Zofia Nałkowska

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Zofia Nałkowska

Zofia Nałkowska (Varsavia, 10 novembre 1884Varsavia, 17 dicembre 1954) è stata una scrittrice, drammaturga e saggista polacca.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nałkowska nacque da una famiglia di intellettuali in particolare specializzati in legge, studenti presso l'Università volante. Dopo la fine della Seconda Repubblica di Polonia, diventò una delle più caratteristiche scrittrici del paese soprattutto su romanzi, e sceneggiature caratterizzate dal socio-realismo e dalla profondità psicologica.

Il primo successo letterario di Nałkowska fu il romanzo Romans Teresy Hennert (Il romanzo di Teresa Hennert, 1923) seguito da una serie di romanzi popolari. È conosciuta per i suoi libri Granica (1935), Węzły życia (Obbligazioni della vita, 1948) e Medaliony (1947; I ragazzi di Oswiecim[1]; Senza dimenticare nulla[2]).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • Kobiety (1906)
  • Książę (1907)
  • Rówieśnice (1909)
  • Narcyza (1911)
  • Noc podniebna (1911)
  • Węże i róże (1914)
  • Hrabia Emil (1920)
  • Na torfowiskach (1922)
  • Romans Teresy Hennert (1923)
  • Dom nad łąkami (1925)
  • Choucas (1927)
  • Niedobra miłość (1928); L' amore cattivo tradotto di Maria Rakowska e Ettore Fabietti[3]
  • Granica' ('1935)
  • Niecierpliwi (1938)
  • Węzły życia (1948)
  • Mój ojciec (1953)

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Dom kobiet (1930); La casa delle donne tradotto da Sibilla Aleramo[4]
  • Dzień jego powrotu (1931)
  • Renata Słuczańska (1935)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Zofia Nałkowska, I ragazzi di Oswiecim, Roma, Ed. di cultura sociale, 1955.
  2. ^ Zofia Nałkowska, Senza dimenticare nulla, a cura di Giulia De Biase, traduzione di Bruno Meriggi, Napoli, L'Ancora del Mediterraneo, 2006, ISBN 8883251903.
  3. ^ Zofia Nałkowska, L'amore cattivo, traduzione di Maria Rakowska e Ettore Fabietti, Milano, Mondadori, 1944.
  4. ^ Zofia Nałkowska, La casa delle donne, a cura di Anita Kłos, traduzione di Sibilla Aleramo, Pisa, Pacini, 2018, ISBN 978-88-6995-379-8.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9864108 · ISNI (EN0000 0001 2120 1520 · Europeana agent/base/68144 · LCCN (ENn50043105 · GND (DE118785605 · BNF (FRcb120374136 (data) · NLA (EN35769075 · NDL (ENJA001224748 · WorldCat Identities (ENlccn-n50043105