Zona demilitarizzata coreana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Zona demilitarizzata coreana (ZDC)
한반도 비무장 지대?; Hanbando Bimujang jidae
韓半島非武裝地帶?; Hanbando Pimujang chidae
Korea DMZ sentry.jpg
Un checkpoint sudcoreano presso la linea di controllo civile, situata al di fuori della ZDC
StatoCorea del Sud Corea del Sud
Corea del Nord Corea del Nord
Coordinate38°18′00″N 127°16′12″E / 38.3°N 127.27°E38.3; 127.27Coordinate: 38°18′00″N 127°16′12″E / 38.3°N 127.27°E38.3; 127.27
Informazioni generali
Inizio costruzione1953
Condizione attualecompletamente operativo
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

La zona demilitarizzata coreana (ZDC o DMZ; 한반도 비무장 지대?; 韓半島非武裝地帶) è una striscia di terra che attraversa la penisola coreana. È stabilita dalle disposizioni dell'accordo di armistizio coreano per fungere da zona cuscinetto tra la Corea del Nord e la Corea del Sud. La zona demilitarizzata (ZDC) è una barriera di confine che divide a metà la penisola coreana. Venne creata per accordo tra la Corea del Nord, la Cina e il comando delle Nazioni Unite nel 1953. La ZDC è lunga 250 chilometri e larga circa 4 chilometri.

All'interno della ZDC vi è un punto di incontro tra le due nazioni ovvero l'Area di sicurezza congiunta (ASC) vicino all'estremità occidentale della zona, dove si svolgono negoziati. Ci sono stati vari incidenti dentro e intorno alla ZDC, con vittime militari e civili da entrambe le parti.

Posizione[modifica | modifica wikitesto]

La zona demilitarizzata coreana si interseca ma non segue il 38º parallelo nord, che era il confine prima della guerra di Corea. Attraversa il parallelo su un angolo, con l'estremità ovest della ZDC situata a sud del parallelo e l'estremità orientale situata a nord di esso.

La zona demilitarizzata coreana è visibile di notte dallo spazio.

La ZDC è lunga 250 chilometri,[1] circa 4 km di larghezza. Sebbene la zona che separa entrambi i lati sia demilitarizzata, il confine oltre quella striscia è uno dei confini più pesantemente militarizzati del mondo.[2] La Linea di confine settentrionale, o LCS, è la linea di demarcazione marittima contesa tra Corea del Nord e Sud nel Mar Giallo, non concordata nell'armistizio. Anche la costa e le isole su entrambi i lati della LCS sono pesantemente militarizzate.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dettagli della ZDC
Una parte della ZDC nordcoreana vista dall'Area di sicurezza congiunta nel gennaio 1976.
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Divisione della Corea.

Il 38º parallelo nord - che divide a metà la penisola coreana - era il confine originale tra gli Stati Uniti e le brevi aree amministrative coreane dell'Unione Sovietica alla fine della seconda guerra mondiale. Dopo la creazione della Repubblica Democratica Popolare di Corea (RPDC, informalmente "Corea del Nord") e della Repubblica di Corea (ROK, informalmente "Corea del Sud") nel 1948, divenne di fatto un confine internazionale e uno dei fronti più tesi nella Guerra Fredda.

Sia il Nord che il Sud rimasero dipendenti dai loro stati occupanti dal 1948 allo scoppio della Guerra di Corea. Quel conflitto, che provocò oltre tre milioni di vittime e divise la penisola coreana lungo linee ideologiche, iniziò il 25 giugno 1950, con un'invasione a pieno titolo della Corea del Nord attraverso il 38º parallelo, e si concluse nel 1953.

Nell'accordo di armistizio del 27 luglio 1953, la ZDC fu creata mentre ciascuna parte accettava di spostare le loro truppe indietro di 2.000 m dalla linea del fronte, creando una zona cuscinetto di 4 km di larghezza. La linea di demarcazione militare (LDM) attraversa il centro della ZDC e indica dove si trovava il fronte quando fu firmato l'accordo.

A causa di questo stallo teorico e di una vera ostilità tra il Nord e il Sud, un gran numero di truppe sono di stanza lungo entrambi i lati della linea, ciascuna delle quali protegge da possibili aggressioni dall'altra parte. L'accordo di armistizio spiega esattamente quanti militari e quale tipo di armi sono permesse nella ZDC. I soldati di entrambe le parti possono pattugliare all'interno della ZDC, ma non possono attraversare la Linea di demarcazione militare. Tuttavia, i soldati sudcoreani pesantemente armati pattugliano sotto l'egida della polizia militare e hanno memorizzato ogni linea dell'armistizio.[4] Sporadici attacchi di violenza hanno ucciso oltre 500 soldati sudcoreani, 50 soldati statunitensi e 250 soldati della RPDC lungo la ZDC tra il 1953 e il 1999.[5]

Daeseong-dong (anche scritto Tae Sung Dong) e Kijŏng-dong (noto anche come "Villaggio della pace") sono gli unici insediamenti autorizzati dal comitato di armistizio a rimanere entro i confini della ZDC.[6] I residenti di Tae Sung Dong sono governati e protetti dal Comando delle Nazioni Unite e sono generalmente tenuti a trascorrere almeno 240 notti all'anno nel villaggio per mantenere la loro residenza.[6] Nel 2008, il villaggio aveva una popolazione di 218 persone.[6] Gli abitanti del villaggio di Tae Sung Dong sono discendenti diretti di persone che possedevano il terreno prima della Guerra di Corea del 1950-53.[7]

Per continuare a scoraggiare l'incursione della Corea del Nord, nel 2014 il governo degli Stati Uniti ha esentato la ZDC coreana dal suo impegno di eliminare le mine terrestri antiuomo.[8] Il 1º ottobre 2018, tuttavia, un processo di 20 giorni ha iniziato a rimuovere le mine terrestri da entrambi i lati della ZDC.[9]

Area di sicurezza congiunta[modifica | modifica wikitesto]

Vista del nord dal lato sud della ASC
Le sale conferenze viste dal lato nord della ASC
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Area di sicurezza congiunta.

All'interno della ZDC, vicino alla costa occidentale della penisola, Panmunjom è la sede dell'Area di sicurezza congiunta (ASC). In origine, era l'unica connessione tra Nord e Sud Corea[10] ma questo cambiò il 17 maggio 2007, quando un treno Korail passò attraverso la ZDC a nord sulla nuova linea Donghae Bukbu costruita sulla costa orientale della Corea. Tuttavia, la risurrezione di questa linea è stata di breve durata, in quanto ha chiuso di nuovo nel luglio 2008 a seguito di un incidente in cui un turista sudcoreano è stato colpito e ucciso.

Ci sono diversi edifici sul lato nord e sud della Linea di demarcazione militare (LDM). La LDM è il luogo in cui si sono svolti tutti i negoziati dal 1953, comprese le dichiarazioni di solidarietà coreana, che in generale sono state di poco conto tranne un leggero calo delle tensioni. La LDM passa attraverso le sale conferenze e in mezzo ai tavoli delle conferenze dove i nordcoreani e il comando delle Nazioni Unite (principalmente sudcoreani e americani) si incontrano faccia a faccia.

All'interno dell'ASC ci sono una serie di edifici per le riunioni congiunte chiamate sale conferenze. Queste sono usate per i colloqui diretti tra i partecipanti della guerra di Corea e le parti dell'armistizio. Di fronte al congresso gli edifici a schiera sono il Panmungak nordcoreano e la Casa della libertà sudcoreana. Nel 1994, la Corea del Nord ampliò il Panmungak aggiungendo un terzo piano. Nel 1998, la Corea del Sud costruì una nuova Casa della libertà per il personale della Croce Rossa e possibilmente per ospitare riunioni di famiglie separate dalla guerra di Corea. Il nuovo edificio ha incorporato la vecchia Casa della libertà Pagoda nel suo design.

