Zucchine alla scapece

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zucchine alla scapece
Zucchine alla scapece
Origini
Luogo d'origine Italia Italia
Regione Campania
Diffusione Napoli
Dettagli
Categoria contorno
Ingredienti principali
  • zucchine
  • acqua
  • aceto
  • aglio
  • menta
[1]
 

Le zucchine alla scapece sono un piatto tipico della cucina napoletana.

Sebbene una vecchia paraetimologia faccia risalire il termine scapece al latino[2] ex Apicio, dal nome del presunto ideatore, in realtà esso proviene dallo spagnolo escabeche[1], con cui ormai in diverse parti del mondo ci si riferisce al processo di marinatura nell'aceto.

Si preparano friggendo zucchine piuttosto grandi tagliate a fette tonde e condendole con aceto, aglio e foglie di menta fresca[3].

Il piatto è noto anche per essere citato in un film di Totò: in Un turco napoletano, infatti, il guappo Don Carluccio "uomo di ferro" (interpretato da Enzo Turco), stilando il contratto di nozze, elenca i piatti che non piacciono allo sposo, tra cui appunto questo, che chiama col suo nome napoletano: cocozzielli alla scapece.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Ricetta Zucchine a scapece, su Le Ricette di GialloZafferano.it. URL consultato il 17/4/2015.
  2. ^ Ricetta delle zucchine alla scapece, su Dissapore. URL consultato il 17/4/2015.
  3. ^ Giuseppe Maffeis, Le mille virtù dell’aceto: Sfrutta le sue preziose qualità che vincono i disturbi e donano benessere, Edizioni Riza, 2014, p. 92, ISBN 88-7071-225-7.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]