Zoltán Kemény

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Zoltán Kemény (Bănița, 21 marzo 1907Zurigo, 14 giugno 1965) è stato uno scultore ungherese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver svolto da adolescente l'apprendistato presso un pittore di insegne, si iscrisse alla Scuola di arti decorative a Budapest.[1]

Nel 1930 si trasferì a Parigi, dove si interessò di architettura e di alta moda.

Durante la seconda guerra mondiale emigrò in Svizzera, dove ricominciò a dipingere pitture ad alto rilievo, dapprima con sabbia e sassi e successivamente con chiodi, bulloni, fili di ferro, viti, ecc.[1] La cosiddetta pittura a "rilievi in metallo" assunse a volte anche grandi dimensioni, come ad esempio quella per l'Università di San Gallo.

Partecipò alla seconda edizione di Documenta nel 1959 a Kassel, in Germania.

Fu l'unico ungherese a vincere il Gran Premio di scultura alla Biennale di Venezia, nel 1964.

I suoi lavori si caratterizzarono per le suggestioni dadaiste, per le textures, per gli effetti chiaroscuri, per l'eleganza delle strutture.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Le Muse, vol. 6, Novara, De Agostini, 1965, p. 251.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN34465239 · ISNI (EN0000 0000 8113 0018 · LCCN (ENn83198646 · GND (DE118561243 · BNF (FRcb119683643 (data) · ULAN (EN500031473