Dal 1953 ci sono stati scontri occasionali e schermaglie all'interno dell'ASC. Il primo incidente avvenne nel 1976 quando il capitano Arthur Bonifas e il primo tenente Mark Barrett tentarono di tagliare un albero con un'ascia. Un altro incidente accadde il 23 novembre 1984, quando un turista sovietico di nome Vasily Matuzok (a volte detto Matusak), che faceva parte di un viaggio ufficiale all'ASC (ospitato dal Nord), corse attraverso la LDM gridando che voleva disertare.[11] Le truppe nordcoreane lo inseguirono immediatamente, aprendo il fuoco. Le guardie di frontiera della parte sudcoreana risposero al fuoco, circondando infine i nordcoreani mentre perseguivano Matusak. Un soldato sudcoreano e tre soldati nordcoreani vennero uccisi nell'azione e Matusak non venne catturato.[12]

Alla fine del 2009, le forze sudcoreane in collaborazione con il comando delle Nazioni Unite hanno iniziato il rinnovamento dei suoi tre posti di guardia e di due edifici di controllo all'interno del complesso dell'ASC. La costruzione è stata progettata per ampliare e modernizzare le strutture. Il lavoro è stato intrapreso un anno dopo che la Corea del Nord ha finito di sostituire quattro posti di guardia dell'ASC dalla sua parte della LDM.[13] Il 15 ottobre 2018, durante i colloqui di alto livello a Panmunjom, ufficiali militari del grado di colonnello delle due Coree e Burke Hamilton, segretario della Commissione armistiziale dell'ONU, hanno annunciato misure per ridurre le minacce militari convenzionali, come la creazione di zone cuscinetto lungo i loro confini terrestri e marittimi e una zona d'interdizione di volo zone sopra il confine, rimuovendo 11 postazioni di prima linea entro dicembre, e sminuendo le sezioni della Zona Demilitarizzata.[14]

Villaggi[modifica | modifica wikitesto]

Villaggio Kijŏng-dong in Corea del Nord, visto dalla Corea del Sud

Sia la Corea del Nord che quella della Corea mantengono i villaggi di pace in vista della reciproca parte della ZDC. Nel Sud, Daeseong-dong è amministrato secondo i termini della ZDC. Gli abitanti dei villaggi sono classificati come cittadini della Repubblica di Corea, ma sono esentati dal pagamento delle tasse e di altri requisiti civici come il servizio militare. A nord, Kijŏng-dong presenta una serie di edifici a più piani con pareti in cemento colorati e appartamenti con illuminazione elettrica. Queste caratteristiche rappresentavano un livello di lusso inaudito per i coreani rurali, del nord o del sud, negli anni '50. La città era orientata in modo che i tetti blu e i lati bianchi degli edifici fossero le caratteristiche più distintive viste dal confine. Tuttavia, sulla base del controllo con le moderne lenti telescopiche, è stato affermato che gli edifici sono meri involucri di cemento privi di vetri delle finestre o persino di stanze interne,[15][16] con le luci dell'edificio accese e spente a orari prestabiliti e i marciapiedi vuoti spazzati da un equipaggio scheletrico di guardiani nel tentativo di preservare l'illusione di attività.[17]

Pennoni con bandiera[modifica | modifica wikitesto]

Il villaggio sudcoreano Daeseong-dong e il suo pennone
Il quarto pennone più alto del mondo (160 m) con la bandiera della Corea del Nord a Kijŏng-dong vicino a Panmunjom

Negli anni '80, il governo sudcoreano costruì un pennone con bandiera di 98,4 m a Daeseong-dong. In quella che alcuni hanno definito la "guerra del pennone", il governo nordcoreano ha risposto costruendo l'asta della bandiera Panmunjeom di 160 m a Kijŏng-dong, a solo 1,2 km a ovest del confine con la Corea del Sud. Vola una bandiera da 270 kg della Corea del Nord. A partire dal 2014, il pennone di Panmunjom è il quarto più alto al mondo, dopo il pennone di Gedda a Gedda, in Arabia Saudita, a 170 m, l'asta di Duşanbe a Duşanbe, in Tagikistan, a 165 metri e il palo nella Piazza delle bandiere a Baku, Azerbaigian, che è 162 m .[18][19]

Incidenti e incursioni relativi alla ZDC[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Lista degli incidenti frontalieri che coinvolgono la Corea del Nord e del Sud.

Dalla demarcazione, la ZDC ha avuto numerosi casi di incidenti e incursioni da entrambe le parti, anche se il governo nordcoreano di solito non riconosce mai la responsabilità diretta di nessuno di questi incidenti (ci sono eccezioni, come l'incidente dell'ascia).[20] Questo è stato particolarmente intenso durante il conflitto ZDC coreano (1966-1969) quando una serie di schermaglie lungo la ZDC ha provocato la morte di 43 soldati americani, 299 sudcoreani e 397 nordcoreani.[21] Tra questi, il "Blue House Raid" del 1968, un tentativo di assassinare il presidente Park Chung Hee alla Casa blu.[22]

Nel 1976, in minuti appena declassificati, il vice segretario alla difesa degli Stati Uniti William Clements disse al segretario di stato americano Henry Kissinger che c'erano stati 200 raid o incursioni nella Corea del Nord dal sud, anche se non dagli Stati Uniti.[23] I dettagli di solo alcune di queste incursioni sono diventati pubblici, inclusi i raid delle forze della Corea del Sud nel 1967 che avevano sabotato circa 50 strutture nordcoreane.[24]

Tunnel d'incursione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Guerra tra tunnel.

Dal 15 novembre 1974, la Corea del Sud ha scoperto quattro tunnel che attraversano la ZDC che era stata scavata dalla Corea del Nord. L'orientamento delle linee di brillamento all'interno di ciascun tunnel indicava che erano state scavate dalla Corea del Nord. La Corea del Nord ha sostenuto che i tunnel erano destinati all'estrazione del carbone; tuttavia, nessun carbone è stato trovato nei tunnel, che sono stati scavati attraverso il granito. Alcune delle pareti del tunnel sono state dipinte di nero per dare l'aspetto di antracite.[25]

Si ritiene che le gallerie siano state progettate come rotta di invasione militare dalla Corea del Nord. Corrono in direzione nord-sud e non hanno rami. A seguito di ogni scoperta, l'ingegneria all'interno dei tunnel è diventata progressivamente più avanzata. Ad esempio, il terzo tunnel è leggermente inclinato verso l'alto mentre procedeva verso sud, per evitare il ristagno idrico. Oggi, i visitatori del sud possono visitare il secondo, il terzo e il quarto tunnel attraverso visite guidate.[26]

Primo tunnel[modifica | modifica wikitesto]

Il primo dei tunnel fu scoperto il 20 novembre 1974, da una pattuglia dell'esercito sudcoreano, notando che del vapore saliva dal terreno. La scoperta iniziale è stata accolta con il fuoco automatico dei soldati nordcoreani. Cinque giorni dopo, durante una successiva esplorazione di questo tunnel, il comandante della Marina degli Stati Uniti Robert M. Ballinger e il corpo della Marina RoK, il maggiore Kim Hah-chul, furono uccisi nel tunnel da un ordigno esplosivo nordcoreano. L'esplosione ha ferito anche cinque americani e un sudcoreano del comando delle Nazioni Unite.

Il tunnel, che era di circa 0,9 per 1,2 m , si estendeva per oltre 1 km oltre la LDM in Corea del Sud. Il tunnel era rinforzato con lastre di cemento armato e aveva energia elettrica e illuminazione. C'erano depositi di armi e zone notte. Inoltre era stata installata una ferrovia a scartamento ridotto con carrelli. Stime basate sulla dimensione del tunnel suggeriscono che avrebbe permesso a un numero considerevole di soldati di attraversarlo.[27]

Secondo tunnel[modifica | modifica wikitesto]

Ingresso al 4º Tunnel di infiltrazione nordcoreano scavato, ZDC coreana

2 per 2 m.

Terzo tunnel[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Terzo tunnel di aggressione.

Il terzo tunnel fu scoperto il 17 ottobre 1978. A differenza dei precedenti due, il terzo tunnel fu scoperto a seguito di un suggerimento di un disertore nordcoreano. Questo tunnel è lungo circa 1 600 m e circa 73 m sotto terra.[28] I visitatori stranieri che visitano la ZDC sudcoreana possono vedere all'interno di questo tunnel utilizzando un pozzo di accesso inclinato.

Quarto tunnel[modifica | modifica wikitesto]

Un quarto tunnel fu scoperto il 3 marzo 1990, a nord della città di Haean nell'ex campo di battaglia di Punchbowl. Le dimensioni del tunnel erano di 2x2 metri, ed è profondo 145 metri. Il metodo di costruzione è quasi identico nella struttura del secondo e del terzo tunnel.[29]

Muro coreano[modifica | modifica wikitesto]

Il muro coreano, o barriera anticarro, nella zona demilitarizzata vista attraverso un binocolo dalla parte nordcoreana.

