Zoe Fontana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ritratto di Arturo Ghergo delle tre sorelle Fontana. Partendo dal fondo: Micol, Giovanna, Zoe, 1955

Zoe Fontana (Traversetolo, 16 maggio 1911Roma, 31 ottobre 1979) è stata una stilista e imprenditrice italiana.

È celebre per avere fondato, insieme alle sue sorelle Micol e Giovanna, l'atelier romano di alta moda Sorelle Fontana.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Zoe Fontana nasce il 16 maggio del 1911 a Traversetolo, un piccolo paese collinare in provincia di Parma[2]. Conseguita la licenza elementare, comincia a lavorare fin da giovane, nella sartoria di famiglia, con le sorelle e la mamma Amabile Dalcò, che le insegna il lavoro. Presso il paese natale conosce Mario Montanarini, un restauratore di mobili, che sposa nel 1934[2].

Dopo un periodo di due anni a Parigi col marito, decide di provare a trasferirsi a Roma ancora giovane. Lì viene raggiunta due mesi dopo dalle sorelle Micol e Giovanna, che condividono con lei l'appartamento nel quale vivono a causa della forte povertà[2].

Inizialmente lavora presso la sartoria Zecca, fino a quando il suo datore di lavoro si accorge della sua straordinaria dote e le affida il compito di confezionare degli abiti da sera per la cliente più prestigiosa della boutique. Dopo la nascita del primo figlio, nel 1937, Zoe è licenziata dalla ditta Zecca, con la motivazione di scarso rendimento. In realtà la vere ragioni sono la gravidanza e il puerperio.

In seguito riesce a trovare lavoro presso la sartoria Battilocchi. Qui diviene in breve tempo première, con l'incarico di seguire le prove delle clienti, fra le quali anche la regina Elena; è questa l'occasione di fare le prime conoscenze importanti tra cui Gioia Marconi Braga, figlia del celebre fisico Guglielmo, la quale, quando le tre sorelle si mettono in proprio, ne divenne cliente, portando con sé altre amiche appartenenti all’alta società romana.

Nel 1947 fonda insieme alle sorelle l'azienda Sorelle Fontana, celebre casa di alta moda, che ha vestito le più famose dive degli anni cinquanta, sessanta e settanta.[1]

Nel 1953 concorre a fondare, insieme alle sorelle e ad altri grandi nomi dell'epoca (tra cui Emilio Schuberth, Alberto Fabiani, Vincenzo Ferdinandi, Jole Veneziani, Giovannelli-Sciarra, Mingolini-Guggenheim, Garnet, Simonetta), il SIAM - Sindacato Italiano Alta Moda, in disaccordo con il co-fondatore dell'Alta Moda in Italia il nobile fiorentino Giovanni Battista Giorgini. I "secessionisti", come vengono chiamati, sono gli stilisti che polemicamente fanno sfilare le loro creazioni nei propri atelier a Roma, due giorni prima delle sfilate di Palazzo Pitti a Firenze.

È morta il 31 ottobre 1979. Dopo la sua morte venne avviata una diversificazione produttiva all'interno dell'azienda in base al target dei prodotti[2].

Riferimenti nell'intrattenimento[modifica | modifica wikitesto]

La stilista è stata interpretata da Anna Valle nella miniserie televisiva Atelier Fontana - Le sorelle della moda del 2011 per la quale la sorella Micol Fontana ha contribuito come consulente ed ha fatto un cameo nei panni di se stessa nel prologo e nell'epilogo.

Archivio[modifica | modifica wikitesto]

L’archivio della Fondazione Micol Fontana di Roma[3], nel fondo Sorelle Fontana Alta Moda (estremi cronologici: 1940 - 2002)[4], conserva abiti, figurini, biblioteca, emeroteca, fondo fotografico, ricami e accessori dell’Atelier Sorelle Fontana. Alcune creazioni Fontana sono esposte anche presso l’Archivio dell’Alta Moda Italiana di Roma.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Sorelle Fontana Alta Moda s.r.l.
  2. ^ a b c d DBI
  3. ^ Fondazione Micol Fontana, su SIUSA - Sistema informativo unificato delle Soprintendenze archivistiche. URL consultato il 31 agosto 2018.
  4. ^ fondo Sorelle Fontana Alta Moda, su SIUSA - Sistema informativo unificato delle Soprintendenze archivistiche. URL consultato il 31 agosto 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]