Zona di subduzione della Cascadia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Struttura della zona di subduzione della Cascadia.
Area della zona di subduzione della Cascadia.

La zona di subduzione della Cascadia è una zona di subduzione che si allunga lungo la costa pacifica nordamericana dal Canada meridionale alla California settentrionale.

Geologia[modifica | modifica wikitesto]

La zona di subduzione della Cascadia si configura come un margine convergente o distruttivo, presso il quale la crosta oceanica delle placche minori chiamate Juan de Fuca, Explorer e Gorda subducono al di sotto della più vasta placca nordamericana (crosta continentale) con una velocità di 3-4 cm all'anno.[1]

Poco distante, alcune centinaia di chilometri ad occidente della zona di subduzione, in cui viene distrutta crosta, sorge la dorsale di Juan de Fuca, che segna il punto di divergenza fra la placca tettonica omonima e la placca pacifica.

La zona di subduzione della Cascadia si congiunge a sud con la famosa faglia di Sant'Andrea e con la faglia di Mendocino formando, al largo delle coste di capo Mendocino, la tripla giunzione di Mendocino, mentre a nord tocca la dorsale Explorer e la faglia della Regina Charlotte.

Lungo la zona di subduzione, e nelle sue vicinanze, si manifestano caratteristiche comuni ad altre zone di subduzione nel mondo:

Vulcani[modifica | modifica wikitesto]

Fra i principali coni vulcanici nella regione della Cascadia sono:

Note[modifica | modifica wikitesto]