Secondo la Corea del Nord, tra il 1977 e il 1979 le autorità sudcoreane e degli Stati Uniti hanno costruito un muro di cemento lungo la ZDC.[30] La Corea del Nord, tuttavia, cominciò a diffondere informazioni sul muro dopo la caduta del muro di Berlino nel 1989, quando il simbolismo di un muro che divideva ingiustamente un popolo divenne più evidente.[31]

Varie organizzazioni, come la coreana Konsult, società di guide turistiche nordcoreane, hanno affermato che un muro stava dividendo la Corea, affermando che:

«Nella zona a sud della linea di demarcazione militare, che attraversa la Corea in vita, c'è un muro di cemento che ... si estende per oltre 240 km da est a ovest, è alto 5-8 m, spesso 10-19 m il fondo e 3-7 m di larghezza nella parte superiore. È circondato da intrecci di cavi e punteggiato da cannoniere, guardie e varietà di stabilimenti militari.[32]»

Nel dicembre 1999, Chu Chang-jun, ambasciatore della Corea del Nord in Cina, ha ripetuto che un "muro" divideva la Corea. Ha detto che il lato sud del muro è pieno di terra, che consente l'accesso alla parte superiore del muro e lo rende effettivamente invisibile dal lato sud. Affermò anche che serviva da testa di ponte per qualsiasi invasione verso nord.[33][34]

Gli Stati Uniti e la Corea del Sud negano l'esistenza del muro, anche se affermano che vi sono barriere anticarro in alcune sezioni della ZDC.[35]

Nel documentario di Russia Today 10 giorni in Corea del Nord, l'equipaggio ha girato il filmato di un muro visto dalla Corea del Nord e l'ha descritto come un "muro alto 5 metri che si estende da est a ovest[36] Il giornalista e regista olandese Peter Tetteroo ha anche girato un filmato di una barriera nel 2001 che le sue guide nordcoreane hanno definito il Muro coreano.[30]

Un rapporto Reuters del 2007 ha rivelato che non esiste un muro di costa-costa situato attraverso la ZDC e che le immagini di un "muro" che sono state usate nella propaganda della Corea del Nord sono state solo immagini di barriere anticarro anticarro.[37] Mentre 800.000 mine terrestri sono state rimosse nel 2018, è stato dimostrato che l'area di sicurezza congiunta lungo il confine coreano era protetta da un filo spinato standard.[38]

Lato nordcoreano della ZDC[modifica | modifica wikitesto]

ZDC, Corea del Nord. Le recinzioni elettriche sono utilizzate nella zona demilitarizzata coreana come mezzo per sigillare la Corea del Nord dalla Corea del Sud. Dietro la recinzione, c'è una striscia che ha delle miniere di terra nascoste sotto di essa.

La parte nordcoreana della ZDC serve principalmente a difendere la Corea del Nord dall'invasione delle forze sudcoreane. Svolge anche una funzione analoga a quella del Muro di Berlino e del confine interno tedesco contro i propri cittadini nell'ex Germania dell'Est, in quanto impedisce ai cittadini nordcoreani di disertare in Corea del Sud.[39][40]

Dall'armistizio fino al 1972, circa 7.700 soldati e agenti sudcoreani si sono infiltrati nella Corea del Nord per sabotare basi militari e aree industriali.[41]

La Corea del Nord ha migliaia di pezzi di artiglieria vicino alla ZDC. Secondo un articolo del 2018 su The Economist, la Corea del Nord potrebbe bombardare Seoul con oltre 10.000 colpi al minuto.[42] Gli esperti ritengono che il 60% della sua artiglieria totale sia posizionato a pochi chilometri dalla ZDC e funga da deterrente contro ogni invasione della Corea del Sud.

Propaganda[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Propaganda e Guerra psicologica.

Installazioni di altoparlanti[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1953 al 2004, entrambe le parti hanno trasmesso la propaganda audio attraverso la ZDC.[43] Altissimi diffusori montati su diversi edifici hanno trasmesso messaggi di propaganda della DPRK dirette verso il sud e trasmissioni radiofoniche di propaganda attraverso il confine.[15] Nel 2004, il Nord e il Sud hanno convenuto di porre fine alle trasmissioni.[43]

Il 4 agosto 2015 si è verificato un incidente di confine in cui due soldati sudcoreani sono stati feriti dopo aver calpestato le mine che sarebbero state deposte sul lato sud della ZDC dalle forze della Corea del Nord vicino a un posto di guardia della Repubblica di Corea.[44][45] Sia la Corea del Nord che la Corea del Sud hanno quindi ripreso a trasmettere la propaganda tramite l'altoparlante.[46] Dopo quattro giorni di negoziati, il 25 agosto 2015 la Corea del Sud ha accettato di interrompere le trasmissioni in seguito a una dichiarazione del governo della Corea del Nord che esprime rammarico per l'incidente causato dalle mine terrestri.[47]

L'8 gennaio 2016, in risposta alle presunte prove di successo di una bomba all'idrogeno da parte della Corea del Nord, la Corea del Sud ha ripreso le trasmissioni dirette al Nord.[48] Il 15 aprile 2016 è stato riferito che i sudcoreani hanno acquistato un nuovo sistema stereo per combattere le trasmissioni del Nord.[49]

Palloncini[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Campagne di propaganda con palloncini in Corea.

Sia la Corea del Nord che la Corea del Sud hanno lanciato campagne di volantinaggio di propaganda attaccati su palloncini sin dalla Guerra di Corea.[50]

Negli ultimi anni, principalmente organizzazioni non governative sud coreane sono state coinvolte nel lancio di palloncini rivolti alla ZDC e oltre.[51] A causa dei venti, i palloncini tendono a cadere vicino alla ZDC dove ci sono per lo più soldati nordcoreani a vedere i volantini.[52] Come per gli altoparlanti, tra il 2004 e il 2010 si sono reciprocamente convenute le operazioni di volo in mongolfiera.[53] È stato valutato che i palloni degli attivisti possono contribuire al decadimento della cooperazione residua tra i governi coreani,[54] e la ZDC è diventata più militarizzata negli ultimi anni.[55]

Molti volantini della Corea del Nord durante la Guerra Fredda diedero istruzioni e mappe per aiutare i soldati sudcoreani colpiti a disertare. Uno dei volantini trovati sulla ZDC includeva una mappa del percorso di defezione di Cho Dae-hum verso la Corea del Nord attraverso la ZDC. Oltre a utilizzare i palloncini come mezzo di consegna, i nordcoreani hanno utilizzato anche dei razzi per inviare volantini alla ZDC.[56]

Smantellamento[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 aprile 2018, sia la Corea del Nord che la Corea del Sud hanno ufficialmente cancellato le loro trasmissioni di propaganda di frontiera per l'ultima volta.[57] Il 1º maggio 2018, i diffusori attraverso il confine coreano sono stati smantellati.[58] Entrambe le parti si sono inoltre impegnate a porre fine alle campagne di palloncini.[59] Il 5 maggio 2018, un tentativo da parte dei disertori nordcoreani di disperdere più propaganda di mongolfiera attraverso il confine dalla Corea del Sud è stato fermato dal governo sudcoreano.[60] La zona d'interdizione di volo che è stata istituita il 1 novembre 2018 ha anche designato una zona d'interdizione di volo per tutti i tipi di aeromobili sopra la LDM e proibisce alle mongolfiere di viaggiare entro 25 km dalla linea di demarcazione militare del confine coreano (LDM).[61]

Linea di controllo civile[modifica | modifica wikitesto]

Linea di controllo civile, Imjingak, Paju, Corea del sud
Linea di controllo civile, Corea del sud

La linea di controllo civile è una linea che designa una zona tampone addizionale alla ZDC entro una distanza di 5 fino a 20 km dalla linea limite meridionale della ZDC. Il suo scopo è limitare e controllare l'ingresso di civili nell'area per proteggere e mantenere la sicurezza di strutture e operazioni militari vicino alla ZDC. Il comandante dell'8ª Armata dell'esercito USA ordinò la creazione del CCL e fu attivato diventando operativo per la prima volta nel febbraio 1954.[62]

La zona cuscinetto che cade a sud della Southern Limit Line si chiama Civilian Control Zone. Recinzioni di filo spinato e posti di guardia militari presidiati segna la linea di controllo civile. La zona di controllo civile è necessaria affinché i militari monitorino i viaggi civili verso destinazioni turistiche vicine alla Southern Limit Line della ZDC come i tunnel di infiltrazione scoperti e gli osservatori turistici. Di solito, quando si viaggia all'interno della Zona di controllo civile, i soldati sudcoreani accompagnano autobus e auto turistici come guardie armate per monitorare i civili e per proteggerli dagli intrusi nordcoreani.

