tra magici e pittoreschi scorci di lago, su distrettolaghi.it.
  4. ^ a b c d Pella, su italiapedia.it.
  5. ^ a b Pella, su italia-mia.it.
  6. ^ a b c Comune di Pella, cosa vedere, su comune.pella.no.it. URL consultato il 24 marzo 2020.
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  8. ^ Atlante cartografico dell'artigianato, vol. 1, Roma, A.C.I., 1985, p. 6.
  9. ^ Franco Castiglioni, La ferrovia Gozzano-Alzo, in I Treni', nº 140, Editrice Trasporti su Rotaie, Salò, settembre 1993, pp. 23-25. ISSN 0392-4602.

Altri progetti[edit | edit source]

Collegamenti esterni[edit | edit source]

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Piemonte