Subito dopo il cessate il fuoco, la zona di controllo civile al di fuori del ZDC comprendeva circa 100 villaggi vuoti. Il governo ha implementato misure di migrazione per attirare i coloni nell'area. Di conseguenza, nel 1983, quando l'area delimitata dalla Linea di controllo civile era al suo massimo, un totale di 39.725 residenti in 8.799 famiglie vivevano negli 81 villaggi situati all'interno della Zona di controllo civile.[63]

La maggior parte delle foto turistiche e dei media del "recinto ZDC" sono in realtà foto del recinto del CCL. L'attuale recinzione ZDC sulla Southern Limit Line è completamente off-limits per tutti tranne i soldati ed è illegale fotografare la recinzione ZDC. La recinzione CCL agisce più come deterrente per i civili della Corea del Sud che si avvicinano troppo alla pericolosa ZDC ed è anche l'ultima barriera per gli infiltrati della Corea del Nord se superano la barriera ZDC della Southern Limit Line.[64]

Zona neutrale dell'estuario del fiume Han[modifica | modifica wikitesto]

L'intero estuario del fiume Han è considerato una "Zona Neutrale" ed è off-limits per tutte le navi civili ed è trattato come il resto della ZDC. Solo le navi militari sono ammesse all'interno di questa zona neutrale.

Secondo l'accordo di armistizio coreano del luglio 1953, il trasporto marittimo doveva essere consentito nell'estuario del fiume Han e consentire a Seul di connettersi al Mar Giallo (Mare occidentale) attraverso il fiume Han.[65] Tuttavia, sia le Coree che l'UNC non hanno fatto in modo che ciò accadesse. Il governo sudcoreano ha ordinato la costruzione del Canale Ara per collegare finalmente Seoul al Mar Giallo, che è stato completato nel 2012. Seoul è stata praticamente senza sbocco dal mare fino al 2012. La più grande limitazione del Canale Ara è che è troppo stretto per gestire qualsiasi nave eccetto le piccole imbarcazioni turistiche e le imbarcazioni da diporto, quindi Seoul non può ancora ricevere grandi navi commerciali o navi passeggeri nel suo porto.

Negli ultimi anni i pescherecci cinesi hanno approfittato della situazione di tensione nella zona neutrale dell'estuario del fiume Han e pescato illegalmente in questa zona a causa del fatto che sia la marina nordcoreana che quella sudcoreana non pattugliano questa zona a causa del timore che scoppino battaglie navali. Ciò ha portato a scontri a fuoco e affondamenti di barche tra pescatori cinesi e guardia costiera sudcoreana.[66][67]

Il 30 gennaio 2019 ufficiali militari della Corea del Nord e della Corea del Sud hanno firmato un accordo storico che aprirà l'estuario del fiume Han a navi civili per la prima volta dall'accordo di armistizio nel 1953. L'accordo è entarto in vigore il 1º aprile 2019 in un processo la base per alcune navi all'inizio e successivamente aumenterà gradualmente gradualmente fino a che la libertà di passaggio sarà concessa a qualsiasi grande nave privata, come una grande nave da crociera o da carico, che desidera recarsi a Seoul come destinazione finale attraverso il fiume Han.[68][69]

Castello di Gung Ye[modifica | modifica wikitesto]

All'interno della stessa ZDC, nella città di Cheorwon, si trova la vecchia capitale del regno di Taebong (901-918), un upstart regionale che divenne Goryeo, la dinastia che governò una Corea unita dal 918 al 1392.

Taebong è stato fondato dal leader carismatico Gung Ye, un brillante monaco buddhista ex monarca se pur sempre tirannico. Ribellandosi contro il regno di Silla, allora dinastia regnante della Corea, proclamò il regno di Taebong - chiamato anche Later Goguryeo, in riferimento all'antico regno di Goguryeo (37 a.C.-668 d.C) - nel 901, con se stesso come re. Il regno consisteva in gran parte della Corea centrale, comprese le aree intorno alla ZDC. Mise la sua capitale a Cheorwon, una regione montuosa che era facilmente difendibile (nella Guerra di Corea, questa stessa regione avrebbe guadagnato il nome di "Triangolo di Ferro").

Come ex monaco buddista, Gung Ye promosse attivamente la religione del buddismo e incorporò le cerimonie buddiste nel nuovo regno. Anche dopo che Gung Ye fu detronizzato dai suoi stessi generali e sostituito da Wang Geon, l'uomo che avrebbe regnato su una Corea unita come primo re di Goryeo, questa influenza buddhista avrebbe continuato a svolgere un ruolo importante nel plasmare la cultura della Corea medievale.

Poiché le rovine della capitale di Gung Ye si trovano nella stessa ZDC, i visitatori non possono vederle. Inoltre, il lavoro di scavo e la ricerca sono stati ostacolati dalle realtà politiche. In futuro, la pace inter-coreana potrebbe consentire di condurre studi archeologici adeguati sul sito del castello e su altri siti storici all'interno e al di sotto della ZDC.[70]

Le rovine della città capitale di Taebong, le rovine del castello di Gung Ye e la tomba del re Gung Ye si trovano tutte all'interno della ZDC e sono vietate a tutti tranne i soldati che pattugliano la ZDC.[71]

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La linea Donghae Bukbu sulla costa orientale della Corea. Il collegamento stradale e ferroviario è stato costruito per i sudcoreani che visitano la regione turistica del Monte Kumgang nel nord.
Tour in treno ZDC organizzato da Korail

Panmunjeom è il sito dei negoziati che ha posto fine alla guerra di Corea ed è il principale centro dell'attività umana nella ZDC. Il villaggio si trova sull'autostrada principale e vicino a una ferrovia che collega le due Coree.

La ferrovia, che collega Seoul a Pyongyang, era chiamata la linea Gyeongui prima della divisione negli anni '40. Attualmente il sud usa il nome originale, ma il nord si riferisce al percorso come la linea P'yŏngbu. La linea ferroviaria è stata utilizzata principalmente per trasportare materiali e lavoratori sudcoreani nella regione industriale di Kaesong. La sua riconnessione è stata vista come parte del miglioramento generale nelle relazioni tra Nord e Sud nella prima parte di questo secolo. Tuttavia, nel novembre 2008 le autorità nordcoreane hanno chiuso la ferrovia tra crescenti tensioni con il sud.[72] Dopo la morte dell'ex presidente della Corea del Sud, Kim Dae-jung, si sono tenuti colloqui conciliatori tra i funzionari della Corea del Sud e una delegazione nordcoreana che ha partecipato ai funerali di Kim. Nel settembre 2009 è stata riaperta la traversata della ferrovia e della strada di Kaesong.[73]

La strada a Panmunjeom, che era conosciuta storicamente come Autostrada Uno nel Sud, era originariamente l'unico punto di accesso tra i due paesi della penisola coreana. Il passaggio è paragonabile ai rigidi movimenti che si sono verificati a Checkpoint Charlie a Berlino nel pieno della Guerra Fredda. Le strade della Corea del Nord e del Sud finiscono nell'ASC; le autostrade non si uniscono in quanto vi è una linea di cemento di 20 cm (8 pollici) che divide l'intero sito. Le persone che hanno il raro permesso di attraversare questo confine devono farlo a piedi prima di continuare il loro viaggio su strada.

Nel 2007, sulla costa orientale della Corea, il primo treno ha attraversato la ZDC sulla nuova linea Donghae Bukbu (Tonghae Pukpu). Il nuovo attraversamento ferroviario è stato costruito accanto alla strada che portava i coreani del Sud alla regione turistica del Monte Kumgang, una regione di notevole importanza culturale per tutti i coreani. Più di un milione di visitatori civili hanno attraversato la ZDC fino a quando la strada è stata chiusa a seguito delle riprese di un turista sudcoreano di 53 anni nel luglio 2008.[74] Dopo che un'indagine congiunta è stata respinta dalla Corea del Nord, il governo sudcoreano ha sospeso le visite al resort. Da allora, il resort e la linea Donghae Bukbu sono stati effettivamente chiusi dalla Corea del Nord.[75][76] Attualmente, la sudcoreana Korea Railroad Corporation (Korail) organizza tour nella ZDC con speciali treni a tema ZDC.[77]

Il 14 ottobre 2018, la Corea del Nord e della Corea del Sud ha accettato di raggiungere l'obiettivo del summit di ripristinare i trasporti ferroviari e stradali che erano stati tagliati dalla guerra di Corea da fine novembre o inizio dicembre 2018.[78] Il trasporto stradale e ferroviario lungo la ZDC è stato ricollegato nel novembre 2018.[79][80][81]

Riserva naturale[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ultimo mezzo secolo, la ZDC coreana è stata un luogo inabitabile per gli umani. Solo intorno al villaggio di Panmunjom e più recentemente alla linea Donghae Bukbu sulla costa orientale della Corea ci sono state incursioni regolari da parte di persone.[82][83]

Questo isolamento naturale lungo i 250 km della ZDC ha creato un parco involontario che ora è riconosciuto come una delle aree di habitat temperato meglio conservate al mondo.[84] Nel 1966 fu proposto per la prima volta che la ZDC fosse trasformata in un parco nazionale.[85]

Diverse specie animali e vegetali in pericolo di estinzione ora esistono tra le recinzioni fortificate, le mine antiuomo e le postazioni di ascolto. Questi includono la gru a coronamento rosso in via di estinzione (una graffetta dell'arte asiatica), la gru dalla nuca bianca e, potenzialmente, la rarissima tigre siberiana,[84] leopardi e l'orso nero asiatico. Gli ecologi hanno identificato circa 2.900 specie di piante, 70 tipi di mammiferi e 320 tipi di uccelli nella stretta zona cuscinetto.[84] Ulteriori sondaggi sono ora condotti in tutta la regione.[86]

La ZDC deve la sua variegata biodiversità alla sua geografia, che attraversa montagne, praterie, paludi, laghi e paludi di marea. Gli ambientalisti sperano che la ZDC venga conservata come rifugio per la fauna selvatica, con una serie ben sviluppata di piani oggettivi e di gestione controllati e messi in atto. Nel 2005, il fondatore della CNN e il magnate dei media Ted Turner, in visita in Corea del Nord, ha affermato che sosterrà finanziariamente qualsiasi progetto volto a trasformare la ZDC in un parco della pace e in un sito del patrimonio mondiale protetto dall'ONU.[87]

Nel settembre 2011, la Corea del Sud ha presentato un modulo per le nomine all'Uomo e al Programma della biosfera (MAB) nell'UNESCO per la designazione di 435 km² nella parte meridionale della ZDC al di sotto della linea di demarcazione militare, nonché 2 979 km² in aree controllate privatamente, come riserva della biosfera secondo il quadro statutario della rete mondiale delle riserve della biosfera.[88] Il Comitato Nazionale MAB della Repubblica di Corea ha menzionato solo la parte meridionale della ZDC da nominare poiché non vi è stata risposta da Pyongyang quando ha richiesto a Pyongyang di spingere insieme. La Corea del Nord è una nazione membro del consiglio di coordinamento internazionale del Programma sull'uomo e sulla biosfera dell'UNESCO, che designa le Riserve della Biosfera.[89]

La Corea del Nord si è opposta alla richiesta come violazione dell'accordo di armistizio durante la riunione del consiglio a Parigi dal 9 al 13 luglio 2011. Il tentativo del governo sudcoreano di designare la Zona demilitarizzata (ZDC) una Riserva della Biosfera dell'UNESCO è stato respinto nella riunione del Consiglio MAB dell'UNESCO a Parigi nel luglio 2012. Pyongyang ha espresso la sua opposizione inviando lettere a 32 paesi membri del Consiglio, ad eccezione della Corea del Sud, e della sede dell'UNESCO un mese prima dell'incontro. Alla riunione del consiglio, Pyongyang ha dichiarato che la designazione ha violato l'accordo di armistizio.[90]

Distruzione di posti di guardia[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 ottobre 2018, il generale maggiore sudcoreano Kim Do-gyun e il tenente generale nordcoreano An Ik-san si sono incontrati a Tongilgak (il "Padiglione dell'Unificazione"), un edificio della Corea del Nord situato nella Joint Security Area (JSA) della ZDC. Lì, hanno iniziato a implementare nuovi protocolli che mirano a ridurre la tensione richiedendo alla Corea del Nord e del Sud di distruggere 22 posti di guardia attraverso la ZDC,[91] tra gli altri passaggi. Entrambi i generali hanno approvato i requisiti per i posti di guardia da distruggere entro la fine di novembre 2018.[92] I posti di guardia della JSA sono stati distrutti il ​​25 ottobre 2018.[91][93][94] La Corea del Nord e della Corea hanno accettato di smantellare 11 posti di guardia situati all'interno del loro paese e considerati "di prima linea".[95][96][97] È stato anche concordato che, dopo lo smantellamento dei posti, entrambe le Coree ritirerebbero anche le attrezzature e il personale di stanza in ciascun posto.[96] In tandem con gli accordi di Pyongyang e del dominio militare del settembre 2018,[96][97][95][98] entrambe le parti hanno inoltre convenuto di rimuovere gradualmente tutti i posti di guardia nei pressi della ZDC a seguito di una verifica nel dicembre 2018.[97][96][95]

Tuttavia, tutte le truppe e le attrezzature rimanenti, incluse le armi, furono ritirate da tutti i 22 posti di guardia "di prima linea" prima che iniziassero le distruzioni e in seguito entrambe le coreane accettarono di distruggere individualmente 10 di questi posti di guardia invece di 11.[99][100][101][102]

Il 4 novembre 2018, i governi nord e sudcoreani hanno issato una bandiera gialla sopra ciascuno dei loro 11 posti di guardia ZDC per indicare pubblicamente che saranno tutti smantellati.[103] Il 10 novembre 2018, è stato completato il ritiro di personale militare e armi da tutti i 22 posti di guardia "di prima linea" della ZDC.[101][104][102] La distruzione di 20 posti di guardia è iniziata ufficialmente l'11 novembre 2018.[105][106] Tuttavia, entrambe le Corea hanno modificato l'accordo originale e hanno deciso di preservare 2 dei 22 posti di guardia in prima linea smilitarizzati.[105][106] Entrambi i posti che sono stati progettati per essere conservati si trovano sui lati opposti del confine coreano.[100]

Il 15 novembre 2018, è stata completata la distruzione di due posti di guardia ZDC, uno in Corea del Sud e l'altro in Corea del Nord.[107][108] Il lavoro era ancora in corso per completare la distruzione di altri posti di guardia.[107][108] Il 23 novembre 2018, è stato rivelato che la Corea del Sud stava lentamente distruggendo i loro posti di guardia con gli escavatori.[109]

Il 20 novembre 2018, la Corea del Nord, sperando di allentare ulteriormente le tensioni con la Corea del Sud, ha distrutto tutti i loro 10 posti di guardia "di prima linea" rimasti.[110][111] Il ministero della Difesa della Corea del Sud ha rilasciato delle foto che confermano questo fatto e ha anche rilasciato una dichiarazione in cui si afferma che la Corea del Nord li aveva informati dei piani per demolirli prima che si svolgesse.[111] Questo è venuto in conformità con gli accordi precedenti.[110] La Corea del Sud ha anche rilasciato i video dei posti di guardia che sono stati distrutti.[112]

Il 30 novembre 2018, entrambe le Coree hanno completato i lavori per smantellare 10 dei loro posti di guardia "di prima linea".[81][113] Tuttavia, è stato confermato anche il successivo accordo per ciascuna Corea per preservare un posto di "prima linea".[81] La postazione di guardia "in prima linea", che è stata conservata nella parte nordcoreana della ZDC, è stata visitata da Kim Jong Un nel 2013, quando le tensioni sono aumentate tra le due Coree.[109]

Istituzione di zone cuscinetto, zone d'interdizione di volo e zone di pace del Mar Giallo[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º novembre 2018, le zone cuscinetto sono state istituite attraverso la ZDC dagli eserciti della Corea del Nord e della Corea del Sud.[114] In conformità con l'accordo militare globale firmato nel vertice inter-coreano del settembre 2018,[115] la zona cuscinetto aiuta a garantire che sia la Corea del Nord che quella della Corea vietino effettivamente l'ostilità su terra, aria e mare.[114] A entrambe le Coree è vietato condurre esercitazioni di artiglieria a fuoco vivo e esercitazioni di manovra sul campo a livello di reggimento o quelle di unità più grandi entro 5 chilometri dalla Linea di demarcazione militare (MDL).[114] Le zone cuscinetto si estendono dal nord dell'isola di Deokjeok a sud dell'isola di Cho nel Mare Occidentale e al nord della città di Sokcho ea sud della Contea di Tongchon nel Mare Orientale (Giallo).[115]

Sono state inoltre istituite zona d'interdizione di volo lungo la ZDC per vietare il funzionamento di droni, elicotteri e altri aeromobili in un'area distante fino a 40 km dal MDL.[114] Per il veicolo aereo senza equipaggio, entro 15 km dal MDL ad est e 10 km dal MDL ad ovest.[61] Le mongolfiere non possono viaggiare entro 25 km dalla ZDC.[61] Per gli aeromobili ad ala fissa, nessuna zona di volo è designata entro 40 km dal MDL ad est (tra i marcatori MDL n. 0646 e 1292) e entro 20 km dal MDL ad ovest (tra i marcatori MDL n. 0001 e 0646).[115] Per gli aeromobili ad ala rotante, le no fly zone sono designate entro 10 km dal MDL.[115]

Entrambe le Coree hanno anche creato "zone di pace" vicino al loro contestato confine con il Mar Giallo.[114]

Ricollegamento di strade lungo la LDM[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 novembre 2018, la Corea del Nord e la Corea del Sud hanno completato la costruzione per collegare una strada di tre chilometri lungo la ZDC, 90 km a nordest di Seoul.[79][80] Questa strada, che attraversa il confine terrestre MDL coreano, è composta da 1.7 km in Corea del Sud e 1.3 km in Corea del Nord.[80] La strada è stata ricollegata per la prima volta in 14 anni nel tentativo di assistere a un processo presso la Arrowhead Hill della Z, che prevedeva la rimozione delle mine e la riesumazione dei resti della Guerra di Corea.[116][117][118]

Presenza di mine terrestri e residui della Guerra di Corea[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º ottobre 2018, gli ingegneri militari della Corea del Nord e del Sud hanno iniziato un processo di rimozione di 20 miglia di mine terrestri e altri esplosivi pianificati nell'Area di sicurezza congiunta della ZDC.[119][38][120] Il lavoro per rimuovere le mine terrestri dall'Area di sicurezza congiunta è stato completato il 25 ottobre 2018.[121][122][123][38] La demolizione era iniziata al Arrowhead Hill della ZDC e portato alla scoperta dei resti della Guerra di Corea.[124][125] Il lavoro tra le due Coree per rimuovere le mine antiuomo da Arrowhead Hill è stato completato il 30 novembre 2018.[126][113]

Servizi di trasporto inter-coreano[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 novembre 2018, in seguito alla rimozione dei posti di guardia "di prima linea" e delle mine terrestri di Arrowhead Hill, è stato ripreso il trasporto ferroviario tra Nord e Sud Corea, cessato a novembre 2008.[81] Lo stesso giorno, 30 funzionari della Corea del Nord e della Corea del Sud hanno avviato un sondaggio di 18 giorni su una sezione ferroviaria di 400 chilometri (248 miglia) nella Corea del Nord a fianco della ZDC tra Kaesong e Sinuiju.[127][128] Gli sforzi per condurre il sondaggio erano stati precedentemente ostacolati a causa della presenza dei posti di guardia e delle mine terrestri di Arrowhead Hill.[81] Il sondaggio seguirà quindi l'innovativo tracciamento di una nuova ferrovia lungo la ZDC.[128] L'indagine ferroviaria che ha coinvolto la linea Gyeongui si è conclusa il 5 dicembre 2018.[129]

L'8 dicembre 2018 un autobus sudcoreano ha attraversato la ZDC in Corea del Nord.[130] Lo stesso giorno, i funzionari che hanno condotto il sondaggio intercoreano per la Linea Gyeongui hanno iniziato a studiare la linea Donghae.[130]

Passaggio di frontiera militare[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 dicembre 2018, gli eserciti di entrambe le Coree hanno attraversato per la prima volta nella storia la LDM della ZDC nei paesi dell'opposizione per ispezionare e verificare la rimozione dei posti di guardia "di prima linea".[131][132]

Incontro di Trump, Kim e Moon presso la ZDC[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Vertice tra Coree e Stati Uniti del 2019 e Vertici inter-coreani.

Il 30 giugno 2019, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump è diventato il primo presidente degli Stati Uniti ad entrare in Corea del Nord, facendo così nella linea ZDC.[133] Dopo aver attraversato la Corea del Nord, Trump e Kim si sono incontrati e si sono stretti la mano.[134] Kim ha dichiarato, in inglese, "È bello rivederti", "Non mi sarei mai aspettato di incontrarti in questo posto" e "sei il primo presidente degli Stati Uniti ad attraversare il confine."[134] Entrambi gli uomini hanno poi attraversato brevemente la linea di confine prima di tornare nella Corea del Sud.[134]

Sul lato sud-coreano della ZDC, Kim, Moon e Trump hanno tenuto una breve conversazione prima di tenere un incontro di un'ora presso la Casa della libertà inter-coreana della ZDC.[135][136]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Korean Demilitarized Zone: Image of the Day, NASA Earth Observatory. URL consultato il 26 marzo 2010 (archiviato il 16 marzo 2010).
  2. ^ Template:Cite magazine
  3. ^ Elferink, Alex G. Oude. (1994). The Law of Maritime Boundary Delimitation: a Case Study of the Russian Federation.
  4. ^ Ahn, JH, On patrol in the DMZ: North Korean landmines, biting winds and tin cans: As tensions on the peninsula escalate, a former South Korean guard describes life at one of the world's most fortified borders. NK News reports, in The Guardian, 21 marzo 2016. URL consultato il 18 aprile 2016 (archiviato il 16 aprile 2016).
  5. ^ Rolf Potts, Korea's no-man's-land, in Salon, 3 febbraio 1999. URL consultato il 31 gennaio 2013 (archiviato il 15 febbraio 2013).
  6. ^ a b c DMZ sixth-graders become graduates, in Stars and Stripes, 19 febbraio 2008 (archiviato l'11 giugno 2009).
  7. ^ Santa mobbed by students during visit to Joint Security Area (army.mil.com -The Official U.S. Army Website). URL consultato l'11 dicembre 2009 (archiviato il 24 novembre 2009).
  8. ^ Jeyup S Kwaak, Why the Korean Peninsula Keeps Land Mines, in Wall Street Journal, 24 settembre 2014 (archiviato il 24 settembre 2014).
  9. ^ (EN) Reuters News Agency, North and South Korea begin removing landmines along fortified DMZ, in The Telegraph, 1º ottobre 2018, ISSN 0307-1235 (WC · ACNP). URL consultato il 19 novembre 2018.
  10. ^ Panmunjon, army.mil.com. URL consultato il 15 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2009).
  11. ^ General revisits deadly 1984 Thanksgiving firefight at DMZ, in Stars and Stripes. URL consultato il 13 marzo 2016 (archiviato il 9 marzo 2016).
  12. ^ Korea Demilitarized Zone Incidents, su globalsecurity.org, 28 maggio 2009 (archiviato il 31 marzo 2010).
  13. ^ South Korea to revamp DMZ towers, in Stars and Stripes, 22 ottobre 2009. URL consultato il 9 novembre 2009 (archiviato il 22 ottobre 2009).
  14. ^ (EN) KIM TONG-HYUNG, Koreas agree to break ground on inter-Korean railroad, in Kait8.com. URL consultato il 19 novembre 2018.
  15. ^ a b Rolf Potts, Korea's No-man's-land, in Salon.com, 3 febbraio 1999 (archiviato il 15 febbraio 2013).
  16. ^ O'Neill, Tom. "Korea's DMZ: Dangerous Divide". National Geographic, July 2003.
  17. ^ Silpasornprasit, Susan. "Day trip to the DMZ: A look inside the Korean Demilitarized Zone". Archiviato il 30 March 2009 Data nell'URL non combaciante: 30 marzo 2009 in Internet Archive. IMCOM-Korea Region Public Affairs Office, US Army. Retrieved 2009-01-30.
  18. ^ CNN.com – Korea's DMZ: 'Scariest place on Earth', 20 febbraio 2002. URL consultato il 23 ottobre 2007 (archiviato il 12 ottobre 2007).
  19. ^ (KO) 개성에 '구멍탄' 5만장 배달했습니다, in economy.ohmynews.com. URL consultato il 6 dicembre 2006.[collegamento interrotto]
  20. ^ North Korea: Chronology of Provocations, 1950 – 2003 (PDF), su fas.org. URL consultato il 2 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2006).
  21. ^ Daniel Bolger, Scenes from an Unfinished War: Low intensity conflict in Korea 1966–1969, Diane Publishing Co, 1991, ISBN 978-0-7881-1208-9.
  22. ^ Scenes from an Unfinished War: Low-Intensity Conflict in Korea, 1966–1968 (PDF), Cgsc.leavenworth.army.mil. URL consultato il 2 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2009).
  23. ^ Minutes of Washington Special Actions Group Meeting, Washington, 25 August 1976, 10:30 a.m., Office of the Historian, US Department of State, 25 agosto 1976. URL consultato il 12 maggio 2012 (archiviato il 25 settembre 2012).
    «Clements: I like it. It doesn't have an overt character. I have been told that there have been 200 other such operations and that none of these have surfaced. Kissinger: It is different for us with the War Powers Act. I don't remember any such operations.».
  24. ^ Lee Tae-hoon, S. Korea raided North with captured agents in 1967, in The Korea Times, 7 febbraio 2011. URL consultato il 12 maggio 2012 (archiviato il 1º ottobre 2012).
  25. ^ Jim Sides, Almost Home, Xulon Press, 2009, p. 118, ISBN 978-1-60791-740-3.
  26. ^ Demilitarized Zone, GlobalSecurity.org. URL consultato il 9 novembre 2007 (archiviato il 5 novembre 2007).
  27. ^ Bermudez, Joseph S. Jr, Tunnels under the DMZ, su korean-war.com. URL consultato il 26 marzo 2010 (archiviato dall'url originale il 21 giugno 2013).
  28. ^ Martin Robinson, Seoul, Lonely Planet, 2009, pp. 162, ISBN 978-1-74104-774-5.
  29. ^ The Fourth Infiltration Tunnel, Panmunjom Travel Center (archiviato dall'url originale il 9 marzo 2007).
  30. ^ a b Welcome to North Korea: A film by Peter Tetteroo for KRO Television, su filmakers.com. URL consultato il 29 dicembre 2009 (archiviato l'11 luglio 2011).
  31. ^ (FI) Caroline Salzinger, Terveisiä pahan akselilta: Arkea ja politiikkaa maailman suljetuimmissa valtioissa, Jyväskylä, Atena, 2008, p. 40, ISBN 978-951-796-521-7.
  32. ^ DMZ: Demilitarized Zone, Korea Konsult. URL consultato il 16 aprile 2015.
  33. ^ New York Times, 1999, Korean-war.com. URL consultato il 2 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2012).
  34. ^ Tear Down the Korean Wall (DPRK UN Mission), 3 dicembre 1999. URL consultato il 29 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2006).
  35. ^ Erik Eckholm, Where Most See Ramparts, North Korea Imagines a Wall, in The New York Times, 8 dicembre 1999. URL consultato il 26 maggio 2016 (archiviato il 16 agosto 2016).
  36. ^ Ángela Gallardo Bernal, 10 Days in North Korea, RT, 9 novembre 2014. URL consultato il 20 febbraio 2017 (archiviato il 22 dicembre 2016).
  37. ^ Jon Herskovitz, North Korea asks South to tear down imaginary wall, in Reuters, 31 dicembre 2007. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  38. ^ a b c (EN) Koreas begin clearing landmines from heavily fortified border, in BBC News, 1º ottobre 2018. URL consultato il 9 febbraio 2019.
  39. ^ Archived copy, su qsl.net. URL consultato il 12 marzo 2017 (archiviato il 14 settembre 2016). Bottom of the page. Retrieved 11 March 2017
  40. ^ Archived copy, su nytimes.com. URL consultato il 12 marzo 2017 (archiviato il 12 marzo 2017). Retrieved 11 March 2017
  41. ^ Norimitsu Onishi, South Korean Movie Unlocks Door on a Once-Secret Past, in The New York Times, 15 febbraio 2014. URL consultato il 13 marzo 2017.
  42. ^ (EN) The Growing Danger of Great-Power Conflict, su The Economist. URL consultato il 5 febbraio 2018.
  43. ^ a b Koreas Switch off Loudspeakers (BBC), 15 giugno 2004. URL consultato il 7 maggio 2013 (archiviato il 15 giugno 2004).
  44. ^ Choe Sang-hun, South Korea Accuses the North After Land Mines Maim Two Soldiers in DMZ, in New York Times, 10 agosto 2015. URL consultato il 13 agosto 2015 (archiviato il 13 agosto 2015).
  45. ^ Ju-Min Park, South Korea condemns North over land mine blast, vows retaliation, in Reuters (Seoul), 10 agosto 2015. URL consultato il 10 agosto 2015 (archiviato il 10 agosto 2015).
  46. ^ North Korea and South Korea Trade Fire Across Border, Seoul Says, in The New York Times, 21 agosto 2015. URL consultato il 13 marzo 2016 (archiviato il 17 gennaio 2016).
  47. ^ South Korea turns off propaganda as Koreas reach deal, 25 agosto 2015. URL consultato il 25 agosto 2015 (archiviato il 24 settembre 2015).
  48. ^ Sam Kim, South Korea Punishes Kim Jong Un With K-Pop for Nuclear Test, in Bloomsberg, 7 gennaio 2016. URL consultato l'8 gennaio 2016 (archiviato il 7 gennaio 2016).
  49. ^ Simon Sharwood, South Korea to upgrade national stereo defence system for US$16m, in The Register, 15 aprile 2016. URL consultato il 22 aprile 2016 (archiviato il 19 aprile 2016).
  50. ^ Jung 2014, p.16
  51. ^ Jung 2014, p.9
  52. ^ Adam Higginbotham, The No-Tech Tactics of North Korea's Most Wanted Defector, su Bloomberg News, 5 giugno 2014, p. 4. URL consultato il 1º luglio 2015 (archiviato il 3 luglio 2015).
  53. ^ Jung 2014, p.23
  54. ^ John Feffer, Korea's Balloon War, su Institute for Policy Studies, 6 novembre 2014. URL consultato il 29 giugno 2015.
  55. ^ Jung 2014, p.31
  56. ^ Herbert A. Friedman, Communist Korean War Leaflets, su www.psywarrior.com, 5 gennaio 2006. URL consultato il 28 giugno 2015 (archiviato l'11 luglio 2015).
  57. ^ Joshua Berlinger and Yoonjung Seo, CNN, South Korea stops blasting propaganda along DMZ as summit looms, in CNN. URL consultato il 19 novembre 2018.
  58. ^ North And South Korea Dismantle Loudspeakers Blaring Propaganda On The DMZ : The Two-Way, NPR, 1º maggio 2018. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  59. ^ (EN) South Korea faces a decision over leaflets as ties warm with the North, in Public Radio International. URL consultato il 19 novembre 2018.
  60. ^ Reuters News Agency, South Korean police stop protesters releasing balloons to the North, as ties thaw, su telegraph.co.uk, 5 maggio 2018. Ospitato su www.telegraph.co.uk.
  61. ^ a b c Agreement on the Implementation of the Historic Panmunjom Declaration in the Military Domain , 2018 (PDF)
  62. ^ Archived copy, su tourdmz.com. URL consultato l'11 marzo 2017 (archiviato il 25 febbraio 2017). Retrieved 10 March 2017
  63. ^ (KO) Kor, su Koreana: Korean culture & arts. URL consultato il 17 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 12 marzo 2017).
  64. ^ Archived copy, su researchgate.net. URL consultato l'11 marzo 2017 (archiviato il 12 marzo 2017). / up-close map of CCL/CCZ/Southern Limit Line. Retrieved 10 March 2017
  65. ^ Archived copy, su news.findlaw.com. URL consultato il 14 aprile 2014 (archiviato il 5 marzo 2014). Article 1, Section 5. Retrieved 11 March 2017
  66. ^ Archived copy, su maritime-executive.com. URL consultato l'11 marzo 2017 (archiviato il 12 marzo 2017). Retrieved 11 March 2017
  67. ^ Archived copy, su fiskerforum.dk. URL consultato l'11 marzo 2017 (archiviato il 12 marzo 2017). Retrieved 11 March 2017
  68. ^ http://english.hani.co.kr/arti/english_edition/e_national/880735.html . Retrieved 11 February 2019.
  69. ^ https://en.yna.co.kr/view/AEN20190130008700315 . Retrieved 11 February 2019.
  70. ^ Koehler, Rober. (2011). The DMZ: Dividing the Two Koreas.
  71. ^ Archived copy, su leekihwan.khan.kr. URL consultato l'11 marzo 2017 (archiviato il 12 marzo 2017). Retrieved 10 March 2017. Many pictures, maps, and description of the old Taebong capital that is stuck in the middle of the DMZ.
  72. ^ Jae-Soon Chang, Last train to Kaesong as Korean relations cool (Edinburgh, News.Scotman.Com), 28 novembre 2008.
  73. ^ Inter-Korean economic cooperation Kaesong office reopens, Englishhani, 7 settembre 2009. URL consultato il 17 settembre 2009 (archiviato il 22 luglio 2011).
  74. ^ ROK woman tourist shot dead at DPRK resort, in China Daily, 12 luglio 2008 (archiviato il 17 febbraio 2012).
  75. ^ N Korea steps up row with South (BBC), 3 agosto 2008 (archiviato il 30 settembre 2009).
  76. ^ North Korea 'to seize property at Kumgang resort' (BBC), 23 aprile 2010.
  77. ^ Korail, su www.letskorail.com.
  78. ^ Koreas to reconnect roads, rail, U.S. concerned over easing sanctions, su reuters.com, 15 ottobre 2018. Ospitato su www.reuters.com.
  79. ^ a b https://en.yna.co.kr/view/AEN20181122006452315?section=national/defense
  80. ^ a b c https://www.aa.com.tr/en/politics/south-north-korea-connect-border-road-through-dmz/1318769
  81. ^ a b c d e https://www.telegraph.co.uk/news/2018/11/30/first-train-decade-departs-south-korea-north-korea/
  82. ^ Lisa Brady, How wildlife is thriving in the Korean peninsula's demilitarised zone, su theguardian.com, 13 aprile 2012 (archiviato il 5 settembre 2016). Ospitato su The Guardian.
  83. ^ Archived copy, su www1.american.edu. URL consultato il 1º settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 20 maggio 2016).
  84. ^ a b c Korea's DMZ: The thin green line (CNN), 22 agosto 2003. URL consultato il 30 luglio 2009 (archiviato il 5 agosto 2009).
  85. ^ Glenn D. Paige, 1966: Korea Creates the Future, in Asian Survey - A Survey of Asia in 1966: Part I, vol. 7, nº 1, January 1967, pp. 21–30, DOI:10.2307/2642450, JSTOR 2642450.
  86. ^ Korean 'Tigerman' Prowls the DMZ, International Korean News. URL consultato il 17 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 13 agosto 2009).
  87. ^ Ted Turner: Turn Korean DMZ into peace park, in USA TODAY, 18 novembre 2005. URL consultato il 7 maggio 2010 (archiviato il 6 dicembre 2009).
  88. ^ Chungil Choi, Nomination of Korea DMZ Biosphere Reserve (PDF), su ftp.unesco.org. URL consultato il 3 ottobre 2012.[collegamento interrotto]
  89. ^ Jeong-su Kim, Seoul to seek UNESCO Biosphere Reserve status for DMZ, in Hankyoreh. URL consultato il 3 ottobre 2012 (archiviato il 22 luglio 2012).
  90. ^ Do-soon Cho, Biosphere reserve status for the DMZ is urgent, in JoonAng Daily, 14 agosto 2012. URL consultato il 3 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 21 giugno 2013).
  91. ^ a b (EN) Steve Miller, Koreas Continue Tension-Easing Talks as the North Criticizes US, in VOA. URL consultato il 19 novembre 2018.
  92. ^ 2 Koreas to destroy 22 front-line guard posts by November, in AP NEWS, 26 ottobre 2018. URL consultato il 19 novembre 2018.
  93. ^ (EN) Lee Jin-man, 2 Koreas to destroy 22 front-line guard posts by November, in The Grand Island Independent. URL consultato il 19 novembre 2018.
  94. ^ (EN) 송상호, (LEAD) Two Koreas, UNC wrap up JSA disarmament, in Yonhap News Agency, 25 ottobre 2018. URL consultato il 19 novembre 2018.
  95. ^ a b c 2 Koreas to destroy 11 front-line guard posts by November, in The Economic Times, 26 ottobre 2018. URL consultato il 19 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2018).
  96. ^ a b c d (EN) Hyonhee Shin, North and South Korea agree to scrap 22 guard posts at border next..., in U.S.. URL consultato il 19 novembre 2018.
  97. ^ a b c Two Koreas agree to withdraw 11 guard posts in border area by late November. URL consultato il 19 novembre 2018.
  98. ^ https://www.ncnk.org/sites/default/files/Agreement%20on%20the%20Implementation%20of%20the%20Historic%20Panmunjom%20Declaration%20in%20the%20Military%20Domain.pdf
  99. ^ (EN) North and South Korea begin destroying border guard posts, in Channel NewsAsia. URL consultato il 19 novembre 2018.
  100. ^ a b (EN) North and South Korea begin destroying border guard posts, in Rappler. URL consultato il 19 novembre 2018.
  101. ^ a b Associated Press, In latest trust-building step, North and South Korean military finish withdrawal from front-line guard posts, su latimes.com. URL consultato il 19 novembre 2018.
  102. ^ a b (EN) North, South dismantle 22 guard posts along border, in SFChronicle.com, 10 novembre 2018. URL consultato il 19 novembre 2018.
  103. ^ South and North Korea begin trial dismantlement of guard posts surrounding DMZ, su english.hani.co.kr.
  104. ^ Copia archiviata, su hastingstribune.com. URL consultato il 18 luglio 2019 (archiviato dall'url originale l'11 novembre 2018).
  105. ^ a b http://www.koreaherald.com/view.php?ud=20181111000255
  106. ^ a b http://english.yonhapnews.co.kr/news/2018/11/11/0200000000AEN20181111005200320.html
  107. ^ a b South Korea destroys guard posts along border with North Korea | The Star, su thestar.com.
  108. ^ a b Hyung-jin Kim, South Korea Dismantles Guard Posts with Dynamite, Excavators, su Military.com, 16 novembre 2018.
  109. ^ a b http://www.koreaherald.com/view.php?ud=20181120000703
  110. ^ a b North Korea detonates DMZ guard posts at southern border, su ABC11 Raleigh-Durham, 21 novembre 2018.
  111. ^ a b Copia archiviata, su abcnews.go.com. URL consultato il 18 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2018).
  112. ^ https://www.independent.co.uk/news/world/north-korea-video-south-korea-dmz-guard-posts-explode-peace-agreement-border-a8643876.html
  113. ^ a b https://eng.belta.by/society/view/koreas-complete-work-on-removing-some-guard-posts-land-mines-in-dmz-116996-2018/
  114. ^ a b c d e (EN) 이치동, Koreas halt all 'hostile' military acts near border, in Yonhap News Agency, 1º novembre 2018. URL consultato il 19 novembre 2018.
  115. ^ a b c d (EN) Two Koreas end military drills, begin operation of no-fly zone near MDL: MND | NK News - North Korea News, in NK News - North Korea News, 31 ottobre 2018. URL consultato il 19 novembre 2018.
  116. ^ http://www.asianews.it/news-en/After-14-years,-a-road-to-unite-the-Koreas-and-recover-the-remains-of-the-fallen-45545.html
  117. ^ https://www.yahoo.com/news/north-south-korea-join-roads-124905264.html
  118. ^ https://www.cairnspost.com.au/news/national/north-and-south-korea-join-roads-after-14-years/video/af8a644187eb15024a900b16826ebd24
  119. ^ https://www.telegraph.co.uk/news/2018/10/01/north-south-korea-begin-removing-landmines-along-fortified-border/
  120. ^ https://www.cbsnews.com/news/north-korea-south-korea-removing-land-mines-dmz-panmunjom-arrow-head-hill/
  121. ^ http://koreajoongangdaily.joins.com/news/article/article.aspx?aid=3054494
  122. ^ https://www.koreatimes.co.kr/www/nation/2018/10/356_257291.html
  123. ^ https://pulsenews.co.kr/view.php?year=2018&no=653231
  124. ^ Copia archiviata, su abcnews.go.com. URL consultato il 18 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 6 novembre 2018).
  125. ^ https://www.dailyherald.com/article/20181025/news/310259972
  126. ^ https://en.yna.co.kr/view/AEN20181130002400315
  127. ^ https://www.voanews.com/a/koreas-survey-railway-tracks-cut-since-the-korean-war/4681029.html
  128. ^ a b https://www.koreatimes.co.kr/www/nation/2018/11/356_259637.html
  129. ^ http://www.koreaherald.com/view.php?ud=20181205000785
  130. ^ a b http://world.kbs.co.kr/service/news_view.htm?lang=e&Seq_Code=141408
  131. ^ https://www.cbsnews.com/news/north-korea-south-korea-troops-cross-demilitarized-zone-in-peace-first-time/
  132. ^ North and South Korean soldiers enter each other's territory, in The Economic Times, 12 dicembre 2018. URL consultato il 9 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 16 dicembre 2018).
  133. ^ https://abcnews.go.com/Politics/president-trump-travel-dmz-meet-kim-jong/story?id=64042883
  134. ^ a b c https://www.cnn.com/2019/06/29/politics/kim-jong-un-donald-trump-dmz-north-korea/index.html
  135. ^ https://www.9news.com.au/world/trump-offers-to-meet-n-korea-s-kim-in-dmz/a39ece8d-fc6b-4ab8-81c8-af8b28f89415
  136. ^ https://www.washingtonpost.com/politics/2019/06/30/trumps-press-secretary-bruised-after-jostling-with-north-korea-security-over-media-report-says/

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85073079